Correre in Rwanda

Cristina non sta mai più di 15 in un luogo. Viaggia sempre. Forse non è mica vero ma ci piace pensare che sia così :)

Articoli correlati

Correre a Miami

Non c'è posto dove Cristina non sia stata. Questa volta la troviamo a Miami. Che scriva guide di viaggio per lavoro?

Correre sul Monte Fuji

Dopo le prime due tappe a Kyoto e Tokyo, Cristina è arrivata sul Monte Fuji. Per correrlo, ovviamente!

Correre a Tokyo

Secondo episodio della trasferta di Cristina in Giappone: e questa volta siamo a Tokyo

Correre a Kyoto

Correre fra vecchie case di legno fino al palazzo dell'imperatore. Non è una favola: questo succede quando corri a Kyoto
RunLovers
Ognuno corre come vuole, semplicemente, naturalmente. Semplicemente, naturalmente, Runlovers parla di cosa si parla quando si parla di corsa.

Tempo di lettura: 3 minutiUh-la-là! A distanza di 10 anni, è bello stupirsi ancora di quanta bellezza ci sia dentro un’alba africana. Oltre le porte scorrevoli della stanza d’albergo, oltre le strade semideserte, oltre le casette basse di mattoni e argilla, oltre gli alberi di acacia e le piantagioni di thè, eccolo lì, sua maestà il sole che fa capolino in tutta la sua gloria da sotto le colline all’orizzonte e tinge di rosso, giallo e arancione ogni cosa che lo circonda. Qualche nuvola in cielo sparsa qua e là aggiunge un po’ di movimento a questo suggestivo paesaggio. Mi vesto! Non vedo l’ora di sgambettare in questa gloriosa alba.

La scelta del percorso non è stata facile: oltre alle solite difficoltà che correre in una metropoli africana pone, Kigali è famosa per le sue mille colline che aggiungono un notevole dislivello anche su una breve distanza. Ho dovuto optare per un percorso circolare di 2 km: ogni volta che provavo ad allungarlo un po’, Google Maps riportava decine di metri di dislivello in più. La temperatura è ottimale: una leggera brezza mattutina, né troppo calda, né troppo fredda. Sono le 6 del mattino e c’è già un po’ di movimento in giro: per lo più moto-taxi e donne con bambini per mano. La differenza con altre città africane si sente nell’aria: si può respirare a pieni polmoni senza venire intossicati da puzzolenti e tossici gas di scarico. Ci dev’essere qualche regolamento sul tipo di marmitte e benzine consentito in città. Concludo il primo giro senza incontrare altri runners e senza trovare per terra né una carta o una bottiglia di plastica: è tutto pulitissimo, e non perché siano passati a pulire nel corso della notte, ma proprio perché il Rwanda è famoso per una sviluppata coscienza ecologica che manca a tanti altri paesi, africani e non.

A metà del secondo giro, nel bel mezzo di una salita, un gruppo di ragazzi in attesa alla fermata dell’autobus mi salutano e incoraggiano. Ridacchiano quando li sorpasso e non li biasimo: sono un po’ fuori forma e devo proprio sembrare in procinto di lasciarci un polmone stamattina con tutti questi saliscendi. Mi distraggo guardando il paesaggio: rigenerante è la prima parola che mi viene in mente. Ormai i colori dell’alba sono svaniti e si vede chiaramente fino in lontananza quanto Kigali si sia sviluppata attorno alle colline e sembra aver trovato il giusto equilibrio tra natura e urbanizzazione.

Alla fine del terzo giro sono tentata di farne un quarto, ma poi decido di ritornare in hotel: stamattina voglio anche andare al Kigali Genocide Memorial – una visita doverosa per far sì che gli orrori della storia ci insegnino a non commetterne di simili. Fermo il Garmin all’entrata dell’Hotel des Mille Collines, anche conosciuto come Hotel Rwanda. Durante il genocidio del 1994 le strade attorno a questo hotel devono essere state caotiche e grevi di terrore: oggi è tutto così placido e tranquillo. Passo davanti alla targa commemorativa e mi chiedo se alla fine di tutto la chiave per una convivenza pacifica sia semplicemente smettere di usare categorie mentali che dividono le persone in “noi” e “loro”. Lo so, facile a dirsi, ma non per questo impossibile da fare.

Cristina Lussiana


Gli altri viaggi di Cristina:

AFRICA
– Angola
– Benin
– Città del Capo
– Congo
– Lesotho
– Mali
– Madagascar
– Mozambico
– Nairobi
– Senegal
– Sudafrica

AMERICA

– Guatemala
– Hawaii
– New Orleans
– Washington

ASIA
– Bangkok
– Cambogia
– Kathmandu
– Kyoto
– Myanmar
– Tokyo

EUROPA
– Amsterdam
– Cambridge
– Ginevra
– Oslo
– Portogallo


Altri articoli

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Corri con un pacer virtuale

Ghost Pacer è un prodotto che sfrutta degli occhiali a realtà aumentata per farti correre con un pacer virtuale

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Attenzione: questo articolo vuole solamente fornirti delle indicazioni generali per introdurre un argomento su cui riceviamo molte domande. Poiché siamo tutte diverse, il consiglio...