Cos’è il drop di una scarpa da running

Cos'è esattamente il drop di cui parliamo in riferimento alle scarpe da running? È importante? Ecco tutte le risposte!

Tempo di lettura: 3 minutiQuando recensiamo le scarpe da running spesso ci capita di citare un dato che forse non è chiaro a chiunque: il cosiddetto “drop”. Pur spiegando ogni volta che si tratta della differenza di altezza fra tacco e punta della scarpa la domanda che magari ti stai ponendo è lecita: perché dovrebbe interessarti questo valore? In effetti l’argomento può avere il fascino che ha il dato sulla distribuzione della forza motrice fra avantreno e retrotreno di un’auto: una cosa cioè che trovano interessante 40 persone al mondo, e 23 di queste sono tecnici della Ferrari (si scherza!).

Il potere dei millimetri

I drop delle scarpe da running variano da modello a modello in un intervallo che va generalmente da 0 a 12 mm. Alcune scarpe non hanno alcun differenziale fra tacco e punta (drop 0) e altre ce l’hanno, più o meno pronunciato. Quelle con drop 0 sono considerate “minimal” o “natural” perché non introducono nessuna correzione “non naturale” dell’appoggio del piede. Il piede scalzo appoggia infatti sia la punta che il tallone alla stessa altezza su una superficie piana. Più differenziale/drop c’è, più la scarpa porta il runner ad assumere un’impostazione di corsa “modificata”.

Possono pochi millimetri fare tutta questa differenza? Sì: nel caso specifico è utile leggere questa misura non tanto sulla pianta del piede ma piuttosto sulla lunghezza del polpaccio. Più alto è il tallone (più drop ha la scarpa), più “corto” sarà il polpaccio, poiché verrà spinto verso l’alto, in posizione considerata più rilassata o meno estesa.

Come il drop modifica la corsa

Anche i millimetri, come abbiamo visto, contano. Meno drop ha la scarpa, più il polpaccio è basso e teso e più il runner è portato ad atterrare di avampiede. Puoi fare la prova correndo a piedi scalzi: il tuo cervello non comanderà mai ai tuoi piedi di atterrare sul tallone perché sa benissimo quanto male ciò ti provocherà.

Viceversa se il polpaccio è più alto e rilassato si è portati ad atterrare di tallone. Ecco spiegato perché le scarpe da running hanno molta ammortizzazione nella parte posteriore: per attutire l’impatto di una parte del corpo che non è progettata per appoggiare per prima a terra, specie durante la corsa.

A questo punto potresti pensare che correre naturale (con drop nullo) sia la risposta giusta. Non è detto che sia così: se hai sempre corso con drop cambiare abitudini comporta come minimo una fase transitoria durante la quale il tuo fisico dovrà rieducarsi e cambiare impostazione. Il minimo fastidio a cui puoi andare incontro è l’indolenzimento del polpaccio che dovrà lavorare (leggi: estendersi) molto più di quanto fosse abituato a fare. In casi più gravi si può incorrere invece in strappi e traumi più seri. Come al solito il consiglio è di approcciare un cambiamento così radicale con molta gradualità.

Mac vs Windows

Ricordi la noiosissima sfida di anni fa su quale fosse il miglior sistema operativo? Era quello Apple o quello Microsoft? Nessuno si ricorda come sia finita, probabilmente perché né l’uno né l’altro era meglio in valore assoluto. La risposta giusta, come spesso succede, è: dipende.

Se hai un piede ben allenato e corri naturalmente di avampiede puoi usare scarpe con drop minimo o nullo.

Se sei abituato da sempre a correre con drop più o meno pronunciato e non ti sei mai infortunato potresti chiederti perché mai cambiare. E faresti benissimo, e io sarei il primo a dirti che non ce n’è alcun bisogno.

Se invece hai subito più infortuni riconducibili al drop potresti provare ad abbassarlo e, al limite, ad annullarlo.

Parlandoti per esperienza personale e avendo provato decine e decine di scarpe con drop ti posso anche dire che io, che corro di avampiede e quindi con impostazione “natural” non ho mai avuto problemi a usare scarpe con drop anche pronunciati. Lavorando solo con l’avampiede infatti la parte di scarpa che uso è quella anteriore, che ha un drop sostanzialmente nullo in qualsiasi scarpa da running.

Il drop che unisce tutti

Il dibattito su “drop sì o no” in realtà è nato quando anni fa apparvero le prime scarpe natural o barefoot: parlo di scarpe davvero estreme per pochi eletti, robe con drop inesistenti e soprattutto zero ammortizzazione se non pochi millimetri di gomma sotto la pianta. È chiaro che chi correva con scarpe del genere senza avere un piede da ultramaratoneta finiva in ortopedia dopo pochi chilometri.

Da qualche anno a questa parte invece si è assistito a una convergenza del mercato verso modelli che hanno caratteristiche derivate sia dalla scarpa natural che da quella tradizionale. Oggi ci sono scarpe con drop contenuti o nulli ma con molta ammortizzazione (tipo quelli maximal) e scarpe “tradizionali” con drop più bassi e puntali più ampi.

Come spesso accade, la virtù sta nel mezzo e l’offerta ha trovato il suo punto di equilibrio in modelli che hanno limitato le esagerazioni in un senso o nell’altro diventando valide alternative per molti e diversi tipi di runner. Oggi possiamo finalmente scegliere fra decine e decine di modelli: con drop, senza drop, con poca o tanta ammortizzazione, con pianta larga o stretta e fatti di mille materiali diversi.

Se non trovi la scarpa che fa per te non puoi di certo prendertela con chi le produce ;)

Avatar
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Altri articoli come questo

L’intelligenza di chi corre

Per uscire dalla zona comfort puoi spaccarti di allenamenti oppure essere curioso e leggere libri o ascoltare musica o vedere film. O fare tutto questo, assieme

La prova del Miglio Magico

C'è un metodo semplice per capire esattamente quale sarà la tua andatura in gara. Per conoscerlo devi correre il Magico Miglio, ma non è niente di mistico!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.