ASICS GLIDERIDE: progettate attorno all’atleta

Tempo di lettura: 2 minuti

Mi piace la doppia, anzi, tripla anima di ASICS. Innova a diversi livelli: lavorano sulla tradizione, sviluppano prodotti evoluti e introducono vere innovazioni. E, parlando delle nuove ASICS GLIDERIDE, siamo in quest’ultimo territorio: l’innovazione.

Non è un mistero che l’arrivo delle Metaride abbia introdotto un nuovo concetto di scarpa da running, nato dall’osservazione e dallo studio dell’atleta, rivolto a un prodotto che permetta un risparmio energetico nel movimento della corsa. In una parola: GUIDESOLE. E non si può parlare delle nuove GLIDERIDE senza partire dalla tecnologia che ne è protagonista.

Il team di esperti scientifici e designer dell’ASICS Institute of Sport Science, dopo numerose osservazioni della dinamica e della meccanica di corsa, ha sviluppato questa tecnologia basata su una suola curva ergonomica di precisione che riduce la perdita di energia. GUIDESOLE lavora limitando al minimo i movimenti della caviglia – riducendo così fatica, sforzo e dispendio energetico – per permettere al runner correre più a lungo.

Se Metaride è una scarpa che concentra tutte le più innovative tecnologie ASICS, GLIDERIDE prende quelle che servono per creare una scarpa (che rimane nel segmento premium) accessibile a tutti. Ma non pensare che sia una Metaride “impoverita”. Infatti, in questo nuovo prodotto, troviamo un peso ridotto (265 grammi; 40 meno di Metaride), e un drop di 5 mm e un’ammortizzazione aumentata del 7% per migliorare ulteriormente il comfort.

Sullo stesso argomento:
Enervit diventa Official Nutrition Partner di Ironman

GLIDERIDE: le prime impressioni

La nuova GLIDERIDE, appena calzata, ti fa percepire subito una sensazione di “proiezione in avanti”. Senti proprio il baricentro che tende a spostarsi per procedere, per muoverti.

Dopo aver percorso solo pochi chilometri, non è possibile ovviamente farne una recensione approfondita ma, finora, ci sono due aspetti che mi hanno molto colpito: la leggerezza dinamica e il comfort.

Parlo di leggerezza dinamica perché i 265 grammi – in associazione con la GUIDESOLE – rendono la falcata rapida e rotonda, e l’appoggio è sempre proiettato in avanti. Ma senza dare alcun fastidio ai polpacci come può avvenire con alcune scarpe dal drop basso.

Il comfort non arriva solamente dall’ormai consolidata ed efficiente “ammortizzazione ASICS”. Ma anche da una tomaia molto morbida – pur con il supporto nei punti giusti – e un toebox di generose dimensioni che permette alle dita di aprirsi in appoggio senza essere mai compresse.

In conclusione

Se con le Metaride ASICS ha lanciato una grande innovazione nel mondo della scarpa da running, con le GLIDERIDE queste innovazioni diventano accessibili a tutti. Per migliorare il nostro comfort e la nostra dinamica di corsa.

Il prezzo di listino di 160 euro le posiziona in segmento Premium ma con un costo che si pone tra i modelli di fascia alta e media di ASICS (tra Nimbus e Cumulus, per capirci).

Sullo stesso argomento:
Prova e corri con le novità La Sportiva per il 2019

Dal 27 settembre le troverai in negozio e, fossi in te, andrei a provarle. Ascolta il consiglio!

I presupposti e i valori per una scarpa che si imporrà nel mercato ci sono tutti.

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

2 COMMENTI

  1. Sembra fantastica come scarpa.
    Se dovessi chiedere un parere, premesso che sono pronatore, secondo voi è una scarpa stabile?
    Perché sembra molto promettente come statistiche scientifiche su carta e mi fa anche gola! mi piacerebbe sostituire le mie gel kayano con queste.

    • Ciao Carlo. Sì, è una scarpa davvero molto interessante e con una dinamica strepitosa. Rientra però nella categoria delle scarpe neutre e, pur essendo protettiva, non ha supporti specifici antipronazione. Fossi in te, però, andrei in negozio a provarla per farmi un’idea. ;)

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.