Cappellini da running: quali sono e come sceglierli?

Articoli correlati

8 cose a cui badare quando compri le scarpe

Ogni piede ha la sua scarpa e le scarpe si scelgono con i piedi ma è anche vero che in negozio è difficile capire come saranno fra 50 km. Però alcune cose le puoi capire anche da fermo

8 accessori indispensabili per runner (da 7 euro in su!)

Non ci avevi pensato, non sapevi dove trovarli o come cercarti, non riuscivi a scegliere tra 200 prodotti? Ecco 8 accessori indispensabili per chi corre.

Nike riscopre (finalmente) il trail running

C'è questo termine siculo che amo svisceratamente poiché mi si addice parecchio: tampasiàre. È uno di quei termini pressoché intraducibili, se proprio lo vogliamo...

La scarpa giusta per ogni allenamento

Ogni allenamento vuole la sua scarpa. Oggi parliamo proprio di questo: è meglio avere un unico paio o delle scarpe specifiche per ogni tipo di allenamento?

Tempo di lettura: 3 minutiI cappellini da running sono tra gli accessori più amati e odiati dagli amanti della corsa: i runner si dividono tra chi li giudica un elemento indispensabile dell’outfit da allenamento e chi invece non vuole nemmeno sentirne parlare.

Ma quali sono i cappelli di running e come si scelgono? Sono davvero utili e quali caratteristiche devono avere per svolgere al meglio il loro compito?

La prima cosa da evidenziare è che i cappelli sportivi hanno una stagionalità: d’inverno sono fondamentali per tenere il capo al caldo, specie in caso di temperature particolarmente rigide, mentre in estate è meglio utilizzare cappellini tecnici traspiranti. Un cappellino “normale” infatti ti ripara dai raggi del sole, ma trattiene il calore e può perfino favorire l’ipertermia, specie nelle ore più calde della giornata (nelle quali dovresti comunque evitare di correre in estate!).

Vediamo allora quale cappellino da corsa abbinare alle diverse condizioni climatiche.

Correre sotto il sole con il caldo: il cappellino da running perfetto

La parola chiave per l’abbigliamento da corsa in estate è “traspirazione”. T-shirt,  intimo, pantaloncini: tutto deve essere in un materiale tecnico che favorisca l’evaporazione del sudore e la dissipazione del calore accumulato dal corpo.

I cappellini da running non devono essere da mano: l’ideale sono quelli in tessuto traspirante con visiera per riparare occhi e viso dal sole.

I runner che amano il minimalismo possono scegliere un cappellino come Compressport Ultralight Visor Cap: si tratta di un cappello composto dalla sola visiera, che offre ombra e al contempo assorbe il sudore, contribuendo così a mantenere la tua visione sempre limpida. Sceglilo se riesci ad allenarti lontano dalle ore più calde della giornata, perché non protegge il capo dal sole.

Cappelli sportivi

Se invece sei affezionato al classico cappello sportivo bianco, il modello R96 Cl di Adidas è quello che fa per te: la tecnologia Climacool ti assicura massima freschezza e traspirabilità nelle giornate più calde.

Non sei un amante dei cappelli da running? C’è una soluzione anche per te: si tratta dei “tubolari” multifunzione come Buff UV Insect Shield Protection. Un indumento in tessuto tecnico elasticizzato che offre una protezione UV al 95% grazie alla tecnologia Coolmax Extreme. Questo tessuto non offre solo protezione da sole, ma anche dagli insetti, grazie a un principio attivo che si mantiene inalterato fino al 70  lavaggi, una sicurezza in più durante le afose giornate estive.

Se preferisci non indossare un cappello, ricorda di bagnare spesso la testa durante l’allenamento.

Il cappello sportivo da indossare con temperature rigide

Se corri in inverno, specie se vivi in zone con temperature particolarmente rigide, devi porre particolare attenzione al tuo abbigliamento per evitare di ammalarti (e perdere preziose giornate di allenamento). La priorità in questo caso è mantenere la tua temperatura corporea e lasciar evaporare il sudore senza disperdere il calore, ma senza appesantirti troppo!

Cappellino da corsa

Fondamentale scegliere un abbigliamento da running tecnico, composto da materiali antivento, antipioggia ma al contempo traspiranti. Il capo deve essere sempre coperto da un berretto: ricorda che la maggior parte del calore, circa il 30%, viene rilasciato attraverso la testa. Il tipo di cappello varia in base alla quantità di capelli: se li hai molto corti, scegli un berretto in materiale tecnico, mentre se hai molti capelli puoi scegliere una fascia che protegga fronte e orecchie, perché avrai meno problemi di dispersione di calore. Chiaramente la fascia non sarà sufficiente se corri a temperature inferiori ai 10 gradi sotto zero: in tal caso il cappello è sempre d’obbligo (anche se con queste condizioni atmosferiche ti consigliamo di valutare un allenamento indoor, vista l’eccessiva differenza tra la temperatura esterna e quella del tuo corpo).

Correre con vento, pioggia o neve

Durante l’allenamento invernale, pioggia, vento e neve sono spesso compagni (indesiderati!) di noi runner.

In caso di condizioni atmosferiche difficili, è possibile indossare un cappellino in tessuto quick-drying, come il modello di GORE Wear, un cappello superleggero e facilmente ripiegabile, che può essere conservato in poco spazio senza danneggiare la visiera ed utilizzato nel momento di bisogno. Ti proteggerà dalle fastidiose gocce di pioggia che possono colpire il volto.

Lo stile passa anche dal cappello!

Perché rinunciare allo stile quando si corre? Il cappello da running è sicuramente uno degli elementi dell’outfit con quale puoi esperire al meglio la tua personalità, perché ti permette di sbizzarrirti senza rinunciare alla qualità dei materiali.

Ad esempio, sei un amante del vintage? Durante il tuo prossimo allenamento puoi indossare il Cappellino da ciclismo Brooklyn, un vero classico che ti permetterà di distinguerti! Ma puoi fare lo stesso anche se ami uno stile più contemporaneo: ad esempio, puoi personalizzare il tuo cappellino da corsa con stampe uniche, che avrai solo tu, o più semplicemente con il tuo nome,

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

La corsa fa male alle ginocchia?

Hai male alle ginocchia? Colpa tua che corri! E invece no: non è detto e la corsa potrebbe essere l'ultimo problema

Il nuovo spot Nike per dirci che ci rialzeremo

Nike ha fatto un nuovo spot in cui non parla dei suoi prodotti ma della sua visione del mondo. E dice che i campioni sono quelli che non smettono mai di sperarci. E tu sei così?

Brooks Adrenaline GTS 20, la stabilità è comodissima

La ricerca dell'equlibrio e della leggerezza in un tutto armonico: ecco le Brooks Adrenaline GTS 20

Si farà la maratona di New York?

Il sindaco Bill de Blasio, comprensibilmente, dà risposte evasive

Forse non tutti sanno che, running edition

Una serie di notizie e curiosità gustose e spassosissime tanto quanto inutili, ma non si può mica essere sempre seri, no?

U pani cunzatu (il pane condito siciliano)

U pani cunzatu, il pane condito della tradizione siciliana incredibilmente buono. Una preparazione povera diventata un'istituzione.

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Scelti dalla redazione

Le app per allenarsi bene

App ce ne sono moltissime ma quali scegliere per rendere il nostro allenamento più facile ed efficace? Ecco la selezione delle nostre preferite.

Come scegliere il portacellulare per correre

Il cellulare è ormai un accessorio indispensabile per i runner: da chi lo utilizza per monitorare i propri progressi a chi non rinuncerebbe mai...

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.