Dorelan ReActive: il materasso che ti aiuta a correre meglio

Abbiamo già parlato dell’importanza del sonno e di quanto sia importante misurarlo ma non abbiamo parlato approfonditamente di uno dei due elementi che saranno protagonisti di questo test “onirico”: il materasso. E, più precisamente, ReActive di Dorelan.

“Io senza le mie sedici ore di sonno sono un grande invalido, sai?” diceva Woody Allen in Manhattan e, noi che ci alleniamo sappiamo bene quanto importante sia dormire bene per poter recuperare e rendere ancora più costruttivi i nostri allenamenti.
Perché non c’è nulla di così rinfrescante come il sonno – e questo lo diceva Charles Dickens (ma ora la smetto con le citazioni ;).

Oltre ai fattori ambientali – buio, rumore, qualità dell’aria e temperatura – ci sono moltissimi fattori fisiologici che influenzano il nostro sonno e l’efficacia del riposo: tempo di addormentamento, frammentazione del sonno, movimenti notturni, allineamento del sistema muscolo-scheletrico, distensione vertebrale. E, poiché noi sportivi non siamo persone “comuni”, ci aggiungiamo pure che ogni sport (ciclismo, corsa, nuoto, e tutti gli sport in genere) ha le sue problematiche di sollecitazione del sistema muscolo-scheletrico, per non scordare una temperatura basale più alta dovuta al fatto che consumiamo più energia anche da fermi. Insomma, una notevole quantità di fattori che innanzitutto andava definita e individuata.

LEGGI ANCHE:
Apple Watch, prime impressioni

Il primo passo per realizzare il prodotto è stato quindi capire quali fossero le criticità per ogni sportivo e, per farlo bene, era necessario che tutto ciò fosse definito tramite un’attenta ricerca scientifica.

Per fornire agli atleti il materasso perfetto con cui allenarsi, il prodotto è stato strutturato su diversi livelli e con elementi che collaborano insieme per raggiungere il risultato richiesto, esattamente come in una scarpa di running.

Innanzitutto la fodera, realizzata in tessuto 3D, senza imbottitura e traspirante per dare sensazione di comfort termico in ogni stagione.
Scendendo, troviamo il Myform Memory ReActive che, grazie a una innovativa struttura molecolare, garantisce una distribuzione uniforme della densità su tutta la superficie di contatto. In questo modo, assicura una riduzione dei tempi di addormentamento e una riduzione delle tensioni muscolari.
Scendendo ancora troviamo il Twin System ReActive: una molla di nuova concezione a doppia spirale (in lega d’acciaio con una fibra di carbonio) che assicura portanza progressiva e costante per tutto il periodo di riposo. In questo modo si ottiene una riduzione dei movimenti notturni, del dolore dorso-lombare e il sempre corretto allineamento del sistema muscolo-scheletrico.

LEGGI ANCHE:
L'importanza del sonno

Sembra un semplice materasso, ma non lo è. Rispondendo a tutte queste necessità, si trasforma in uno strumento per rendere più efficiente il nostro allenamento.

Ma come misurare i benefici di ReActive? E qui torniamo alla ricerca di cui ti parlavo prima: “The effects of a mattress – on actigraphy-based sleep quality in professional volleyball players: a preliminary study“: “diciannove giocatori di pallavolo professionisti del Vero Volley di Monza (serie A1 maschile e femminile) hanno volontariamente accettato di intraprendere lo studio. Tutti gli atleti si sono sottoposti, per la durata di un mese, alla valutazione di; 1) qualità oggettiva del sonno mediante actigrafia, 2) qualità del sonno mediante questionari validati scientificamente, 3) dolore dorso-lombare auto-percepito, 4) percezione della qualità del recupero, e 5) abilità motorie mediante dei test fisici. Al termine della prima settimana del mese i 19 giocatori sono stati divisi in due gruppi distinti: il primo gruppo ha continuato a dormire sul loro comune materasso, mentre il secondo gruppo ha sostituito il materasso con il materasso Dorelan Reactive”.

I risultati sono stati riassunti in 3 tabelle: miglioramento della qualità del sonno; percezione del recupero; test di reattività visiva e sonora.

LEGGI ANCHE:
TomTom Runner 2: è tutto cambiato ma è sempre lo stesso

Come vedi, i miglioramenti sono evidenti e te li riassumo qui:

– 50% dolore dorso-lombare percepito
+30% qualità del recupero percepita
– 50% tempi di addormentamento
+25% qualità del sonno percepita
– 20% frammentazione del sonno percepita
+15% reattività

A completare il sistema c’è poi il configuratore. Sì perché, in base al tuo peso e alla posizione in cui dormi, il sistema ti consiglierà il materasso con la giusta densità per te.

Il test si preannuncia molto rilassante. Sì, decisamente. ;)

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.