Le coincidenze non esistono

Articoli correlati

Non ti piace correre sul tapis roulant? C’è un motivo

L'invenzione del tapis roulant ha a che fare con tutto fuorché con la forma fisica

Il percorso della TCS NYC Marathon, raccontato

La Maratona di New York, miglio dopo miglio, come non l'avevi mai vissuta (e letta)

“Free Solo”, la storia della straordinaria impresa di Alex Honnold

La straordinaria impresa della scalata senza protezione di El Capitan di Alex Honnold è raccontata in un magnifico documentario di National Geographic

Sta tutto nella testa

Il tentativo di correre la maratona sotto le 2 ore descritto in questo bellissimo documentario insegna che è tutta questione di testa
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 2 minutiRitorno alle terre selvagge, di Francesco Frank Lotta, già dalla prima facciata – la dedica – ti conquista, ti porta dentro al suo mondo, dentro al tema del libro: il viaggio.

Quel viaggio mentale e fisico per cui il vero obiettivo è “rimanere in strada e dimenticarsi dell’arrivo”, un’esplorazione nata per coincidenza che, attraverso una continua serie di altre coincidenze – alle quali però si arriva a non credere più, sostituendole con una sorta di disegno del destino -, ti rapisce parola dopo parola, pagina dopo pagina.

È proprio per una coincidenza che ho conosciuto Frank, a Milano, alla presentazione di Ultra, il libro di Michele Graglia e Folco Terzani. Era circa un anno fa quando, fuori dalla libreria, ci siamo presentati. Anzi, è stato proprio lui che mi ha teso la mano: “Ciao, io sono Frank”. Ricordo che ci ho messo un po’ a capire che fosse proprio quel Frank, il deejay di Radio Deejay che avevo sentito molte volte in radio ma, si sa, non è facile isolare la voce quando siamo abituati a pensare con gli occhi.
Da lì una cena e poi una chiacchierata, unici rimasti che se ne tornavano a casa a piedi dopo una serata in cui avevo avuto la fortuna di stare in compagnia di belle anime. Frank, da lì a poco, sarebbe partito per l’Australia per girarla in bici e io qui, a seguire i suoi – senza nascondergli una certa “invidia buona” – su Facebook e Instagram.

Ma veniamo al libro, perché è di questo che voglio parlarti oggi, di Ritorno alle terre selvagge, il diario del suo viaggio sulle orme di Christopher McCandless in Alaska, verso il Magic Bus.

Quella di Frank non è una fuga, è il racconto dell’esperienza di un uomo che si fa delle domande per essere più consapevole di ciò che lo circonda e della vita che fa. È un viaggio di 8 giorni in una dimensione diversa, fisica e mentale, fatto di ricordi, sogni e descrizioni mozzafiato che ti fanno vedere con gli occhi della mente ciò che ha visto e vissuto, con una risoluzione “Ultra HD”.

Ritorno alle terre selvagge è un libro scritto davvero molto bene, uno di quei libri che non vedi l’ora di essere da solo, in silenzio, per entrarci dentro e leggerlo, lentamente, assaporando ogni singola parola. Quando Frank descrive gli ultimi cento chilometri del suo Cammino di Santiago dice “furono strazianti, tanta era la voglia di «non» arrivare”. E questa è la sensazione che hai quando giri ogni singola pagina perché ti avvicina sempre più alla fine.

Ci trovi parole buone, che fanno riflettere. Come quelle che ti diceva la nonna con la sua semplicità che racchiudeva una profondità che non è facile trovare. E lo fa, come ti dicevo all’inizio, fin dalla dedica:

Agli insicuri

A quelli che lottano, che non mollano
a tutti quelli che non usano scorciatoie
ai puri
a quelli che nonostante tutto sono lì, forti, stabili,
come una foglia al vento
a quelli che parlano sottovoce
ai miei nonni
a tutti quelli che si mettono in gioco
a quelli che rischiano
a quelli che mollano
a quelli che restano, nonostante tutto
a quelli che vanno, nonostante tutto
a tutti quelli completamente rapiti dalla bellezza
a quelli che non hanno paura di piangere
a quelli che arrossiscono

A quelli che si mettono in viaggio, anche per una sola
ora, anche per un solo minuto, anche per un solo
secondo

Issate le vele, sciogliete gli ormeggi, bagaglio leggero,
il mare sarà sempre in burrasca, si parte.

 

- Advertisement -
- Advertisement -

Altri articoli

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Iniziare a correre da zero

Iniziamo un progetto in 6 "puntate" che ci accompagnerà alla My Deejay Ten di ottobre. E iniziamo dall'inizio: come iniziare a correre. Iniziamo? ;)

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

I test per misurare le prestazioni

In questa puntata di Fuorisoglia parliamo di quali test fare per capire le tue prestazioni nella corsa. Come sta il tuoi fisico? Come puoi migliorarti? Dal più semplice al più complesso, saprai tutto!

I test per conoscere meglio il tuo corpo

Una serie di test per conoscere meglio la tua condizione fisica

La prova dei 10 chilometri “tranquilli”

Un test molto interessante da svolgere su 10 Km - distanza che unisce velocità e resistenza - per misurare il risultato dei tuoi allenamenti senza caricare troppo.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.