Nike Zoom Vaporfly 4% Flyknit: la leggerezza della velocità

Le Zoom Vaporfly 4% sono le scarpe con cui Eliud Kipchoge ha tentato – sfiorandolo di un soffio – il record di maratona sotto le 2 ore un anno e mezzo fa. Sono anche le scarpe che hanno segnato uno degli ultimi e più importanti traguardi tecnologici di Nike, innovando l’intersuola e la mescola di cui è composta e soprattutto introducendo la piastra in fibra di carbonio che si estenda per la lunghezza della scarpa per restituire al runner ancora più potenza in fase di rilascio.

A una scarpa così avanzata e dalla linea originale non poteva che mancare un dettaglio che caratterizza tutte le Nike di fascia alta: la tomaia in Flyknit, leggerissima, traspirante, elastica e avvolgente.

Fino ad ora, perché Nike ha finalmente presentato la nuova versione delle Zoom Vaporfly 4% con tomaia in Flyknit: ancora più leggera, ancora più traspirante e performante. E quel “4%” così strano come parte del nome di una scarpa acquista un ulteriore senso: non è più solo l’incremento di prestazioni dichiarato ma anche, ci piace immaginare, quello di percezione positiva nell’indossarle, sentirle e correrci.

Le Nike Zoom Vaporfly 4% Flyknit saranno disponibili nei negozi e nello store online di Nike dal 1 ottobre 2018.

LEGGI ANCHE:
Nike, una storia di ribelli

 

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.