Correre a Tokyo

Secondo episodio della trasferta di Cristina in Giappone: e questa volta siamo a Tokyo

Articoli correlati

Correre a Miami

Non c'è posto dove Cristina non sia stata. Questa volta la troviamo a Miami. Che scriva guide di viaggio per lavoro?

Correre sul Monte Fuji

Dopo le prime due tappe a Kyoto e Tokyo, Cristina è arrivata sul Monte Fuji. Per correrlo, ovviamente!

Correre a Kyoto

Correre fra vecchie case di legno fino al palazzo dell'imperatore. Non è una favola: questo succede quando corri a Kyoto

32 imperdibili consigli + uno per correre al meglio la Maratona di New York

32 (+1) consigli che renderanno la tua NY City Marathon ancora più bella e perfetta
RunLovers
Ognuno corre come vuole, semplicemente, naturalmente. Semplicemente, naturalmente, Runlovers parla di cosa si parla quando si parla di corsa.

Tempo di lettura: 3 minutiDopo una prima tappa a Kyoto, Cristina è arrivata a Tokyo dove ovviamente… ha corso!


東京 (Tokyo): ci è voluto meno di quanto pensassi a raggiungere il Giappone in aereo, ma la differenza di fuso orario si fa sentire tutta, e come ho imparato in svariati viaggi nel corso degli anni, la corsa è un metodo infallibile per rimettermi in sesto. E così, neanche ventiquattr’ore dopo essere atterrata, ho le scarpette ai piedi e sono pronta per un booster di energia!

L’Airbnb dove sono alloggiata è in una piccola stradina secondaria in una tranquilla zona caratterizzata da basse costruzioni in cemento e qualche pista ciclabile. Oltrepasso alcune donne anziane che spazzano i marciapiedi davanti alle loro casette e mi dirigo verso una strada più ampia che sembra essere un’arteria principale del quartiere. Non sono ancora le sette di mattina e c’è già un discreto movimento in giro: il clima è quello di una fresca mattina d’estate che presto lascerà il posto a temperature più calde. I negozi sono ancora chiusi e i marciapiedi sono popolati da gruppi di uomini vestiti tutti uguali: camicia bianca dentro pantaloni neri, cintura in vita e valigetta alla mano, si dirigono verso il proprio posto di lavoro quasi senza parlare tra di loro.

Entro dentro il Shinjuku Chuo Park e mi imbatto in un gruppo di studenti intenti a spazzare le foglie del giardino pubblico. Indossano tutti l’uniforme della scuola e quando passo accanto a loro interrompono l’attività di pulizia e mi salutano con un movimento in giù e in su della testa. Ricambio con un konnichiwa e un sorriso, sicura di aver già visto questi gruppi di studenti in mille e uno cartoni animati.
Incrocio qualche altro runner, tutti giapponesi, sia uomini che donne: mi salutano con un cenno del capo e più che correre, sembra che stiano facendo una corsetta di riscaldamento, dato che hanno un’andatura molto lenta e rilassata e i passi sono piccoli e ravvicinati.

Oltre a qualche scoiattolo, il parco ospita anche dei templi e dei ponticelli la cui aurea di calma e tranquillità è in netta contrapposizione con i grattacieli di vetri scintillanti che si ergono a partire oltre la fine del parco. Incuriosita, mi dirigo verso questa zona caratterizzata da grandi palazzi di vetro e marciapiedi tirati a lustro: corro immersa nelle ombre a livello della strada e di tanto in tanto mi imbatto in grandi schermi touchscreen e in voci metalliche che impartiscono istruzioni in giapponese e che probabilmente suggeriscono quale lato della strada tenere quando si cammina, come pagare il parcheggio o tenere pulito lo spazio pubblico, chissà. Decisamente inusuale la presenza di cotanta interazione digitale per le strade cittadine.

Faccio dietrofront e corro in senso contrario a quello tenuto dalla maggior parte delle persone per strada: folti gruppi di impiegati e impiegate camminano tranquilli e sicuri verso i loro uffici e i loro incontri di lavoro lasciandosi alle spalle la tranquillità del parco e un quartiere residenziale dove probabilmente torneranno solo a tarda sera. Io invece mi ci ributto a capofitto, pronta per una doccia e una colazione a base di caffè e tamagoyaki (omelette giapponese), e pronta per esplorare questa città e questo paese dove la dimensione umana più raccolta e tranquilla sembra mischiarsi così bene con la spinta verso un futuro più veloce e tecnologico.

Cristina Lussiana


Gli altri viaggi di Cristina:

AFRICA
– Angola
– Benin
– Città del Capo
– Congo
– Lesotho
– Mali
– Madagascar
– Mozambico
– Nairobi
– Rwanda
– Senegal
– Sudafrica

AMERICA
– Guatemala
– Hawaii
– New Orleans
– Washington

ASIA
– Bangkok
– Cambogia
– Kathmandu
– Kyoto
– Myanmar

EUROPA
– Amsterdam
– Cambridge
– Ginevra
– Oslo
– Portogallo


- Advertisement -
- Advertisement -

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Riparte Fuorisoglia, riparti tu!

Riprende il nostro podcast “Fuorisoglia”: tante le novità che ti sveleremo nelle prossime settimane e sempre lo stesso divertimento!

Iniziare a correre da zero

Iniziamo un progetto in 6 "puntate" che ci accompagnerà alla My Deejay Ten di ottobre. E iniziamo dall'inizio: come iniziare a correre. Iniziamo? ;)

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

I test per misurare le prestazioni

In questa puntata di Fuorisoglia parliamo di quali test fare per capire le tue prestazioni nella corsa. Come sta il tuoi fisico? Come puoi migliorarti? Dal più semplice al più complesso, saprai tutto!

I test per conoscere meglio il tuo corpo

Una serie di test per conoscere meglio la tua condizione fisica

La prova dei 10 chilometri “tranquilli”

Un test molto interessante da svolgere su 10 Km - distanza che unisce velocità e resistenza - per misurare il risultato dei tuoi allenamenti senza caricare troppo.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.