Running with the Pink Floyd

C'erano i Rolling Stones e i Beatles. E poi c'erano loro, i monumentali Pink Floyd. Un pianeta a parte.

Articoli correlati

RunLovers Back to 2000

Nel 2000 avevamo 20 anni di meno e qualcuno di voi non era ancora nato. Nel 2000 la musica non era poi tanto diversa da oggi. Nel 2000 ascoltavamo questa musica

La playlist della primestate

Quest'anno la primavera è stata un po' strana, quindi abbiamo pensato di festeggiarla unendola all'estate. Con i più successi del momento!

La Playlist delle Nostre Serie TV preferite

Basta sentire qualche nota e ti si accende in testa una memoria: è quella delle serie TV che hai amato. Ecco quelle che preferiamo (e preferisci)

RunLovers The Lyrics: la playlist delle canzoni con i testi più belli

Il filo conduttore di questa playlist è la qualità dei testi delle sue tracce. Come già successo, l'abbiamo fatta assieme a voi, durante una live di questa lunga quarantena. Grazie ancora!
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 2 minutiOgni decade musicale ha il suo scontro fra Titani. Se negli anni ’90 a sfidarsi per conquistare il cuore dei fan erano i Blur e Gli Oasis, negli anni ’60 e ’70 la guerreggiata diatriba su chi fosse meglio o più amato se la contesero i Rolling Stones e i Beatles. Poco importa che poi queste antipatie fossero più inventate ad arte da uffici stampa molto scaltri e amplificate dalla stampa che non cercava altro per aver qualche notizia da dare in pasto ai proprio lettori: veri o presunti che fossero, gli screzi fra rockstar hanno sempre appassionato.

Ogni decade musicale – più o meno – ha anche i suoi outsider. Personaggi che non fanno parte del circo mediatico, che non fanno quasi mai parlare di sé né per atteggiamenti fuori luogo né per altro che non riguardi la loro musica. Gruppi che fanno, semplicemente, solo musica. E che musica.

Devo frenarmi con grande sforzo nello scrivere dei Pink Floyd perché andrei avanti per ore: dagli esordi con quel genio che presto impazzì che era Syd Barrett, all’equilibrio compositivo e creativo che raggiunsero con David Gilmour, all’alchimia che questo raggiunse con l’altro grande pilastro dei Pink, ossia Roger Waters. Alchimia non indolore e spesso bilanciata solo da potenti contrasti artistici che crearono opere sublimi ma che ne decretarono anche lo scioglimento con conseguente lunghissimo strascico giudiziario sul chi avesse la paternità del nome del gruppo e dei loro componimenti.

Dal punto di vista mio e tuo – ossia degli ascoltatori e musicofili – i Pink era diversi perché erano l’espressione di un modo intellettuale di intendere la musica: non solo nella raffinatezza dei loro brani che, pur basandosi su solide basi blues sconfinavano nel sinfonico e nel pop e nel rock, ma nelle intricate costruzioni mentali che sostenevano i loro album. Non a caso si deve parlare di vere e proprie opere rock o, con linguaggio più pertinente, di concept-album: album strutturati come un unicum che andava ascoltato dalla prima all’ultima traccia in esatta sequenza perché ogni brano era un capitolo di un libro che sviluppava un tema per specifico. Il tempo il The Dark Side of the Moon o il la violenza del potere in The Wall, per dirne solo due.

Ebbene sì, cari adolescenti del 2018: 40 anni fa gli album di questi giganti della musica erano degli eventi e gli eventi andavano celebrati come la pubblicazione di un’Enciclica Papale. E soprattutto ascoltati, senza skippare da una traccia all’altra. Ti mettevi comodo e per due ore ti ascoltavi tutto, dall’inizio alla fine, e muto. E ne valeva la pena, eccome.

Ne scriverei ancora per ore, ma mi fermo qui, facendo un’ultima osservazione: i Pink verranno ricordati per il loro atteggiamento distaccato e intellettuale ma anche perché scrissero probabilmente la più bella canzone mai scritta sull’amicizia. “Wish you were here” venne dedicata a Syd Barrett: il membro fantasma dei Pink, ormai perso nella sua personale pazzia che chissà se riuscì mai a capire che quel potente e delicato inno all’amore amicale era solo per lui. E per tutti quelli che amano. Questi raffinati intellettuali che composero la musica contemporanea più cerebrale, sottile e, paradossalmente, popolare furono anche capaci di essere almeno una volta straordinariamente umani ed emotivi. Avvicinandosi a noi e facendosi ancora più amare.

(Photo credits David Jones 大卫 琼斯)

Altri articoli

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Salomon si prepara al 2021 con tantissime novità

Le novità per il 2021 sono tantissime in casa Salomon. E soprattutto sono pensate per tutti i piedi e tutti i terreni

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Attenzione: questo articolo vuole solamente fornirti delle indicazioni generali per introdurre un argomento su cui riceviamo molte domande. Poiché siamo tutte diverse, il consiglio...