Coming home, la playlist

Forse non conosci Anderson .Paak ma dopo averlo conosciuto con questa playlist non potrai più farne a meno

Tempo di lettura: 1 minuto

In genere ti proponiamo playlist monotematiche solo per musicisti o gruppi storici. Glorie del rock e mostri sacri della musica, cose così.

Questa volta invece te ne proponiamo una di un musicista che probabilmente non conoscerai. Forse l’avrai sentito per radio in questi giorni con la bellissima “Make it Better” o forse ricorderai la canzone che accompagnava lo spot dell’Homepod di Apple firmata da Spike Jonze, quello con quell’incredibile scenografia che si dilatava e slittava e diventava un gioco caleidoscopico.

Anderson .Paak è un autore relativamente poco noto eppure è capace di comporre musiche pop, orecchiabili, canticchiabili e bellissime, con un livello di produzione sapiente e raffinatissimo.

Ma non è solo questo. Un tema frequente nella musica di Anderson .Paak è quello del ritorno a casa, che è poi il titolo di un’altra sua bellissima canzone. Ma non c’è niente di nostalgico o triste nella casa che lui canta. Le sue canzoni sono molto solari e hanno molte sonorità dell’R&B più classico. È un po’ come sentire un funk elettronico e aggiornato ai giorni nostri, con un po’ di jazz sottotraccia e dell’ottimo hip hop qua e là.

“Shake it” si direbbe e .Paak shakera tutto molto bene e ci offre questa musica piena di groove, calda e sensuale, perfetta per una corsa rilassata e supercool.

Sullo stesso argomento:
Radio Murakami

(Photo by Dino Reichmuth on Unsplash)

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.