Spegnere l’eccesso più dell’incendio

A volte succede di dare troppo, allenarsi troppo, concentrarsi troppo. E se ne pagano le conseguenze. Eccome se si pagano.

Articoli correlati

Siamo soli, facciamocene una ragione

La corsa è una metafora della vita, lo sappiamo bene. La fatica è nostra, i pensieri sono nostri, e la solitudine ne è una parte integrante. Che aiuta.

La musica di un’isola e il campione

Il racconto di Maiorca, visitata con una colonna sonora stupenda e l'incontro con Mario Mola, Campione Mondiale ITU World Triathlon Series.

Garmin Forerunner 935: qualche dispetto iniziale e poi grandissimo amore

L'orologio "top di gamma" per il triathlon della casa statunitense che, come al solito, porta l'asticella ancora più su con un dispositivo pressoché perfetto.

L’allenamento che odio di più è quello più utile (dannazione!)

Spingersi oltre, fino a quando sei al limite, è allenante non solo per il fisico ma anche per la mente. Nella corsa, nel triathlon e in ogni disciplina.
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 3 minutiNon è una frase che ho inventato io ma sto citando Eraclito. E, a ben pensarci, credo che questo filosofo greco sia stato il primo precursore della filosofia del triatleta (e qui chiunque ne capisca abbastanza mi ha già mandato a quel paese). Infatti Eraclito è diventato famoso per il suo πάντα ῥεῖ – pánta rhêi, tutto scorre – che a ben pensarci descrive meravigliosamente il “flow” del triathlon, il passare da una disciplina all’altra. Ma cosa sto dicendo? Non voglio parlarti di filosofia, tranquillo, e quindi ritorniamo allo “spegnere l’eccesso più dell’incendio”. E ricominciamo.

Nel mese di dicembre i miei allenamenti procedevano bene, stavo consolidando il mio programma di allenamento verso le 12 ore di lavoro settimanali, i risultati miglioravano, la massa magra pure, il fiato era apposto e iniziavo a fare PB (Personal Best) sia nella corsa che in acqua, anche su distanza che fino a sei mesi fa erano quasi “impossibili”. Tutto bene quindi? Ovviamente no!

Subito dopo Natale un virus mi ha fermato per qualche giorno ma è passato in fretta. Sono tornato ad allenarmi e la situazione si era totalmente ribaltata: faticavo tantissimo a raggiungere prestazioni addirittura peggiori rispetto a qualche settimana prima, ero stanchissimo, mi sentivo come un sacco vuoto e – appena iniziavo ad allenarmi – i muscoli si indurivano e affaticavano senza che però la frequenza cardiaca si alzasse.

Quando ti succede la prima volta, pensi a una giornata storta; quando ti succede la seconda volta, ti dici che forse le vacanze ti hanno un po’ “fiaccato”; alla terza volta dài la responsabilità allo stress; ma, quando succede ancora e ancora, ti rendi conto che c’è qualcosa che non va.

Quindi, la mattina del 6 gennaio, ero al telefono con Fabio (il mio coach) per farmi dire quello che già temevo: overreaching. Da non distinguere con l’overtraining, condizione molto più grave.

La prima cosa da fare è stato capire da cosa potesse dipendere e abbiamo individuato tre fattori essenziali: stress, sonno, alimentazione.

Già, perché avevo mangiato malissimo (e mi capitava molto spesso di essere “rabbioso” a causa della fame), dormivo ancora meno del solito (che significa 4/5 ore per notte), e non era certamente uno dei periodi più tranquilli degli ultimi anni. Somma tutto questo, et voilà!, ecco che arriva l’overreaching.

E quindi cos’hai fatto?

Quello che dice il buon senso: mi sono fermato una settimana e ho iniziato a colmare le lacune per sonno e alimentazione (di quest’ultima ti racconterò nel dettaglio la settimana prossima).

Il sonno è stata la parte più difficile da correggere ma, seguendo alcuni consigli semplici, basta un po’ di disciplina e riesci a “governare” anche la sfera del riposo. Quali sono i consigli che ho seguito io? Eccoli!

1. Andare a letto più o meno sempre alla stessa ora (e comunque sempre prima di mezzanotte, meglio ancora entro le 23);

2. Spegnere tutti i dispositivi elettronici (tv compresa) almeno mezz’ora prima di andare a letto;

3. Usare il letto solo per dormire. Non essere malizioso: intendo che non devi metterti a lavorare, navigare su internet, guardare film da lì. È concesso solo leggere (va bene anche se usi il Kindle);

4. Prima di dormire fare una doccia calda e lavare i denti. Anche se l’hai già fatto: aiuta a rilassarsi.

Tutti questi suggerimenti hanno uno scopo solo: permettere al cervello di spegnersi gradualmente e autonomamente, mentre il fisico si lascia andare alla stanchezza.

Sullo stress ci sto ancora lavorando ma dormire di più aiuta a ridurre anche quello, credimi.

Sono stato un pirla a trascurare i primi segnali. Ora, a distanza di un mese, non sono ancora riuscito a recuperare totalmente ma ci sono quasi.

E si continua a sudare.

Altri articoli

4 COMMENTS

  1. Ciao SANDRO sono CIRO ci siamo sentiti qualche settimana fa ma non pretendo che ti ricordi di me senti tante persone. Leggevo come d’abitudine giornaliera il tuo articolo e mi sa tanto di essere affetto dalle stesse problematiche, ti spiego:” Faccio i turni e non è questo il problema ma sono di quelli più schifosi che possano esistere infatti inzio con la sera 19/01 segue 13/19 rientro la sera e riparto la mattina per il 7/13 per poi finire, dulcis in fundo, 01/07. Riassunto non dormo quasi mai infatti a questi turni aggiungi, viaggio per Roma e ritorno ed impegni familiari, la frittata è fatta. Riposo poco e male perché ormai il sonno è alquanto compromesso e di conseguenza anche gli allenamenti. Per quanto riguarda l’alimentazione faccio sempre 5 pasti giornalieri compresi gli spuntini, sempre rispettando di massima i prodotti e le porzioni. All’inizio le mie prestazioni erano migliori ma quest’anno dopo l’estate ho avuto un calo psico fisico che ancora mi porto dietro. Infatti non riesco più a fare i km e gli allenamenti di prima. Cosa mi puoi consigliare? Ora mi limito sugli 8/10 km per soli 2/3 allenamenti settimanali, un po’ pochino lo so, ma abito pure in collina e mi toccano sempre le salite quindi le uscite non sono sempre una passeggiata. Non so quanto resisterò ancora ma sento che un po’la voglia viene meno, speriamo nella bella stagione.
    Grazie e buon lavoro. CIRO

    • Ciao Ciro. Certo che mi ricordo! ;) La mia opinione (che è e rimane tale senza alcuna pretesa) è di non aumentare troppo il carico. Almeno finché questo periodo non si “stabilizza”. Il sonno ci serve per recuperare e – in sua assenza – si corre il rischio di esagerare.
      Buone corse!!! ??

  2. Ciao Sandro, a me interessa molto la parte relativa al cibo. Secondo me io mi nutro male e in modo errato sia prima che dopo gli allenamenti. In pochi mesi ho perso molta massa grassa e i beneficii si sono visti in termini di prestazioni (migliorati i tempi di oltre un minuto al.km).ora però sono “fermo”… nessun miglioramento, anzi.
    Attendo il.nuovo post con ansia :-)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

L’allenamento per principianti per fortificare i muscoli

Specie quando hai iniziato da poco a correre ti concentri solo su quello: correre. Invece è meglio fare anche altri esercizi per fortificare il resto del corpo

Conosci la food obsession 2020?

Sì è lui: il dalgona coffee. La food obsession 2020 che ha fatto il giro del mondo. Tutto comincia in Corea ma a ben guardare affonda radici che riguardano anche i nostri ricordi.

Come idratarsi quando ci si allena

L'idratazione, soprattutto nei periodi più caldi dell'anno, è estremamente importante. Ecco alcuni consigli su come idratarsi prima e durante l'allenamento

Allbirds Tree Dashers, le scarpe da running (quasi) a impatto zero

Se la tutela dell'ambiente ti sta a cuore, le Allbrids Tree Dashers potrebbero essere la scarpa che cercavi

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.