Correre in Senegal

Le spiagge del Senegal o le strade di Dakar? Cristina nel dubbio ha corso su entrambe!

Articoli correlati

Correre a Miami

Non c'è posto dove Cristina non sia stata. Questa volta la troviamo a Miami. Che scriva guide di viaggio per lavoro?

Correre sul Monte Fuji

Dopo le prime due tappe a Kyoto e Tokyo, Cristina è arrivata sul Monte Fuji. Per correrlo, ovviamente!

Correre a Tokyo

Secondo episodio della trasferta di Cristina in Giappone: e questa volta siamo a Tokyo

Correre a Kyoto

Correre fra vecchie case di legno fino al palazzo dell'imperatore. Non è una favola: questo succede quando corri a Kyoto
RunLovers
Ognuno corre come vuole, semplicemente, naturalmente. Semplicemente, naturalmente, Runlovers parla di cosa si parla quando si parla di corsa.

Tempo di lettura: 3 minuti

Sembra proprio che stamattina sarà la prima volta che corro sulla sabbia. Tutti gli altri percorsi prevedono vari zig-zag tra resorts e lodges per sperare di arrivare a una strada asfaltata che sarà sicuramente trafficata alle 6 del mattino. Tanto vale rimanere qua in zona e sperimentare qualcosa di nuovo. Nello scarso repertorio di calze da corsa che mi sono portata appresso, scelgo le calze più lunghe per limitare fastidiosi granelli di sabbia tra il piede e la scarpa.

La Petite Côte (piccola costa) senegalese non fa sconti: la temperatura di 33’C e il 75% di umidità richiederebbero pantaloncini svolazzanti e canotta, non pervenuti. In valigia ci sono solo pantaloncini di cotone e magliette a mezze maniche. Lascerò che la brezza marina mattutina faccia la sua funzione traspirante.

Allaccio le scarpe e mi dirigo verso la spiaggia: inizia proprio fuori dall’hotel ed è una bella lingua di sabbia a forma di mezzaluna lunga più o meno un km che finisce con un ammasso di rocce e palme. Inizio con un passo molto leggero anche perché non è facile trovare la parte di sabbia con la giusta compattezza. Troppo vicino al mare affondo in pozze simili a sabbie mobili; troppo lontano dal mare arranco in piccole dune. Decido di seguire la scia degli altri runners sulla spiaggia: non ci sono donne, solo ragazzi tra i 15 e i 25 anni che corrono lentissimi e agitano le braccia in avanti e indietro, come durante un allenamento di pugilato. Dai muscoli che mostrano sembrano curare molto il loro aspetto fisico. Li sorpasso a uno a uno (ve l’ho detto, sono davvero lenti!) e dalle parole che mi rivolgono noto che hanno molto più fiato di me: Bonjour mademoiselle, comment ça va? Avez-vous bien dormi? L’exercice fait du bien! Courage! Une bonne journée! Tu es Française? Piccoli monologhi ai quali rispondo con monosillabi o un cenno della mano. Non sapevo si potesse chiacchierare così tanto durante una corsa. Sulla sabbia!

Continuo a correre finché finalmente la mente smette di preoccuparsi del percorso da seguire, del fiato troppo affannato e degli altri runners che incontro: mi rilasso e inizio a godermi il paesaggio. Oltre il mare, laggiù all’orizzonte, il sole è sorto da un po’ e illumina l’inattività della spiaggia: ci sono baracche e capanne di legno e paglia che apriranno a breve come ristoranti e caffè pieds dans l’eau (piedi dentro l’acqua) e le tipiche barchette senegalesi colorate di giallo, verde, azzurro, bianco e rosso che con nomi poetici affronteranno l’oceano atlantico in cerca di pesce. Più in là, i muri delle case ricordano che al di là di questa lingua di sabbia c’è un mondo che esige che noi lavoriamo, produciamo, guidiamo, funzioniamo. Non di qua: qui è tutto molto semplice e senza pretese, un sincero tentativo di godersi al meglio il tempo su questa piccola spiaggia con ciò che si ha, lasciando fuori la frenesia dell’asfalto e del cemento.

Frenesia che non manca a Dakar, la capitale: esco a correre al mattino presto su lunghissimi marciapiedi disconnessi e maltenuti accanto a strade trafficate piene di smog. Corro lungo voragini di cemento, passi carrai mai terminati, buche ricoperte di polvere (o sabbia?) e altre costruzioni di asfalto non meglio definite. Dakar sembra una città in continua distruzione, probabilmente una fase necessaria per lasciar posto a qualcosa di nuovo, e correre qua mi lascia una sensazione a metà tra l’agitazione e lo sfinimento. Per recuperare le energie mentali perse, compro da un venditore ambulante una manciata di cacahuettes: il Senegal è tra i primi produttori mondiali di arachidi e anche l’unico posto dove riesco a mangiarle – di solito non mi piacciono. Ne metto in bocca qualcuna, mezze sbucciate e mezze no: le papille gustative gioiscono e il nervosismo post-corsa se ne va. Ho appena scoperto il comfort food versione senegalese!

Cristina Lussiana


Gli altri viaggi di Cristina:

AFRICA
– Angola
– Benin
– Città del Capo
– Congo
– Lesotho
– Mali
– Madagascar
– Mozambico
– Nairobi
– Rwanda
– Sudafrica

AMERICA

– Guatemala
– Hawaii
– New Orleans
– Washington

ASIA
– Bangkok
– Cambogia
– Kathmandu
– Kyoto
– Myanmar
– Tokyo

EUROPA
– Amsterdam
– Cambridge
– Ginevra
– Oslo
– Portogallo


Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Corri con un pacer virtuale

Ghost Pacer è un prodotto che sfrutta degli occhiali a realtà aumentata per farti correre con un pacer virtuale

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Attenzione: questo articolo vuole solamente fornirti delle indicazioni generali per introdurre un argomento su cui riceviamo molte domande. Poiché siamo tutte diverse, il consiglio...