Il risveglio

Articoli correlati

Seguire le sensazioni

A volte è necessario togliere le cuffie, ascoltare il rumore dei nostri passi, cambiare strada e ascoltare solamente le nostre sensazioni. Vero?

3 suggerimenti per allenarsi con il caldo

Il caldo arriva - d'altra parte non ci sono più le mezze stagioni, no?! - e per allenarci dobbiamo correre ai ripari. Ecco 3 consigli molto utili sia per gli allenamenti che per le gare.

Affrontare la sfida continua con il tempo (e la sua relatività)

“Tutte le ragazze alla spunta” urla qualcuno dal microfono. Probabilmente è un giudice. La tensione è palpabile, ma per cercare di stemperare un po’...

Sei anche tu “Garmin dipendente”?

Potremmo anche dire "Polar dipendente", "Suunto dipendente", "Watch dipendente" o quello che vuoi. Il risultato non cambia: dipendi anche tu dai dati del tuo GPS? Provare a correre senza può essere un buon esercizio
Veronica Signorinihttp://veronicasignorini.wixsite.com/mynutritiontips
Nuota come un motoscafo, pedala come una moto e corre come se fosse inseguita da un'orda di zombie affamati. Veronica si definisce un'atleta (semi)professionista ma solo perché i semi li sta gettando per far crescere una carriera grandiosa nella triplice disciplina. Si dice sia sempre felice perché è in costante overdose da endorfine ma, in realtà, ha un segreto per la felicità molto ben custodito e te lo svelerà solo se vai più forte di lei. Quindi lo conoscono in 5 in tutto il mondo! ;)

Tempo di lettura: 2 minutiMercoledì. Ore 6.45. L’ingresso della piscina così tutto illuminato mi da quasi fastidio agli occhi.

“Buongiorno”
Rispondo al saluto con un cenno della testa, un sorriso mezzo abbozzato ed una sorta di grugnito.
La ragazza alla reception mi guarda un po’ tra l’assonnato ed il divertito. Credo di avere ancora il segno del cuscino sul viso.

Lo sguardo non è dei più svegli.

Entro negli spogliatoi. Con molta calma mi cambio, indosso il costume, prendo tutto l’occorrente e vado sul bordo vasca.

Anche stamattina sono l’ultima ad arrivare e sono già tutti in acqua.
Il silenzio è quasi assordante. Nessuno ha voglia di parlare. È ancora troppo presto per comunicare. L’unico rumore è quello dei “nuotatori” che stancamente vanno da una parte all’altra della vasca.

Sistemo cuffia ed occhialini e guardo intensamente la vasca.
– “pfff…”
– “Veronica, entra sei in ritardo.”
– Grugnisco qualcosa.
– “Entra”

Dopo vent’anni di nuoto ho bisogno dei miei tempi per tuffarmi.

Ho un rapporto di Odio e Amore con l’acqua. È stato il grande amore per tanti anni (nuoto da quando ho 5 anni e fino a 18 ho praticato nuoto agonistico), poi il nostro rapporto si è trasformato in una bella amicizia, fino a logorarsi negli ultimi anni con la scoperta del triathlon. Ormai il nuoto è diventato come un ex fidanzato geloso che non vuole rassegnarsi alla fine della storia.

Adesso però è davvero ora di entrare in acqua e di allenarsi, non c’è più molto tempo per fare della filosofia.

Un bel respiro…
e via.

Pensavo peggio però. Non fa nemmeno così freddo. L’importante è non bagnarmi gli occhi perché altrimenti mi sveglio del tutto!

Una bracciata, dopo l’altra arrivo in fondo alla prima vasca, quindi alla seconda. Ma si dai… non è neanche male.
Le vasche si trasformano in metri, quindi in chilometri.

Qualcuno inizia anche a fare qualche battuta e a ridere.
È bastata una prima fragorosa risata che tutti sono contagiati dal buon umore e a poco a poco tutti sorridono.

Un’ora di nuoto. 3500 metri.

Anche stamattina sono sopravvissuta e tutto sommato mi sono anche divertita.
Ora colazione e la giornata può finalmente iniziare!

 

 

Photo by Martin Sattler on Unsplash

Altri articoli

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.