Odlo+Hadid Design: l’abbigliamento che si adatta al corpo

Una linea di tessuti intelligenti basati sulla mappatura del corpo umano studiati con Zaha Hadid Design

Che l’abbigliamento sportivo sia diverso da quello normale perché si adatta al corpo è cosa nota: quando ti alleni o gareggi hai bisogno di uno strato di protezione e scambio di calore con l’aria esterna che funziona solo se aderente alla pelle. Per non parlare poi dell’abbigliamento che “svolazza” e che mal si adatta all’attività sportiva.

Odlo, che da decenni lavora su tessuti innovativi, ha sviluppato ora una linea di capi sportivi in collaborazione con Zaha Hadid Design, il ramo dedicato al design del famosissimo studio di architettura fondato dalla Hadid, che oggi purtroppo non c’è più.

Conoscendo le sue architetture futuriste e sensuali non meraviglia che gli intrecci di questi capi le ricordino molto: le loro linee sinuose e organiche a ben pensarci non potevano che essere pensate da chi ha concepito lo spazio e gli edifici sempre in termini di curve e mai rette.

Il design però non è solo apparenza: è innanzitutto funzione e diventa ottimo design quando unisce a questa anche la bellezza. La linea Futureskin non è disegnata così solo per motivi estetici ma anzi: il suo design deriva da due dei principali requisiti che sono richiesti all’abbigliamento tecnico: sostenere e permettere  uno scambio di calore ottimale.

LEGGI ANCHE:
Sesso prima della gara? Fa volare le donne, un po' meno i maschietti

Per questo i tessuti impiegati sono lavorati in modo da ottenere resistenze diverse e per agevolare lo smaltimento del sudore nelle zone in cui ne sviluppi di più, oltre a essere particolarmente elasticizzati e morbidi in quelle che fletti di più, come le articolazioni.

La linea Odlo Futureskin è disponibile nei migliori negozi di sport e sul sito dell’azienda.

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.