adidas Ultraboost Parley Deep Ocean Blue: 11 bottiglie di plastica con una coscienza

La consapevolezza dell’impatto che l’uomo ha sulla natura può anche passare per un paio di scarpe. Per fare un paio di adidas ultraBoost Parley Deep Ocean Blue per esempio ci vogliono 11 bottiglie di plastica e forse ti sembran tante o poche ma sono 11 bottiglie e ce le hai di fronte agli occhi quando le nominiamo e le contiamo. Queste 11 bottiglie sono state raccolte su spiagge su cui si sono arenate. Probabilmente facevano parte di una delle isole grandi come una regione che vagano per gli oceani e che son fatte di tutta la plastica che buttiamo via ogni giorno. Alla terra su cui sono state usate e poi gettate via son tornate un giorno e invece che finire nella pancia di un pesce e poi nella tua pancia dopo aver mangiato quello stesso pesce sono state trasformate in un paio di scarpe. Un paio di UltraBoost poi, mica male no?

Poco? Niente? Non servirà a salvare il mondo dall’inquinamento? Ci piace spesso dire che 100 metri sono meglio di zero e che correre anche poco è meglio che non correre per niente, quindi se pensi che sia poca cosa prendere della plastica da una spiaggia e riciclarla prova a pensare “È poco, forse è niente, ma è qualcosa”.

Come l’anno scorso adidas sposa la causa ambientalista di Parley e dedica un paio di Ultraboost ribattezzate Deep Ocean Blue – in onore della Fossa delle Marianne e delle profondità. Hanno una tomaia fatta all’85% con plastiche riciclate e hanno un cuore ambientalista. E saranno disponibili dal 20 giugno qui.

E non finisce qui: il 29 giugno adidas organizza a Milano una run di 1,5 km che potrà essere eseguita più volte e che ha lo scopo di donare fondi per Parley Ocean Plastic Program in un’esclusiva location alla presenza di Ian Thorpe, nuotatore australiano plurimedagliato olimpico.  Puoi iscriverti all’evento qui.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.