Sotto il muro delle due ore

Riuscirà l'uomo a correre una maratona in meno di 2 ore? Lo scopriremo sabato mattina a Monza.

Articoli correlati

Tor des Hamsters: la gara a Km 0 di Stefano Gregoretti

Stefano Gregoretti ha organizzato una gara a Km 0, la Tor des Hamsters, a cui ciascuno si iscrive versando almeno 10 € direttamente alla Protezione Civile per l'emergenza Coronavirus. Per fare qualcosa di utile a tutti, rimanendo in forma.

Brooks festeggia il cambiamento

La corsa ci cambia. E oltre a cambiare noi, ci permette di trasformare anche il mondo che ci circonda. Questo cambiamento è stato festeggiato da Brooks con la Runsformation.

Brooks “Tell us your happy story”: raccontaci come la corsa ha trasformato la tua vita

Brooks lancia la sua iniziativa "Tell us your happy story". Racconta come la corsa ha trasformato te, la tua vita o migliorato il mondo da qualsiasi punto di vista: sociale, ambientale o personale. E diventa il volto Brooks del cambiamento per il 2020!

La cultura del gnegnegnè

Un uomo corre la distanza della maratona in meno di due ore e c'è chi riesce a polemizzare pure su questo
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 3 minuti

2:02:57
Due ore, 2 minuti, 57 secondi 

Questo è l’attuale record del mondo in maratona, stabilito da Dennis Kipruto Kimetto nel 2014 e da allora imbattuto.

Eppure il primo numero di quella serie resta sempre il 2: due ore, sempre vicini alle 2 ore, mai sotto le due ore. O almeno fino (forse) a questo momento perché Nike sabato 6 maggio alle 4 del mattino tenterà di far abbattere quel muro a 3 atleti supervelocissimi.

Gli atleti

Eliud Kipchoge, Lelisa Desisa e Zersenay Tadese hanno accettato la sfida e da mesi si preparano, seguiti da equipe di medici, allenatori e nutrizionisti che hanno studiato i loro parametri, hanno rifinito i loro modelli di allenamento, hanno perfezionato la miglior dieta per ognuno di loro. Nessuno dei tre ha infatti seguito lo stesso allenamento né ha mangiato le stesse cose. Sono tre atleti diversi, con abitudini diverse e con corpi diversi. Sono uniti da un unico obiettivo chiamato “breaking2”: rompere il muro delle 2 ore.

Eliud Kipchoge

Eliud Kipchoge, 32 anni, nasce il 5 Novembre a Kapsisiywa, nel quartiere Nandi. E’ campione del mondo al World Championships in Athletics e nel 2012 batte il record della mezza maratona portandolo a 59:25 minuti. Vince la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Atene nei 5000 metri nel 2004, l’argento alle Olimpiadi di Pechino nei 5000 metri nel 2008 e l’oro alle Olimpiadi di Rio nella maratona maschile. Ha vinto la Maratona di Berlino in 2:04:00 e nel 2016 si è migliorato vincendo a Londra in 2:03:05.

Zersenay Tadese

Zersenay Tadese, 34 anni, nasce l’8 febbraio ad Abi Bana, Eritrea. È medaglia di bronzo nei 10.000 metri nel 2004 ad Atene (primo olimpico eritreo nella storia). Vanta quattro vittorie consecutive alla World Half Marathon Championships, dal 2006 al 2009, titolo che vince anche nel 2012. Nel 2010 imposta un record mondiale nella Mezza Maratona di Lisbona e ha vinto un oro, un argento e due bronzi alla IAAF World Cross Country Championships. È olimpico per quattro anni: 2004, 2008, 2012 e 2016. È il detentore del record della mezza maratona maschile con un tempo di 58:23.

Lelisa Desisa

Lelisa Desisa, 26 anni, nasce il 14 gennaio in Shewa, Etiopia. Fa il suo debutto nel 2010 piazzandosi terzo alla Zayed International Half Marathon con un tempo sotto i 60 minuti.
Nel 2013 vince la Boston Marathon e, a seguito dei bombardamenti, ha riconsegnato la sua medaglia alla città di Boston in memoria delle vittime. Nel 2015 vince di nuovo la Boston Marathon con un tempo di 2:09:17 e arriva secondo nel 2016.

La preparazione

Il progetto Breaking2 è nato nel 2014 ma è stato ufficializzato solo nel 2016. Da anni un team interno a Nike sta lavorando per coordinare la logistica, gli esperti, i designer, i medici e gli allenatori per permettere ai Magici Tre di limare quei 7 secondi a miglio che serviranno loro per scendere sotto le due ore.
La sfida è quella di dimostrare che fisicamente ce la si può fare, che l’essere umano non ha ancora trovato il suo limite e che i migliori allenamenti, l’alimentazione calibrata e ovviamente il fisico adatto sono capaci di imprese straordinarie.

Il luogo, il giorno

La maratona si corre su una distanza precisa ma il percorso, come sai, varia ogni volta. Per questo ci sono maratone veloci come Berlino o più lente come Boston o Roma o New York. Data l’eccezionalità di questa impresa, Breaking2 si correrà nel luogo più adatto a garantire le condizioni ambientali migliori: l’Autodromo di Monza.

Cosa di meglio di uno dei templi della velocità? Monza inoltre, essendo situato all’interno di un parco circondato da alberi, garantisce che il vento non cambi improvvisamente direzione, l’asfalto è perfetto, la distanza adatta alla ripetizione dello stesso giro e ai rifornimenti di liquidi e carboidrati. Immagina una pista di atletica e allungala fino a 2,4 km, ripeti per 17,5 volte e ottieni il circuito perfetto per fare il record del mondo.

Il 6 maggio non è una data casuale: nello stesso giorno nel 1954 Sir Roger Bannister corse per la prima volta nella storia dell’uomo il miglio in meno di 4 minuti.

L’attrezzatura

Anche macchine perfette come quelle dei Magici Tre richiedono i migliori pneumatici. Per questo Nike ha sviluppato le Zoom Vaporfly Elite: un profilo mai visto con un tallone che sembra plasmato dai flussi dinamici e dalla velocità e l’arma segreta contenuta nella soletta: un piastra in carbonio a forma di cucchiaio conformata sul piede di ogni atleta per garantire rigidità della scarpa e risposta energetica massima dopo l’impatto.

RunLovers ci sarà

Seguiremo l’impresa sabato mattina a partire dalle 4 direttamente dal circuito di Monza. Per ogni news, aggiornamento e curiosità seguici sui Twitter, Facebook e Instagram.
Il muro sarà abbattuto? Manca pochissimo per scoprirlo.

Altri articoli

1 COMMENT

  1. E’ un evento aperto al pubblico nell’autodromo…oppure si può vedere online o in video da qualche parte? Grazie per le info!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Nike Alphafly NEXT%: le scarpe dell’uomo più veloce del mondo sono in vendita

Dai piedi dell'uomo più veloce del mondo alla strada: le Nike Alphafly Next% del record di velocità sono in vendita

I vostri fuori soglia

Nella precedente puntata ti avevamo chiesto di raccontarci i tuoi fuorisoglia, quando cioè ti sei trovato in territorio sconosciuto, in tutti i sensi. Ecco sei dei vostri racconti.

Centrifugato, mon amour!

Cetriolo, Sedano e lime ma anche Anguria, fragole e pomodoro. Due centrifugati buonissimi!

Economia di corsa: l’importanza del gesto e della tecnica

È il modo migliore per andare più veloce e con meno fatica e si riassume in un solo concetto: migliorare l'economia di corsa.

Quando sei andato fuorisoglia?

Andare fuorisoglia significa uscire dalla tua zona comfort. In questa puntata raccontiamo quando ci è capitato e ti chiediamo di raccontarci quando è successo a te

La corsa fa male alle ginocchia?

Hai male alle ginocchia? Colpa tua che corri! E invece no: non è detto e la corsa potrebbe essere l'ultimo problema

Il nuovo spot Nike per dirci che ci rialzeremo

Nike ha fatto un nuovo spot in cui non parla dei suoi prodotti ma della sua visione del mondo. E dice che i campioni sono quelli che non smettono mai di sperarci. E tu sei così?

Scelti dalla redazione

Le app per allenarsi bene

App ce ne sono moltissime ma quali scegliere per rendere il nostro allenamento più facile ed efficace? Ecco la selezione delle nostre preferite.

Come scegliere il portacellulare per correre

Il cellulare è ormai un accessorio indispensabile per i runner: da chi lo utilizza per monitorare i propri progressi a chi non rinuncerebbe mai...

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.