Play it cool, la playlist che ti manda a star bene

Lo chiamavano chill-out. Era la fine degli anni '90 e questi restano i brani più belli di quel periodo.

Articoli correlati

RunLovers Back to 2000

Nel 2000 avevamo 20 anni di meno e qualcuno di voi non era ancora nato. Nel 2000 la musica non era poi tanto diversa da oggi. Nel 2000 ascoltavamo questa musica

La playlist della primestate

Quest'anno la primavera è stata un po' strana, quindi abbiamo pensato di festeggiarla unendola all'estate. Con i più successi del momento!

La Playlist delle Nostre Serie TV preferite

Basta sentire qualche nota e ti si accende in testa una memoria: è quella delle serie TV che hai amato. Ecco quelle che preferiamo (e preferisci)

RunLovers The Lyrics: la playlist delle canzoni con i testi più belli

Il filo conduttore di questa playlist è la qualità dei testi delle sue tracce. Come già successo, l'abbiamo fatta assieme a voi, durante una live di questa lunga quarantena. Grazie ancora!
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: < 1 minutoEra la fine degli anni ’90 e la musica più ascoltata e ricercata era fatta quasi solo da europei: austriaci, inglesi, francesi e pure qualche italiano. Musica elettronica o suonata con pochi strumenti. Spesso “orchestrata” da chi non era tecnicamente nemmeno musicista. Erano DJ e produttori con grandi capacità tecniche e un ottimo gusto musicale, che seppero campionare e miscelare frammenti di musiche del passato aggiornandole e letteralmente rimontandole, in nuovi meccanismi sonori. C’era chi li definiva chill-out ma ben presto (almeno nella mia testa) questo termine finì per definire certe fighetterie da aperitivo a Formentera o al Buddha Bar di Parigi. Bello e figo. Le prime volte.

Loro erano diversi. Loro erano quelli che si erano inventati il genere. Quelli dal nome più difficile da ricordare e più figo erano Kruder&Dorfmeister, un duo di DJ viennesi. Che poi sia chiamarono Peace Orchestra e poi ancora Tosca. Ma c’erano anche Zero 7 e Bonobo e Rony Size e Jazzanova e forse i più famosi di tutti: i francesi Air.

Ti diranno che non erano tutti la stessa cosa: che c’era chi faceva trip-hop e chi faceva elettronica più pura. Ti diranno tante cose, ma io ne conservo un ricordo compatto: questo era un tipo di musica molto interessante che si ascoltava 20 anni fa. E che resta tale, visto che le produzioni musicali in sé sono invecchiate benissimo e non dimostrano gli anni che hanno.

Quindi: se già li conosci fatti un giro nel tuo passato. Se non ne hai mai sentito parlare vai alla traccia #1, spingi Play e inizia a correre. Play it really cool.

- Advertisement -

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

La bici nell’Ironman

Per molti versi, la prestazione in un ironman si decide nella frazione in bici. Ecco come affrontarla, pianificarla e gestirla al meglio.

Correre con il caldo

Se non vuoi rinunciare a correre anche d'estate e col caldo, almeno fallo seguendo i consigli di RunLovers.