ASICS GEL-KAYANO 25: un quarto di secolo di stabilità

Un quarto di secolo e non sentirlo

Venticinque anni. Se li dici così pensi a un numero o a un’età. Pensi a quando avevi 25 anni, ammesso che tu non li abbia adesso o sia prossimo a compierli. Detto invece come “quarto di secolo” fa un po’ più impressione.

Correva il 1993 quando il primo modello di GEL-KAYANO venne presentato al pubblico. 25 anni dopo ed esattamente 100 anni dopo la nascita del fondatore di ASICS Kihachiro Onitsuka (nato il 29 maggio del 1918) viene presentata la venticinquesima incarnazione di questo mito vivente delle lunghe distanze. Una scarpa che per moltissimi runner è una compagna fedele di corse, specie quelle più lunghe per le quali fu espressamente studiata. 

L’intento era infatti quello di rendere più accessibili le grandi distanze, lavorando sulla stabilità della scarpa in modo da ottenere un alleggerimento del carico sul corpo, trasferendolo alla scarpa. Quella stessa filosofia ispira ancora oggi le GEL-KAYANO, anche se in chiave moderna e grazie a tutti i ritrovati tecnologici studiati da ASICS in questi anni.

C’è l’intersuola inFlyteFoam™ per esempio, cioè fatta con una mescola leggerissima e molto reattiva introdotta da ASICS un paio di anni fa. C’è FlyteFoam™ Propel, un’altra schiuma di nuova formulazione studiata per garantire maggiore reattività nella fase di appoggio e usata insieme alla tecnologia ASICS GEL™ per un migliore assorbimento degli shock. E c’è infine la tomaia in All-new Two-Layer Jacquard Mesh Upper che offre una vestibilità perfetta e traspirante migliorando la flessibilità e riducendo le pieghe che possono causare irritazione.

La GEL-KAYANO™ 25 sarà disponibile dal 1 giugno 2018 presso i rivenditori ASICS e gli online stores.

LEGGI ANCHE:
New Balance presenta le Vazee Pace V2

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

3 COMMENTI

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.