Correre a Cambridge

Correre a Cambridge, come in un romanzo in cui tutto è perfetto e curato. Solo che è la realtà.

Articoli correlati

Correre a Miami

Non c'è posto dove Cristina non sia stata. Questa volta la troviamo a Miami. Che scriva guide di viaggio per lavoro?

Correre sul Monte Fuji

Dopo le prime due tappe a Kyoto e Tokyo, Cristina è arrivata sul Monte Fuji. Per correrlo, ovviamente!

Correre a Tokyo

Secondo episodio della trasferta di Cristina in Giappone: e questa volta siamo a Tokyo

Correre a Kyoto

Correre fra vecchie case di legno fino al palazzo dell'imperatore. Non è una favola: questo succede quando corri a Kyoto
RunLovers
Ognuno corre come vuole, semplicemente, naturalmente. Semplicemente, naturalmente, Runlovers parla di cosa si parla quando si parla di corsa.

Tempo di lettura: 3 minuti“Manicured” è la prima parola che mi viene in mente guardando il prato all’inglese di questo parco cittadino e le basse casettine a schiera lungo il suo perimetro. Tutto sembra curato nei minimi dettagli, come se qualcuno si prendesse cura del verde pubblico e degli spazi privati prima che gli agenti atmosferici e il passare del tempo possano intaccarne la bellezza e l’ordine. Non credo di aver mai visto una cittadina così ben tenuta. E non che Cambridge sia particolarmente turistica: probabilmente è una zona benestante e ci tengono a trasmettere un’immagine pulita e ordinata.

Mi allaccio le scarpe sui gradini di casa e mi dirigo verso il parco: sono le 6 del mattino e c’è un discreto movimento in giro, soprattutto pedoni, ciclisti e runners. Oltrepasso le staccionate che delimitano il marciapiede dal parco e prendo un sentiero sterrato che dovrebbe portarmi dritta dritta al lungo fiume. Passo accanto a un gruppo di mucche che in tutta libertà e tranquillità mangiano il verde del parco pubblico: per un parco cittadino è una scena molto bucolica; la campagna non dev’essere troppo lontana. Attraverso tutto il parco e arrivo alla fine del sentiero, dove riprendo l’asfalto del marciapiede che costeggia il fiume River Cam. Le casette che si affacciano sull’altro lato della strada sono in mattoni e non superano mai i due piani di altezza, più un comignolo. Sono delimitate da bassi muretti che ospitano un piccolo giardinetto, una panca e delle biciclette prima della porta di ingresso.

Nonostante sembrino un po’ tutte uguali, i colori dei muri e i fiori degli alberi nei giardini donano loro un aspetto unico e variegato.
Passo sopra un ponte pedonale e mi porto dall’altro lato del fiume e proseguo accanto ad una pista ciclabile che presto si trasforma in un sentierino che costeggia il fiume. Le case a poco a poco spariscono e attorno a me rimangono solo alberi, prati e il placido fiume la cui superficie non è ancora increspata dal vento. L’unico suono è dato da qualche uccellino che cinguetta qua e là e dalle mie scarpe da corsa che calpestano lo sterrato. Incontro un paio di ciclisti e un altro runner, ma nessuno saluta nonostante un mio accenno.

Continuo a correre in solitaria, ammirando i colori e i profumi della campagna all’alba e la tranquillità che trasmette, forse perché non c’è traccia di attività umana, spesso frenetica. Sento arrivare da dietro le spalle il suono dei remi delle barche di canottaggio e man mano che si avvicinano distinguo anche delle altre voci: sono i capitani delle barche che danno ordini a chi voga per far sì che i movimenti siano il più possibile sincronizzati ed efficienti. Una, due, tre e quattro barche di canottaggio: sono tutti teams femminili e in men che non si dica, con poche e decise remate, mi superano e scivolano via sulla superficie del fiume. Affascinante, non c’è che dire.

Con questa immagine dentro gli occhi, faccio dietro front e torno verso casa. Nel corso della settimana, Cambridge mi regalerà altre bucoliche corse mattutine a un paio di km dal centro cittadino: davvero rilassante come modo di iniziare la giornata!

Cristina Lussiana


Gli altri viaggi di Cristina:

AFRICA
– Angola
– Benin
– Città del Capo
– Congo
– Lesotho
– Mali
– Madagascar
– Mozambico
– Nairobi
– Rwanda
– Senegal
– Sudafrica

AMERICA
– Guatemala
– Hawaii
– New Orleans
– Washington

ASIA
– Bangkok
– Cambogia
– Kathmandu
– Kyoto
– Myanmar
– Tokyo

EUROPA
– Amsterdam
– Ginevra
– Oslo
– Portogallo


- Advertisement -
- Advertisement -

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Iniziare a correre da zero

Iniziamo un progetto in 6 "puntate" che ci accompagnerà alla My Deejay Ten di ottobre. E iniziamo dall'inizio: come iniziare a correre. Iniziamo? ;)

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

I test per misurare le prestazioni

In questa puntata di Fuorisoglia parliamo di quali test fare per capire le tue prestazioni nella corsa. Come sta il tuoi fisico? Come puoi migliorarti? Dal più semplice al più complesso, saprai tutto!

I test per conoscere meglio il tuo corpo

Una serie di test per conoscere meglio la tua condizione fisica

La prova dei 10 chilometri “tranquilli”

Un test molto interessante da svolgere su 10 Km - distanza che unisce velocità e resistenza - per misurare il risultato dei tuoi allenamenti senza caricare troppo.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.