Conti alla rovescia

Ad un mese dalla Maratona i giochi sono quasi fatti e le idee si iniziano a schiarire. O almeno dovrebbero.

Articoli correlati

Due ciambelle e un caffè freddo, thanks

È più o meno la metà di un pomeriggio di inizio Aprile, sono a Londra e sto correndo lungo il Tamigi, su un percorso...

Nelle terre di Babbo Natale

Non è ancora suonata la mia solita sveglia e io sono già in piedi, pronto per uscire a correre per un paio d’ore, su...

I mosaici di Ravenna

Ravenna è una città della riviera Romagnola famosa in tutto il mondo per i suoi mosaici. Da ventuno anni ci si corre una Maratona discretamente...

Le ciambelle di Lisbona

Tornato da Los Angeles, a marzo 2017, annotai sul mio "elenco di gare che vorrei fare" la Maratona di Lisbona e quella di Venezia,...
Pietro Paschino
Pietro corre, sempre. Anche due volte al giorno. Si narra che, a causa di tutte le scarpe che ha consumato, i negozi specializzati gli stendano un tappeto rosso per favorire il suo ingresso tra squilli di trombe e urla di tripudio. Pietro è una persona meravigliosamente incoerente: prende la corsa con serietà ma ci scherza su; ama la Sardegna e gli manca la Norvegia. Pietro racconta in modo stupendo la corsa vissuta da uno che la pratica con amore viscerale, e questa è la cosa più importante.

Tempo di lettura: 3 minutiHo passato le ultime dodici settimane a preparare la Maratona di Lisbona. Ho corso molto ovviamente, ma, soprattutto in alcuni casi almeno, ho corso bene. Bene nel senso che ho rispettato i dettami di Charlene, la mia tabella di allenamento, quasi alla lettera. Ho corso quasi tutte le lunghe distanze previste (farò l’ultimo lunghissimo domani) senza troppi grossi problemi e mi sono anche un po’ meravigliato in alcune occasioni per la (relativamente) poca stanchezza o per la (sempre relativamente) buona media per chilometro tenuta. Ho anche avuto modo di fare un po’ di corse tranquille ed in compagnia, che è una cosa che mi fa sempre molto piacere indipendentemente dal passo che si mantiene. Nel momento in cui scrivo questo articolo, mancano esattamente trenta giorni alla gara, e comincio a fare un po’ di check sul mio stato fisico e mentale e ad entrare in quel mood da “conto alla rovescia” che caratterizza ogni data importante segnata sul calendario. Dal punto di vista fisico, ahimè, non è che abbia migliorato tanto per quel che riguarda la questione peso. La realtà forse è che non mi sono impegnato come avrei dovuto e potuto, un po’ perché è stato un periodo parecchio intenso di lavoro, in cui ho avuto occasione di pranzare in maniera adeguata solo in pochi casi, un po’ perché quando pure avrei potuto fare un po’ più attenzione ho invece ceduto a qualche peccato di gola. Niente di irrimediabile in trenta giorni, ma temo dovrò rinunciare alle mie amate paste alla crema per un po’ a colazione, e magari a qualche pizza di troppo alla sera. Nella mia ottimistica idea di qualche settimana fa, a questo punto avrei dovuto avere inoltre, oltre a quello fisico, anche uno stato mentale adeguato a correre una Maratona. Non sono ancora certissimo sia così, però è anche vero che nella vita di un corridore amatoriale correre non può essere realmente la priorità, per cui con Charlene ci siamo dati ancora un po’ di tempo prima di – eventualmente – adeguare il piano dell’ultimo mese di allenamenti. Ho pertanto cerchiato sul calendario la data della prossima domenica (un altro conto alla rovescia!), in cui correrò l’Alghero Half Marathon (ci sarai? Ci vediamo lì?), come ultima possibile per decidere se cercare di limare al massimo il tempo ottenibile o se partire per il Portogallo senza caricarmi di troppe aspettative. Ad Alghero farò nuovamente (spero meglio dello scorso anno) il pacer dell’ora e trenta insieme al collaudatissimo Tore, per cui sarà più che mai un buon test, importante per capire come siano le mie condizioni sia durante che dopo una gara.

Ad ogni modo, qualsiasi sia il risultato del test algherese, ho per Lisbona il solito obiettivo che conto di raggiungere in ogni gara – Maratona inclusa -, quello di divertirmi. Ogni tanto, soprattutto nei momenti in cui mi sembra di star facendo più fatica durante gli allenamenti, cerco di focalizzare questo pensiero, di ricordarmi che corro Maratone per questo: arrivare col sorriso. Manca soltanto un mese e sarò di nuovo lì, su una linea di partenza, pronto per emozionarmi in ciascuno dei quarantaduemilacentonovantacinque metri del percorso che costeggia l’Atlantico della capitale portoghese.

– Vuoi partire con le tue solite chiacchere, ad Alghero?
– Vediamo Charlene, non vorrei esagerare all’inizio, dici che dovrei chiacchierare da subito?
– No, era una cosa ironica, pensa a correre.
– Ok, non parlo. Non troppo almeno, dai.

[CONTINUA?]

Altri articoli

3 COMMENTS

  1. Sempre fortissimo, leggero, simpatico e con “lo spirito giusto”: sei un Grande, Pietro!
    Un abbraccio, se ripassi da Reggio Emilia, questa volta ci becchiamo.
    Ciao

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.