I 10 Comandamenti per non sentirsi più gonfi

scritto da Violetta Beauregarde.

Articoli correlati

Cosa c’è per cena? Il banana bread

Inizia una nuova rubrica che parla di cibo non solamente dal punto di vista nutritivo ma anche come appagamento dopo un allenamento, e risponde alla domanda "cosa c'è per cena?"

L’insalata di ananas e tacchino

Un'insalata con tacchino, ananas e tante delizie servite in modo semplice ma sorprendente.

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione
Iaia Guardohttp://www.maghetta.it
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla ad Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? È figlia di un grande maratoneta. Ha pubblicato per Mondadori scalando le classifiche e donando alla Ricerca per il Cancro il suo ricavato. Continua a scrivere, disegnare, cucinare, fotografare inarrestabilmente.

Tempo di lettura: 2 minutiIo “mi sento un po’ gonfia” non lo dico mai. Dico sempre “sono così gonfia che sto per scoppiare”, ergo chi scrive è una che non soffre solo di ritenzione idrica ma della sindrome di Violetta Beauregarde.

Tranquillo se non conosci questa sindrome non è perché sei poco informato (sottotitolo: è che io sono troppo cretina) ma perché non hai ripassato i fondamentali degli anni settanta ovvero: La Fabbrica di Cioccolato. Violetta Beauregarde è quella tenera bambina biondina viziata vestita di viola campionessa nel masticare gomme che poi, proprio per il fatto di essere insopportabilmente antipatica e scorretta, viene fatta fuori -metaforicamente- dal Wonka facendola gonfiare come un pallone aerostatico. Ecco io sono come Violetta quando viene espulsa dalla fabbrica, sei giorni su sette. Direi sette su sette ma a volte va meglio.

E quando va meglio? Quando faccio la brava. E quando faccio la brava? (mai) Quando osservo poche e semplici regole. Quali? Eccole!

  1. Bevi tanta acqua (lo so è snervante ma è così). Però non esagerare. In media stat virtus.
  2. Non eliminare i cibi salati in toto, ma contieniti in linea generale che è cosa buona e giusta.
  3. Muoviti e indossa scarpe basse (questa è per noi donne). Sul movimento neanche mi ci soffermo ma è una tra le maggiori cause del gonfiore e della ritenzione idrica; inoltre indossare spesso scarpe alte di certo non aiuta.
  4. Le foglie verdi aiutano tantissimo, soprattutto la rucola. Un’insalata che può fare al caso tuo? Rucola, ananas, olio extra vergine di oliva, poco sale e un pizzico di pepe rosa. Sulle alghe neanche mi ripeto ma aiutano tantissimo.
  5. Alcool abolito (io perché sono antipatica direi a prescindere, vabbè) senza se e senza ma.
  6. Le ciliegie. Lo sapevi? Anche fare degli infusi con i noccioli non sarebbe una cattiva idea, anzi.
  7. Corri in erboristeria senza affidarti a prodotti già confezionati studiati per tutti e parla con la tua erborista. Lei sì che farà un prodotto confezionato appositamente per te. Ognuno di noi ha una macchina unica e perfetta ed è fondamentale capire pian pianino cosa fa può fare bene al nostro corpo e cosa no. Basta poco tempo. Occorre solo la volontà.
  8. Massaggiati. Sì lo so è noiosissimo ma aiuta. Massaggiati partendo dalle caviglie sino ad arrivare sin su. Dovrebbe essere un’abitudine quotidiana per chi ne soffre. Il tempo scarseggia lo so ma provaci (nei periodi in cui lo faccio mi sgonfio tantissimo. E shhhhh non lo dire a nessuno dei maschietti qui in sala. Quando lo faccio e mi impacchetto pure un pochino con i fanghi e l’ortica stento a riconoscermi perché sgonfio tantissimo! Shhhh!).
  9. Visto che è il periodo giusto sgambetta a mare come un’ochetta che sembra tutta tranquilla in superficie ferma immobile e invece sotto l’acqua si muove di brutto!
  10. Smettila di comprare creme, cremine, tisane, tè miracolosi e. Occorre tempo, pazienza e fondamentalmente le cose sono sempre due: mangiare sano e muoversi. Niente segreti. A tavola troverai tutte le tue risposte (però ripeto shhhhh i fanghi, la tisana doc studiata della tua erborista e mangiare tante alghe aiuta. Parola di Violetta Beauregarde!).

 

- Advertisement -
- Advertisement -

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Le scarpe per migliorare il proprio Personal Best

Ci sono delle scarpe nate per farci andare più veloci e battere il nostro personal best. Ecco la nostra selezione in vista della Deejay Ten!

Gli atleti pro si “allenano” anche in volo

Se vuoi raggiungere il massimo non devi lasciare niente al caso. Tipo prepararti sempre, anche in volo

L’intelligenza di chi corre

Per uscire dalla zona comfort puoi spaccarti di allenamenti oppure essere curioso e leggere libri o ascoltare musica o vedere film. O fare tutto questo, assieme

Brooks Hyperion Elite 2: versione definitiva

Quando, all’inizio di febbraio, Brooks ha presentato la famiglia Hyperion (ne trovi la descrizione qui), già si sentiva nell’aria il fatto che avrebbero presentato...

Riparte Fuorisoglia, riparti tu!

Riprende il nostro podcast “Fuorisoglia”: tante le novità che ti sveleremo nelle prossime settimane e sempre lo stesso divertimento!

Iniziare a correre da zero

Iniziamo un progetto in 6 "puntate" che ci accompagnerà alla My Deejay Ten di ottobre. E iniziamo dall'inizio: come iniziare a correre. Iniziamo? ;)

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Gli effetti dello sport sul tuo cervello

Perché fare sport fa bene al tuo cervello? Perché lo stimola e lo fa "crescere". Ecco come.