L’importanza di allenarsi in compagnia

Articoli correlati

Seguire le sensazioni

A volte è necessario togliere le cuffie, ascoltare il rumore dei nostri passi, cambiare strada e ascoltare solamente le nostre sensazioni. Vero?

3 suggerimenti per allenarsi con il caldo

Il caldo arriva - d'altra parte non ci sono più le mezze stagioni, no?! - e per allenarci dobbiamo correre ai ripari. Ecco 3 consigli molto utili sia per gli allenamenti che per le gare.

Affrontare la sfida continua con il tempo (e la sua relatività)

“Tutte le ragazze alla spunta” urla qualcuno dal microfono. Probabilmente è un giudice. La tensione è palpabile, ma per cercare di stemperare un po’...

Sei anche tu “Garmin dipendente”?

Potremmo anche dire "Polar dipendente", "Suunto dipendente", "Watch dipendente" o quello che vuoi. Il risultato non cambia: dipendi anche tu dai dati del tuo GPS? Provare a correre senza può essere un buon esercizio
Veronica Signorinihttp://veronicasignorini.wixsite.com/mynutritiontips
Nuota come un motoscafo, pedala come una moto e corre come se fosse inseguita da un'orda di zombie affamati. Veronica si definisce un'atleta (semi)professionista ma solo perché i semi li sta gettando per far crescere una carriera grandiosa nella triplice disciplina. Si dice sia sempre felice perché è in costante overdose da endorfine ma, in realtà, ha un segreto per la felicità molto ben custodito e te lo svelerà solo se vai più forte di lei. Quindi lo conoscono in 5 in tutto il mondo! ;)

Tempo di lettura: 3 minutiSe ci fosse stato qualcun altro ad allenarsi con me, oggi avrei sicuramente nuotato più forte. Già non avevo molta voglia di nuotare in generale, in più il programma prevedeva “soglia”.
Stamattina, tra l’altro, ero proprio sola con l’orologio. Nemmeno l’allenatore sul bordo vasca.
Non tutti i giorni sono gli stessi e oggi non c’era proprio verso di digerire l’allenamento. Ovviamente ho fatto tutto lo stesso. Però… c’è un però. Sono fermamente convinta che se oggi avessi avuto qualcuno di fianco a nuotare con me avrei reso sicuramente di più e non avrei fatto il “compitino”.
Il motivo? Perché anche se non voglio e cerco di tenerlo sedato il più possibile, l’agonista che è in me tende sempre a cercare di mettere la mano davanti al mio vicino di corsia.
E non dirmi che non ti è mai capitato!

È in momenti come questi che mi manca allenarmi con qualcuno. Perché è vero che allenarti da solo ti permette di fare sempre le cose nel modo giusto e con precisione, ma spesso non basta. Avere infatti qualcuno di fianco, ti stimola a dare sempre un pochino di più. Ti spinge a spostare l’asticella sempre più in là, sopratutto se ti confronti con atleti del tuo livello, se non più forti. Ovviamente il rischio nel secondo caso è di allenarsi più forte di quanto si dovrebbe, ma credo che, una volta ogni tanto, non faccia male vedere cosa succede al di fuori del nostro piccolo mondo antico e uscire dalla nostra confort zone. Per esempio, quando mi allenavo da Fabio (Vedana) spesso l’allenamento di corsa diventava una lotta all’ultimo sangue. Nessuna di noi voleva mollare il colpo prima delle altre. Mamma mia, mi ricordo ancora la fatica, ma sono migliorata di più in questi 3 anni, che nei precedenti 5 di triathlon.

L’altro aspetto fondamentale è che allenarsi con altre persone rende il tutto decisamente più leggero! Prima di tutto, condividi la fatica con qualcun altro e non sei solo come un cane a soffrire.
In secondo luogo una parola o una battuta fanno si che l’allenamento possa risultare più divertente e meno stressante.
Statisticamente inoltre chi si allena da solo “dura” di meno dal punto di vista sportivo perché è più sensibile alle avversità.

Ciò non significa solo che ci si allena anche quando il tempo non è ottimale (è più facile uscire con un tempaccio quando siamo d’accordo con un amico che convincersi che correre sotto la pioggia sia bello), ma anche di infortuni e impegni extralavoro. In genere, chi si allena in gruppo, per rispetto verso i compagni, dà alla corsa una priorità maggiore di chi si allena da solo. Alla lunga, infatti, nel solitario la motivazione tende a calare nel tempo, così come la voglia di allenarsi, andando di conseguenza ad inficiare le prestazioni.
D’altro canto però, in uno sport come il triathlon, dove le doti di concentrazione e resistenza sono fondamentali, allenarti in solitaria ti permette di lavorare su di te. In gara sei da solo. Non hai l’amico di fianco che ti sprona e che ti aiuta. Sei solo con te stesso e devi imparare a conviverci. Perché devi sapere, che la tua testa ti boicotterà sempre quando inizi a fare troppa fatica, ad essere stanco e ad avere i primi doloretti. Invece, è fondamentale imparare a resistere ed andare avanti, stringere i denti ed essere determinati a dare il meglio di sé.

In conclusione: allenarsi in compagnia o in gruppo rende l’allenamento più divertente, meno stressante e ci sprona a “dare di più”.
Dall’altra parte però, allenarsi in solitaria aiuta a migliorare la “testa”.
E quindi? L’ideale sarebbe alternare esercizi in gruppo ad allenamenti in solitaria.

Cosa dici, qualche volta ci organizziamo per fare un giro insieme?

 

 

Photo by Marc Rafanell López on Unsplash

- Advertisement -

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

La bici nell’Ironman

Per molti versi, la prestazione in un ironman si decide nella frazione in bici. Ecco come affrontarla, pianificarla e gestirla al meglio.

Correre con il caldo

Se non vuoi rinunciare a correre anche d'estate e col caldo, almeno fallo seguendo i consigli di RunLovers.