I love New York

Entrare per la prima volta nelle avenue, lunghi canyon formati dai grattacieli di Manhattan, è un’esperienza che toglie il fiato. Un pugno allo stomaco a cui nessuno riesce a rimanere impassibile. Un po’ perché noi non siamo abituati ai grattacieli – così alti e così tanti – e perché New York è una città bizzarra che si sviluppa in verticale anziché in orizzontale.

Appena entri in città, ti senti stupito ma anche in un luogo familiare e – allo stesso tempo – protagonista di uno dei mille film che hai visto ambientati lì. New York è, per certi versi, “casa” un po’ per tutti. Storicamente, gli italiani arrivano negli USA a New York. Era così già all’inizio del secolo scorso anche se, per i milioni di migranti italiani, non è stato affatto facile farla diventare “casa” e forse è anche per questo che la Grande Mela è l’icona del “Sogno Americano”, almeno per come lo vediamo dall’Italia.

Credo però che, per noi runner, New York sia un po’ più casa rispetto a tutti gli altri. E, mi riferisco proprio a lei: la Maratona.

È indiscutibilmente la 42K più partecipata al mondo, più di 50.000 runner non sono un numero così facile da eguagliare e nemmeno da immaginare, nonché la più ambita nell’immaginario collettivo. Non a caso a tutti noi è capitato di sentirsi rivolgere la domanda “Ah, fai le maratone… Hai corso a New York?”. Un po’ questo e un po’ la cornice meravigliosa dove si corre hanno trasformato la medaglia da finisher di NY in un elemento indispensabile nell'”appendino” di ogni runner.

Sullo stesso argomento:
Sai la strada per Amburgo, Charlene?

Non a caso la Maratona di New York, con i suoi circa 3.000 italiani iscritti, è una delle 5 maratone più partecipati d’Italia. Anche se si trova negli Stati Uniti.

Lo so, ci sono centinaia, migliaia, di maratone in tutto il mondo e tutte trasmettono un segnale meraviglioso di gioia, passione, fratellanza ma, a New York, tutto è amplificato dal numero straordinario di partecipanti e da un pubblico che ti accompagna per tutti i 42.195 metri del percorso, trasformando l’esperienza in una sorta di orgasmo mentale per chi corre.

Tutto questo per dire una cosa sola a tutti i runner – vestiti con pantaloncini, canotta e manicotti – che domenica prossima saranno nei pressi del Ponte di Verrazzano pronti a partire: GODETEVELA!

Noi saremo a casa, davanti alla tv, a fare il tifo per tutti voi.

 

 

Photo: ben o'bro

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

3 COMMENTI

  1. Gli articoli su NY e la sua maratona sono tra i migliori di Runlovers e certamente tra i più godibili, solo vorrei sottolineare una piccola “mancanza” (se così vogliamo chiamarla), forse voluta o forse no, in ogni caso mi riferisco a quello che è il prezzo da pagare per poter partecipare a questa splendida corsa e per prezzo intendo esattamente il costo economico, fattore non esattamente secondario e, credo, fortemente discriminante, ancor più del tempo che serve per poter andare, correre e tornare, ancor più della difficoltà di ottenere l’ambita iscrizione, cosa tutt’altro che facile come da voi più volte sottolineato.
    Quindi: quanto può costare, indicativamente, correre la maratona di NY? poniamo almeno una settimana di permanenza in città, il viaggio andata/ritorno, albergo, pasti, spostamenti, costo dell’iscrizione (tralasciando le spese personali, gadgets, souvenir, shopping in genere)?
    Dai, fateci un piccolo conticino, tenendo sempre presente che andare laggiù a correre una maratona può benissimo essere abbinato all’idea di una vacanza negli USA, che in ogni caso sarebbe da pagare.
    Buona giornata.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.