Sorridere, sognare, esplorare

Articoli correlati

Diventa anche tu un ASICS Frontrunner!

ASICS cerca nuovi Frontrurrer! Manda la tua candidatura e incrocia le dita e i lacci delle scarpe ;)

Francesco Guerra: un coach, un’ispirazione

Francesco Guerra ha un modo tutto suo di vivere la corsa, ed è un modo bellissimo. Per questo motivo, oltre che un coach, è una vera fonte di ispirazione per tutti gli atleti che segue (e non solo per loro)

Alessia Sergon: la corsa (e la vita) è uno sport di squadra

Oggi parliamo di Alessia Sergon, una runner a cui non interessa andare molto veloce perché, per lei, la corsa è altro: è socializzazione e divertimento.

Giacomo Galliani: Quante vite puoi vivere? Tutte quelle che vuoi!

La passione di Giacomo per tutto ciò che fa traspare dal primo momento che lo conosci e inizi a parlarci insieme. Anzi, basta solo...
ASICS FrontRunnerhttps://www.asics.com/it/it-it/frontrunner
Il progetto “ASICS FrontRunner” è iniziato nel 2010 e siamo lieti di annunciare il coinvolgimento di più paesi da quest’anno. Il nostro obiettivo principale è supportare i runner ambiziosi di tutto il mondo e creare una community unica in cui tutti gli ASICS FrontRunner possono condividere la propria passione comune: correre. Il nostro team è composto da un gruppo molto diversificato di persone e ne siamo orgogliosi. Da una parte abbiamo i runner professionisti, dall’altra semplici appassionati. Tutti sono fieri di essere un ASICS FrontRunner ed è la combinazione di questi attributi a rendere la community forte, imbattibile e unica.

Tempo di lettura: 2 minutiYana Savechko è tra le ultime entrate nel gruppo degli Asics FrontRunner Italia. Il suo sorriso, la sua passione per la corsa e per lo sport hanno già contagiato tantissime persone. Nei giorni scorsi era ad Amsterdam, per partecipare al meeting internazionale dei FrontRunner Asics. Incontri, emozioni, amicizie: questo è il suo racconto di quattro giorni pazzeschi!.

Quando ho presentato la mia domanda per diventare un’ASICS FrontRunner non immaginavo certo che questo avrebbe potuto cambiare la mia vita in un solo anno. E invece…
Da una parte ho sempre pensato al running come a un’attività fisica utile per tenersi in forma, più che come a uno sport. Dall’altra, però, avevo il sospetto che fosse qualcosa di più profondo a spingere le persone a correre, magari all’alba, o sotto la pioggia, nonostante il freddo o la stanchezza di una lunga giornata di lavoro. Quando ho iniziato a correre anche io, allora ho capito.
A ogni uscita scoprivo qualcosa di me stessa, una nuova sfumatura che non conoscevo. Allo stesso tempo riuscivo a vedere in modo diverso anche gli altri runner.
Perché per restare in forma, volendo, basta andare in palestra.
La corsa non è solo attività fisica. È qualcosa di molto più profondo: una magia direi, che una volta provata ti cambia la vita. Non so se tutti i runner hanno la fortuna di vivere così la corsa; di sicuro noi ASICSFrontRunner Asics sappiamo bene di cosa si tratta.
E forse è per questo che siamo stati scelti.
Tra di noi siamo molto diversi. Cambiano i Paesi da cui veniamo, le vite che facciamo, gli obiettivi che abbiamo, ma condividiamo lo stesso sogno: raccontare le nostre storie al mondo e dimostrare che spetta a ciascuno di noi prendere in mano la propria vita e decidere di essere felici veramente!

Quando ho saputo di essere stata selezionata per il meeting internazionale di Amsterdam insieme a Giuseppe, Marco, Claudio, Barbara e Sara, ho saltato sopra il letto per ore dalla felicità.
Non sapevo cosa aspettarmi, ma non vedevo l’ora di partire; lo sentivo a pelle che dovevo e volevo vivere questa esperienza.
Ho incontrato gli altri FrontRunner, persone che non avevo mai visto prima, eppure mi sono sentita subito a casa, come se li conoscessi da sempre.

Difficile spiegare tutto quello che abbiamo vissuto in quei pochi giorni ad Amsterdam: sono stati momenti intensi, emozionanti, fatti di nuove esperienze, storie, scoperte.
Ho incontrato una ragazza del mio Paese, l’Ucraina, una terra di cui sono orgogliosissima!. È una bellissima e giovane mamma di tre figli che non sta mai ferma! Sta cercando di portare la nostra passione per la corsa e per lo sport là dove siamo nate e dove ai miei tempi non esisteva nulla di simile.
E poi ho incontrato Hie Kim, un ragazzo che volevo conoscere da tanto tempo. Ci siamo visti la prima volta alla lezione di yoga. Emana un’energia pazzesca! Siamo riusciti a fare qualche posizione di acro yoga insieme, è stato veramente bellissimo!
Mentre mi avviavo in aeroporto, il giorno della partenza, pensavo tra me e me a quanto sono fortunata ad avere l’opportunità di vivere tutto questo: di viaggiare, conoscere persone, di condividere le emozioni che ho dentro con gli altri FrontRunner e con chi mi segue.
E se riuscirò ad ispirare anche solo una persona al mondo, se riuscirò a darle lo stimolo per cambiare la propria vita in meglio, a darle un buon motivo per sorridere, sognare, esplorare, allora avrò la certezza di essere davvero immensamente fortunata.

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Brooks Virtual 5K per il Global Running Day: tutti insieme, anche fisicamente, in un’opera d’arte

Brooks, in occasione del Global Running Day, organizza una Virtual 5K per celebrare il running e creare un'opera d'arte con i partecipanti

Un modo per costruire la resistenza mentale

La resistenza fisica si allena con l’esercizio fisico. Quella mentale la si affina preparando la mente. A essere indifferente eppure focalizzata.

Nike Alphafly NEXT%: le scarpe dell’uomo più veloce del mondo sono in vendita

Dai piedi dell'uomo più veloce del mondo alla strada: le Nike Alphafly Next% del record di velocità sono in vendita

I vostri fuori soglia

Nella precedente puntata ti avevamo chiesto di raccontarci i tuoi fuorisoglia, quando cioè ti sei trovato in territorio sconosciuto, in tutti i sensi. Ecco sei dei vostri racconti.

Centrifugato, mon amour!

Cetriolo, Sedano e lime ma anche Anguria, fragole e pomodoro. Due centrifugati buonissimi!

Economia di corsa: l’importanza del gesto e della tecnica

È il modo migliore per andare più veloce e con meno fatica e si riassume in un solo concetto: migliorare l'economia di corsa.

Quando sei andato fuorisoglia?

Andare fuorisoglia significa uscire dalla tua zona comfort. In questa puntata raccontiamo quando ci è capitato e ti chiediamo di raccontarci quando è successo a te

Scelti dalla redazione

Siamo soli, facciamocene una ragione

La corsa è una metafora della vita, lo sappiamo bene. La fatica è nostra, i pensieri sono nostri, e la solitudine ne è una parte integrante. Che aiuta.

Una merenda perfetta i RunLovers

Un dolcetto che non si dimentica questo muffin -ma puoi fare anche plumcake, ciambelle o quello che ti piace di più- a base di banane.

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.