Come distribuire il chilometraggio settimanale

Articoli correlati

È il momento giusto per cambiare allenamento

Il cambiamento a volte è inevitabile. L'importante è saperlo gestire. E chissà che non porti più benefici che altro.

I 6 trucchi di un trail runner fortissimo per correre meglio e più veloce

Sei consigli da un fortissimo ultratrail runner per correre meglio e più forte in montagna. Utilissimi anche in piano

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 3 minuti“La cosa bella della corsa è che non devi pensare a niente, solo a correre”. Affermazione verissima, tranne quando si parla di preparazione per una gara e, in questo caso particolare, di come organizzare gli allenamenti all’interno della settimana. Abbiamo già parlato di quanti chilometri correre per preparare una gara e di come aumentare il chilometraggio ma non di come distribuire il chilometraggio all’interno della settimana per rendere il nostro allenamento. Perché non si tratta solamente di prendere chilometri e distribuirli a casaccio nel calendario ma di modellare i giorni tenendo conto di allenamenti lunghi, recuperi, lavori di qualità e allenamenti orientati all’accumulo della fatica.

È necessaria una piccola digressione su quest’ultimo argomento e qui dovrebbe comparire la sovrimpressione “don’t try this at home alone”. L’accumulo della fatica è una tecnica che porta ad accumulare allenamenti senza il recupero ottimale. Vista così potrebbe sembrare una sciocchezza colossale ma è un metodo che serve a far adattare il nostro corpo alla gestione di carichi di lavoro elevati e che non potrebbero essere gestiti in singole sessioni di allenamento. Ti faccio un esempio così ci capiamo meglio: se si sta preparando una lunga distanza (una maratona, per esempio), correre 10/12 chilometri a ritmo-gara il sabato porta a iniziare il lungo domenicale già con della stanchezza residua nelle gambe, rendendo il lungo più efficace. Attenzione però, come ti dicevo qualche riga più su, non bisogna rendere questi allenamenti un’abitudine ed è bene che siano sempre decisi insieme con il tuo allenatore.

Accantoniamo però adesso l’accumulo della fatica per vedere insieme come distribuire i chilometri durante la settimana.

1. Parti dagli allenamenti indispensabili

Prevedere un allenamento di qualità e un lungo per la resistenza è indispensabile ed è il fondamento della tua settimana. Volendo ci puoi anche inserire un medio che contribuirà ad aumentare il chilometraggio senza però influire troppo nella stanchezza e può essere fatto in prossimità – anche il giorno dopo – della sessione per la velocità.

2. Allontana i giorni più duri

Come ti dicevo, ogni preparazione seria prevede almeno due allenamenti “duri” alla settimana. Questi due lavori dovrebbero essere inseriti in calendario intelligentemente spaziandoli in modo “equo”. Per esempio, mettere le ripetute il giovedì e il lungo di sabato significa avere troppo poco recupero prima del lungo; l’ideale sarebbe invece inserirli secondo lo schema martedì + sabato per tutte le settimane, in questo modo puoi recuperare prima del lungo, prima delle ripetute, prima del lungo, prima delle ripetute. E così via ad libitum, sfumando, fino alla gara.

3. Distribuisci il chilometraggio

Creare un eccessivo squilibrio tra i chilometraggi della settimana può essere deleterio e aumentare il rischio di infortuni. In fondo la settimana ha 7 giorni, perché dovremmo faticare tantissimo per due giorni e fare nulla tutti gli altri giorni? L’ideale è dividere la settimana in due blocchi: uno da 4 giorni dove ci saranno il medio e l’allenamento di qualità e un blocco da 3 giorni dove inseriremo il lungo, inserendo in ogni blocco un giorno di riposo. Ti faccio un esempio con una settimana da 50 Km totali così ci capiamo meglio.

Blocco 1:
Lunedì: riposo
Martedì: 7 Km (lavoro di qualità)
Mercoledì: 13 Km
Giovedì: 5 Km
Blocco 2:
Venerdì: riposo
Sabato: 20 Km (lungo)
Domenica: 5 Km

Come vedi, ogni ipotetico blocco ha 25 Km e i due allenamenti principali sono equidistanti.

One more thing

Parallelamente alla programmazione degli allenamenti c’è un altro fattore estremamente importante da considerare: l’alimentazione. Una delle comodità della pianificazione settimanale degli allenamento è che ci permette di adattare e organizzare anche gli aspetti principali dell’alimentazione. Quindi, insieme alla tabella, è importante preparare anche un planner settimanale per ciò che mangeremo.

Ora non resta che prendere il calendario e darsi da fare, no?!

- Advertisement -

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Salomon si prepara al 2021 con tantissime novità

Le novità per il 2021 sono tantissime in casa Salomon. E soprattutto sono pensate per tutti i piedi e tutti i terreni

Come iscriversi alla NY City Marathon (virtuale)

Ecco come partecipare alla virtual race della NY CIty Marathon
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Come si allena la resistenza mentale?

Una buona prestazione fisica ha una potentissima componente mentale. Ecco cosa distingue i campioni dai buoni atleti. Ed ecco come puoi allenare la mente a essere resistente.

Stretching: sì o no?

Bisogna fare stretching? E se sì: prima o dopo la corsa? Proviamo a rispondere una volta per tutte.

Puoi correre se sei sovrappeso?

Si può correre se si è sovrappeso o obesi?