Giacomo Galliani: Quante vite puoi vivere? Tutte quelle che vuoi!

Articoli correlati

Diventa anche tu un ASICS Frontrunner!

ASICS cerca nuovi Frontrurrer! Manda la tua candidatura e incrocia le dita e i lacci delle scarpe ;)

Francesco Guerra: un coach, un’ispirazione

Francesco Guerra ha un modo tutto suo di vivere la corsa, ed è un modo bellissimo. Per questo motivo, oltre che un coach, è una vera fonte di ispirazione per tutti gli atleti che segue (e non solo per loro)

Alessia Sergon: la corsa (e la vita) è uno sport di squadra

Oggi parliamo di Alessia Sergon, una runner a cui non interessa andare molto veloce perché, per lei, la corsa è altro: è socializzazione e divertimento.

Beatrice Barbieri: passione e vita possono coincidere

Non è facile trovare il giusto equilibrio tra quello che facciamo e quello che amiamo fare. Beatrice è un ottimo esempio di chi c'è riuscito.
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 2 minutiLa passione di Giacomo per tutto ciò che fa traspare dal primo momento che lo conosci e inizi a parlarci insieme. Anzi, basta solo dare un’occhiata al suo account Instagram per capire quanto entusiasmo sia in grado di trasmetterti.

Ma, quando si approfondisce un po’ di più la sua conoscenza, capisci che siamo di fronte a una persona coerente, con un carattere forte e, proprio per questo, umile nella sua sostanza. La stessa umiltà di chi sa quanto sia difficile ottenere un risultato e, proprio per questo, nutre rispetto per tutti.

E non è facile da trovare in un ragazzo che, a 22 anni, ha preso in mano la sua vita per seguire le sue passioni.

Farsi trascinare dagli eventi? No, grazie

Spesso siamo – in certi aspetti – vittime degli eventi. Ci facciamo trascinare dall’incedere della vita, degli eventi. Seguiamo la corrente, per dirla in modo semplice. E, se vogliamo uscire da questo “destino prestabilito”, dobbiamo necessariamente avere il coraggio di fare scelte che siano non convenzionali.
Esattamente come ha fatto Giacomo.

Giocava a calcio a livello semi-professionistico ma quel mondo non gli apparteneva: era diventato più un lavoro che l’espressione della sua passione e, a 22 anni, ha deciso di chiudere quella fase della sua vita per aprirne un’altra.

È facile? No, tutt’altro. Ci vuole coraggio e serve una grande consapevolezza, magari anche un briciolo di incoscienza. Ma, soprattutto, bisogna avere le idee ben chiare – «correre, pedalare, andare in montagna è la mia passione e ho deciso di liberarmi da tutto ciò che mi “limitava” per seguire la mia passione».
Quasi a togliersi tutti i fardelli di dosso per acquisire un nuovo livello di libertà e iniziare – in questo modo – una nuova vita (e chissà quante altre vite avrà davanti).

“Sì, si può fare”

C’è un’intera filosofia dietro a queste quattro parole. C’è la passione nel suo lavoro di personal coach e nell’aiutare le persone a raggiungere i loro obiettivi.

C’è la voglia di migliorare sempre di più, liberandosi dai limiti per andare verso ciò che può spaventare, come vincere la paura dell’acqua e imparare a nuotare per affrontare il suo primo Ironman 70.3.

C’è la voglia di sfida e amicizia per affrontare in compagnia di altri tre ragazzi un giro in bici nel deserto di Israele a luglio con 50°C. E, da lì, avere la voglia di andare ancora più lontano. Dal Mar Morto, il punto più basso della terra, a quello più alto.
E quindi partire per raggiungere in mountain bike il campo base dell’Everest. Arrivando dove i bambini non sapevano nemmeno cosa fosse una bicicletta.

È voglia di vivere appieno e di ispirare quello che anima Giacomo. E proprio in questo contesto vive la sua partecipazione agli ASICS Frontrunner, dove tutti hanno lo scopo di ispirare a fare lo sport, in modo diverso ma sempre con il divertimento e la passione che anima persone autentiche.

Ora Giacomo ha davanti un altro Ironman 70.3 (in Marocco) e poi la Maratona di Firenze – l’appuntamento dell’anno per gli ASICS Frontrunner. E poi?

E poi chissà quante altre vite vivrà questo ragazzo di Carate Brianza che non riesce mai a stare fermo e che mette moltissima passione nell’aiutare gli altri a raggiungere i loro obiettivi.

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.