Stretching: sì o no?

Bisogna fare stretching? E se sì: prima o dopo la corsa? Proviamo a rispondere una volta per tutte.

Hai fatto stretching? Non hai fatto stretching? Ma si può sapere alla fine a cosa serve e se è davvero importante farlo? Partiamo dall’inizio e vedrai che troveremo una risposta definitiva.

A cosa serve lo stretching

Il nome stesso lo spiega: si tratta di esercizi da fare per “allungare” le fibre muscolari. Semplice no? Se hai ancora ricordi delle ore passate a scuola a praticarlo durante l’ora di educazione fisica ricorderai anche a cosa serviva: a “scaldare” il muscolo e a prepararlo all’attività sportiva. Si chiamava infatti riscaldamento ed era preceduto o seguito dalla corsetta attorno al campo.
Tecnicamente di questo si tratta: di manipolare la fibra in modo da allungarla e modellarla, fortificandola allo stesso tempo.

Cosa provoca lo stretching (e non si sa normalmente)

Come ogni attività di manipolazione sulla fibra muscolare, lo stretching, contrariamente a quanto si pensa, non è indolore per il muscolo: più allunghi la fibra, più la metti in tensione e la lesioni, anche se in maniera controllata. Ma allora a cosa serve farlo? Serve a renderla più elastica, efficiente e adatta ai lavori di endurance, non a farle esprimere più potenza esplosiva.

Farlo prima o dopo?

Ok, serve. Allora quando lo faccio? Prima, dopo? La risposta è che non devi farlo né prima né dopo ma a distanza di almeno un paio d’ore dall’allenamento. Se lo fai prima stai solo affaticando un muscolo che di lì a poco dovrà esprimere potenza, se lo fai dopo stai solo affaticandolo dopo che si è già lacerato (parliamo di micro-lacerazioni, non allarmarti). Prima della corsa puoi magari scaldare le gambe con una passeggiata veloce o una corsa leggera; dopo aver corso devi invece lasciarle riposare perché sono in fase di recupero. Il recupero è quel momento importantissimo in cui il muscolo – rilassato – si ricostruisce e riacquista le sue doti. È facile intuire che se allo stress dell’allenamento aggiungi quello dello stretching non gli stai facendo un gran favore.

Come suggerisce spesso Sandro, bisognerebbe cambiare prospettiva sullo stretching: non considerarlo più un’attività accessoria dell’allenamento ma un allenamento a sé stante. Una specie di yoga, da praticare non perché devi ma perché è utile ed è una pausa di meditazione che ti concedi.

(Photo by Alexander Mils on Unsplash)

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

3 COMMENTI

  1. Posso fare una domanda?
    Ma tu dove hai studiato, sei autodidatta?
    Ma a logica, non pensi di fare affermazioni totalmente contraddittorie?
    Ritieni di aver dato con certezza consigli utili?
    Ecco ne ho fatte 3. Cmq Grazie x l impegno

  2. Assolutamente vero!Mi sono dovuta ricredere dopo un lungo periodo di stop x una brutta sciatica ora che sto riprendendo sto addotando la tecnica di stretching a ore di distanza(entro 12 ore comunque) dal allenamento e devo dire che sta dando i suoi benefici…ci dedico più tempo anche senza il pensiero di dovermi muovere per lavarmi preparare da mangiare etc etc..

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.