E tu sei un Runlovers anni 80?

Articoli correlati

Cosa c’è per cena? Il banana bread

Inizia una nuova rubrica che parla di cibo non solamente dal punto di vista nutritivo ma anche come appagamento dopo un allenamento, e risponde alla domanda "cosa c'è per cena?"

L’insalata di ananas e tacchino

Un'insalata con tacchino, ananas e tante delizie servite in modo semplice ma sorprendente.

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione
Iaia Guardohttp://www.maghetta.it
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla ad Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? È figlia di un grande maratoneta. Ha pubblicato per Mondadori scalando le classifiche e donando alla Ricerca per il Cancro il suo ricavato. Continua a scrivere, disegnare, cucinare, fotografare inarrestabilmente.

Tempo di lettura: 2 minutiNoi nate negli anni ottanta (ma tu fai finta che io sia molto più giovane, per cortesia) alla vista di Stranger Things abbiamo tirato fuori gli outfit alla Madonna sulla gondola a Venezia e via, pronte a tutto! Leggings colorati e fluo, stretch ovunque e gonne a palloncino senza dimenticare i jeans strappati, gli scaldamuscolo ed è subito Staying Alive perché i settanta sono i cugini strettissimi di primo grado. Dove voglio arrivare oltre a gasarmi per avere il cerchietto bombato e il vestitino con le bretelline come se stessi per presentarmi allo speciale di Non è la Rai? Che la banana split ha fatto storia, sior e siori e che noi più che mai oggi dobbiamo onorarla.

Pochi giorni mi sono detta: “Santo cielo ma io non ho mai messo la banana split su Runlovers!”. E lì giù a punirmi ascoltando gli Wham a tutto volume (togliendo Last Christmas io proprio non ce la facevo, scusa).

La Banana split è perfetta

Ma qualcuno ci ha mai pensato che è perfetta per i Runlovers la banana split? No. Ma è giunto il modello di gridarlo e pure di convincersene. La banana da sempre è un frutto che gli sportivi amano -per milioni di sacrosante ragioni- e se ci metti su la panna e il fondente è fatta. Vincere facilissimo, in pratica.

Se al posto della panna poi ci metti lo yogurt greco zero grassi bianco (sento dei “buhhhhhh in sala!”) puoi pure fare la versione sfigata che vorrei riassumere nel termine: fit.

Quanto detesto queste ricette fit io non ci crederai. Che poi in che senso? Chiamiamola versione sfigata quella con lo yogurt greco e facciamo prima. Sfigata ma non per questo cattiva, sia chiaro! Per una come me che detesta non troppo cordialmente la panna da sempre aggiungere lo yogurt (anche di soia o cocco) una cattiva idea non è.

Ricapitolando

Banana tagliata a pezzetti, fondente fuso ma pure qualche pezzotto e poi yogurt greco bianco, oppure yogurt di soia o cocco e via sbriciolata di frutta secca: mandorle o noci o nocciole. Fresco, velocissimo e delizioso.

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Tutti i benefici della corsa

Dieci ottimi motivi per cui correre è la scelta più giusta che potevi fare

Cosa c’è per cena? Il banana bread

Inizia una nuova rubrica che parla di cibo non solamente dal punto di vista nutritivo ma anche come appagamento dopo un allenamento, e risponde alla domanda "cosa c'è per cena?"

Corri con un pacer virtuale

Ghost Pacer è un prodotto che sfrutta degli occhiali a realtà aumentata per farti correre con un pacer virtuale

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Attenzione: questo articolo vuole solamente fornirti delle indicazioni generali per introdurre un argomento su cui riceviamo molte domande. Poiché siamo tutte diverse, il consiglio...