I prodotti più RunLovers del 2017

Nel 2017 abbiamo visto prodotti sempre più evoluti e raffinati. Nessuna rivoluzione, e va benissimo così.

Se il 2016 è stato l’anno delle conferme dopo le molte novità degli anni precedenti, il 2017 è stato quello dell’affinamento e del perfezionamento di prodotti già molto amati dai runner.

Ormai è qualche tempo che non si vedono più cose particolarmente fuori di testa (ricordiamo scarpe con lame propulsive, scarpe con cunei in posizioni strane, persino scarpe in maglia metallica) ma non è necessariamente un male, anzi. Anche in questo settore esiste una selezione naturale e si chiama mercato: i prodotti che vengono accettati vendono, mentre quelli  troppo strani o in anticipo sui tempi sono destinati a scomparire.

Se si può cogliere invece una tendenza – ed è particolarmente gradita – è quella alla semplificazione: le scarpe sono fatte di meno parti, sono più leggere eppure altrettanto solide. Invece che per addizione i brand hanno lavorato per sottrazione. Basta vedere i modelli aggiornati degli storici cavalli di battaglia per capire quanto si siano semplificate le scarpe: una volta erano fatte di decine di parti, oggi di pochi componenti.

Un settore in fortissima crescita e dove la spinta verso la specializzazione e il virtuosismo tecnico si accompagnano alla semplicità d’uso è quello degli sportwatch. Manca davvero che facciano il caffè perché per il resto questi piccoli aiutanti da polso sono più potenti del computer di una navicella spaziale.

Il 2017 è insomma come una foto di famiglia: i volti sono noti e riconoscibili. Sono solo più maturi rispetto a qualche anno prima, non di certo invecchiati. Più consapevoli e che ispirano fiducia.

Molte conferme e molti miglioramenti per permetterti di correre nel migliore dei modi e con prodotti sempre più performanti.


Nike Zoom Fly

La novità più dirompente viene quest’anno da Nike. È una scarpa apparentemente normale ma dotata di un raffinato e discreto sistema propulsivo nascosto nell’intersuola: una lamina di nylon  che aumenta l’energia di ritorno al piede dopo la fase di stacco. Le Zoom Fly sono ispirate al modello Vaporfly 4% impiegato durante il Breaking2, il tentativo di correre la maratona in meno di 2 ore che Nike ha organizzato a Monza nel maggio scorso.


ASICS GEL-Hyper Tri 3

Il pensiero che sta alla base delle Hyper Tri (che, come il nome suggerisce, nascono per il triathlon) è molto semplice e coinvolge tre elementi: drop contenuto (6 mm), sostegno essenziale, ammortizzazione dove serve. Sembra banale, dirai, ma non lo è. Perché questi tre elementi sono le chiavi necessarie per fare una scarpa veloce, che assecondi la nostra biomeccanica, che ci permetta di svolgere la corsa come un gesto naturale, che sia reattiva e ci permetta di avere un’ottima sensibilità sull’appoggio. E il prezzo è ancora più interessante: ufficialmente 120 euro ma le trovi anche a 80 euro.


Puma Ignite 3

Le Puma Ignite 3 sono la 3a versione di un modello giovane che si può considerare però già un classico della casa tedesca. Intersuola in Ignite – superpropulsivo e confortevole – e tomaia molto migliorata. Un esempio di un modello già collaudato e molto ben riuscito che aveva ancora margini di miglioramento. E in questa versione li mostra tutti, rendendola la più perfetta della progenie.


361 Meraki

361 è un’azienda cinese molto giovane eppure con un’offerta già poderosa. Se i primi modelli si ispiravano ai classici del running, è sorprendente come nel giro di pochissimo tempo questo brand sia riuscito a smarcarsi con dei modelli che hanno una forte personalità e delle ottime prestazioni. Menzione particolare per la qualità delle finiture. E tieni d’occhio i prezzi perché se da listino sembrano allineati con i concorrenti, spesso la politica commerciale particolarmente aggressiva di 361 ti permette di trovarle con forti sconti.


Under Armour Bandit 3

Le Under Armour Bandit 3 sanno farsi amare molto bene: hanno una delle tomaie più belle e performanti e un comfort invidiabile. E se ti sembrano lente perché “accomodanti” sappi che potresti sbagliarti. Il loro profilo basso e rapido cela infatti un’anima molto corsaiola. Non male anche la discrezione di alcune colorazioni che le rendono delle scarpe adatte alla vita di tutti i giorni (anche per la comodità davvero incredibile).


Garmin Forerunner 935

Lo sportwatch “top di gamma” per il triathlon della casa statunitense come al solito porta l’asticella ancora più su con un dispositivo pressoché perfetto.

E non si tratta solamente di uno strumento di misura ma, grazie a un software sviluppato egregiamente, anche di un mezzo per analizzare gli allenamenti che stiamo facendo, il nostro stato di forma e, molto importante, il nostro training status. Cose impensabili fino a qualche anno fa.


Apple Watch Series 3

L’Apple Watch non è mai cambiato esteticamente da quando fu presentato anni addietro. Potresti pensare che si tratti della pigrizia di Jony Ive ma preferiamo pensare sia dovuto invece al fatto che quando apparve la prima volta era già avanti parecchi anni. E infatti oggi è ancora in grado di confrontarsi senza sfigurare con prodotti analoghi. Perché se non è cambiato esternamente lo è eccome internamente: il suo sistema operativo e il suo hardware si sono molto raffinati e oggi gli permettono di essere uno degli smart/sportwatch più completi sul mercato.


Fitbit Ionic

Fitbit ha sempre pensato che i suoi prodotti non fossero fine a se stessi ma strumenti per migliorare il benessere di chi li indossa. Per questo ha sempre privilegiato un approccio olistico in cui collaborano l’attività fisica, l’alimentazione, la qualità del sonno. E ognuno di questi parametri è controllato e monitorato da Ionic, il primo vero sportwatch di Fitbit: ha un sistema operativo proprietario molto semplice e abbastanza completo, ti assiste in maniera completa ma discreta nei tuoi allenamenti, è impermeabile e ha una batteria che dura molto. Un dettaglio per niente secondario, specie parlando di questi aggeggi, normalmente molto esosi dal punto di vista energetico.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.