Running playlist: Radiohead

Vuoi correre scoprendo la musica dei Radiohead? Allora non devi far altro che ascoltare la nostra playlist: è già pronta per te.

CONDIVIDI

L’idea di questa nuova serie di playlist che ci accompagneranno nelle prossime (molte) settimane è molto semplice e nasce dalla mia esperienza personale: il momento in cui corro è l’unico che ho per ascoltare musica senza avere disattenzioni e per concentrarmi su quello che sto ascoltando.

Se ci pensi, ascoltiamo moltissima musica ma – nella maggior parte dei casi – ci fa da colonna sonora; un accompagnamento, una bellissima cornice ma non riusciamo mai ad ascoltarla davvero. Almeno per me è così.

Quindi perché non fare delle playlist monotematiche in cui mettiamo solamente un solo artista? In fondo è un modo per conoscere meglio un po’ di musica. L’idea quindi è di darti la nostra versione del “Bignami” per quel singolo artista. E sottolineo la nostra versione. In questo modo, se non lo conosci, potrai ampliare la tua cultura musicale; mentre, se lo conosci, magari ne avrai un punto di vista diverso. La cosa bella è che potrai farlo correndo.

Quindi niente ritmi o generi specifici ma solo la voglia di condividere con te la nostra passione per la musica.

Iniziamo col botto!

Per iniziare ho pensato a un gruppo che io – in tutta onestà – credo di non aver ancora capito appieno. Perché secondo me fanno musica così “avanti” che, nel migliore dei casi, forse riuscirò a capirla nel 2112 (vivrò a lungo perché corro, ovviamente). ;)

Sto parlando dei Radiohead.

Il problema più grande nello scegliere le canzoni è stato limitarmi perché, in tutta onestà, ci sono degli album (OK Computer e In Rainbows) che avrebbero meritato di essere inclusi nella playlist senza saltare una traccia ma, sarebbe stato troppo facile. Quindi, dopo interminabili notti insonni, sono giunto a una lista finale di 47 brani, in rigoroso ordine cronologico e di traccia. Spero che, dopo queste 3 ore di musica, apprezzerai la carica innovativa di questa band inglese.

Facci sapere cosa ne pensi. Lo spazio qui sotto è a tua completa disposizione.

Buon ascolto!

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

4 COMMENTI

  1. Il mio consiglio, per liste monotematiche, è quello di ascoltare per intero i primi 4 lavori di EL&P, i primi 4 + “Presence” + “The song Remains The Same” dei LED ZEPPELIN, “In The Court Of The Crimson King” dei KING CRIMSON, “Yessongs” degli YES, “A Trick Of The Tail” e “Selling England By The Pound” dei Genesis e, dando per scontato che conosciate decentemente la discografia dei PINK FLOYD fino a “Wish You Were Here”, non avrete più bisogno di ascoltare altro. Esclusivamente per lunghi da 12/15 km con qualche allungo non troppo tirato.

  2. E che botto! Radiohead immensi! Molto bene, playlist salvata per le prossime… 6 uscite!! :-O Ebbene si, orgogliosamente rivendico “la mia mezz’oretta” di corsa e i miei sudatissimi 5 Km (7 mesi fa non facevo nemmeno 1min ;-) )

    Non ci resta che correre… e andare a sentirli il 16 giugno a Monza!!!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here