Come gestire quei giorni in cui sei “proprio no”

Articoli correlati

Seguire le sensazioni

A volte è necessario togliere le cuffie, ascoltare il rumore dei nostri passi, cambiare strada e ascoltare solamente le nostre sensazioni. Vero?

3 suggerimenti per allenarsi con il caldo

Il caldo arriva - d'altra parte non ci sono più le mezze stagioni, no?! - e per allenarci dobbiamo correre ai ripari. Ecco 3 consigli molto utili sia per gli allenamenti che per le gare.

Affrontare la sfida continua con il tempo (e la sua relatività)

“Tutte le ragazze alla spunta” urla qualcuno dal microfono. Probabilmente è un giudice. La tensione è palpabile, ma per cercare di stemperare un po’...

Sei anche tu “Garmin dipendente”?

Potremmo anche dire "Polar dipendente", "Suunto dipendente", "Watch dipendente" o quello che vuoi. Il risultato non cambia: dipendi anche tu dai dati del tuo GPS? Provare a correre senza può essere un buon esercizio
Veronica Signorinihttp://veronicasignorini.wixsite.com/mynutritiontips
Nuota come un motoscafo, pedala come una moto e corre come se fosse inseguita da un'orda di zombie affamati. Veronica si definisce un'atleta (semi)professionista ma solo perché i semi li sta gettando per far crescere una carriera grandiosa nella triplice disciplina. Si dice sia sempre felice perché è in costante overdose da endorfine ma, in realtà, ha un segreto per la felicità molto ben custodito e te lo svelerà solo se vai più forte di lei. Quindi lo conoscono in 5 in tutto il mondo! ;)

Tempo di lettura: 2 minutiTi capita mai di non essere del mood adatto di allenarti? Di non voler uscire dal letto perché non sai se sarai in grado di affrontare la giornata a causa di una delusione talmente cocente da qualcuno che ti sta molto a cuore, che vorresti solamente andare da lui e urlargli in faccia tutta la tua frustrazione di fronte al suo comportamento?
Oppure hai combinato un gran casino. Uno di quelli a causa del quale non vorresti fare altro che scappare il più lontano possibile da tutto e da tutti, per non dover affrontare il giudizio delle persone.
Oppure hai litigato con talmente tante persone e sei talmente acido e nervoso che se per caso dovessi mordere qualcuno, lo avveleneresti.

Ecco.

In quei momenti, il nostro cervello viaggia a mille. Le emozioni racchiuse nella nostra testa ci assorbono in un vortice senza via d’uscita e non riusciamo a pensare a niente di diverso da ciò che ci è capitato.

A questo punto, i casi sono due: o ci buttiamo a capofitto nell’allenamento “fin quando fa male e fin quando ce n’è” (per citare una vecchia canzone di Ligabue) per sfinirci ed impedirci di pensare a qualunque altra cosa; oppure si ha la necessità di fermarsi un attimo per cercare di rimettere insieme i cocci e tirare le fila.
Non esiste una soluzione univoca. Esistono soluzioni adatte a ciascuno di noi in quel determinato momento, legate allo stato d’animo e al modo di reagire di ognuno.

Tutti questi tumulti interni fanno parte del carico interno. Per definizione, il carico interno fa riferimento all’adattamento fisiologico o alle modificazioni subite dal nostro organismo per effetto della somministrazione di un determinato allenamento. Si differenzia pertanto dal carico esterno, ovvero la parte oggettiva e misurabile dell’allenamento, come la distanza percorsa, il ritmo mantenuto in una determinata seduta di allenamento, il tempo di recupero programmato, il numero di ripetute stesse ecc.

Se però il carico esterno è facilmente misurabile, gli adattamenti che opera sull’organismo dell’atleta non lo sono affatto. Sono soggetti a molte variabili, tra cui appunto lo stato d’animo col quale si affrontano determinate sedute che potrebbero avere effetti molto diversi, a seconda del nostro approccio.

Ti faccio un paio di esempi.
È giovedi ed in programma hai il lavoro di corsa. Il pomeriggio al lavoro è stato un inferno, te ne hanno combinate di tutti i colori e hai i nervi a fior di pelle. Probabilmente andare in pista a fare un lavoro veloce col quale sfogarsi può essere la soluzione migliore.
Analogamente, però, se la giornata è stata particolarmente stressante, hai dovuto gestire delle situazioni che ti hanno finito di testa, probabilmente andare a stressarsi ulteriormente non ha molto senso. Andrebbe a finire che faresti un lavoro mediocre, se non addirittura scarso, per poi abbatterti ulteriormente. Meglio optare quindi per un allenamento che ti rigeneri e rimandare il lavoro.

Fermo restando che questa questione degli stati d’animo non diventi una scusa per saltare gli allenamenti più indigesti…

In conclusione, ti cosiglio di prestare sempre molta attenzione ai tuoi stati d’animo e di ascoltarti sempre. Lo sguardo deve sempre essere rivolto al risultato e bisogna sempre lavorare in funzione dell’obiettivo che ti sei preposto.

Io quest’anno ho già perso due giorni di allenamento. Le gare si avvicinano e lì non ci saranno molte scuse alle quali appigliarsi.

 

 

 

Photo by Gabriel Matula on Unsplash

- Advertisement -

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

La bici nell’Ironman

Per molti versi, la prestazione in un ironman si decide nella frazione in bici. Ecco come affrontarla, pianificarla e gestirla al meglio.

Correre con il caldo

Se non vuoi rinunciare a correre anche d'estate e col caldo, almeno fallo seguendo i consigli di RunLovers.