Holishkes: Involtini di Verza

Articoli correlati

Centrifugato, mon amour!

Cetriolo, Sedano e lime ma anche Anguria, fragole e pomodoro. Due centrifugati buonissimi!

U pani cunzatu (il pane condito siciliano)

U pani cunzatu, il pane condito della tradizione siciliana incredibilmente buono. Una preparazione povera diventata un'istituzione.

Josh Amberger: il triathlon? Fallo a modo tuo!

Josh Amberger - triatleta vittorioso in 11 Ironman 70.3 - ci racconta la sua esperienza con allenamento, alimentazione e integrazione

Non hai il lievito? Facciamo il pane, dai!

Abbiamo parlato del lievito la scorsa settimana e dell'importanza sociale che ha assunto in questo determinato periodo storico. Oggi prepariamo insieme del pane ma...
Iaia Guardohttp://www.maghetta.it
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

Tempo di lettura: 2 minutiHolishkes, holipches, huluptzes, geluptzes, prakkes, yaprak e chissà quanti altri nomi per questi scrigni che rappresentano l’abbondanza. Si preparano tutto l’anno ma in particolare per Sukot-Sukkot-Succot, Festa delle Capanne e Festa dei Tabernacoli. Una delle feste ebraiche più importanti. Ci sono diverse varianti ma la base è sempre la stessa: foglia di cavolo che avvolge carne macinata (molto spesso di agnello) per poi essere cotta nella salsa di pomodoro. Alcuni, come nel caso di questi che ho preparato io, contengono anche il riso. Le spezie variano a seconda della comunità. Gli ebrei ungheresi usano la maggiorana, i siriani aggiungono la cannella, i persiani aggiungono l’aneto e mia nonna (sì, perché li fa anche mia nonna) calabrese e siciliana di adozione mischia diversi tipi di carne e spezie. C’è chi è pronto a giurare di non aver mai mangiato niente di più buono degli involtini di mia nonna Angela Argelia. Ma quella ricetta è segreta e quindi non posso trascriverla.

Mangia la verza che ti fa bene

Delle foglie verdi -di come prevengano le fratture da stress e siano fondamentali per il nostro organismo- ho parlato così tante volte qui su Runlovers che di sicuro non mi sopporterai più (in generale proprio, lo so, ma resisti!). La verza è ricca di vitamina B (tutto il parco di vitamina B possibile e immaginabile), ha un altissimo contenuto di betacarotene e antiossidanti. Rafforza il sistema immunitario e viene definita un cibo antitumorale per eccellenza.

Per 8 persone circa:

700 grammi di carne tritata, 200 grammi di riso meglio se a chicco lungo, 2 cipolle tritate finemente, 2 verze belle grandi, sale e pepe, olio extra vergine di oliva, brodo o acqua, 2-3 limoni, 100 grammi di zucchero di canna (la ricetta originale ne prevedeva 150).

Stacca le foglie della verza, lavale e poi falle cuocere per 2-3 minuti in acqua bollente salata. In una padella con un filo d’olio lascia cuocere carne e riso insieme bagnando con brodo (o acqua), sale e pepe. Quando il tuo ripieno è pronto stendi la foglia sul piano, mettici in mezzo un cucchiaio di carne e riso e richiudi per bene le estremità come fosse un pacchettino. Sistema (come vedi in foto) tutti gli involtini di verza e lascia cuocere aggiungendo brodo (o acqua) a fuoco bassissimo. Meglio se con un coperchio (la ricetta originale prevede almeno 3 ore ma sinceramente io ho lasciato andare solo per un’ora). Mescola il succo di limone con lo zucchero di canna e versa sopra gli involtini (confesso di non aver fatto questo passaggio). Più cuociono e più sono buoni.

Sono ancora più buoni e meno asciutti (perché mi è stato detto che sono asciutti. Due persone su cinque direi che è una buona media) se fatti cuocere con la salsa e tante spezie. Questa versione con la salsa è piaciuta a cinque persone su cinque.

Altri articoli

1 COMMENT

  1. ……adoro la verza, bevo anche l’acqua quando le cuocio al vapore…..la si usa come impacco per le infiammazioni……ne attendo l’utilizzo nell’abbigliamento!
    Santa Iaia….Santa Verza!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Nike Alphafly NEXT%: le scarpe dell’uomo più veloce del mondo sono in vendita

Dai piedi dell'uomo più veloce del mondo alla strada: le Nike Alphafly Next% del record di velocità sono in vendita

I vostri fuori soglia

Nella precedente puntata ti avevamo chiesto di raccontarci i tuoi fuorisoglia, quando cioè ti sei trovato in territorio sconosciuto, in tutti i sensi. Ecco sei dei vostri racconti.

Centrifugato, mon amour!

Cetriolo, Sedano e lime ma anche Anguria, fragole e pomodoro. Due centrifugati buonissimi!

Economia di corsa: l’importanza del gesto e della tecnica

È il modo migliore per andare più veloce e con meno fatica e si riassume in un solo concetto: migliorare l'economia di corsa.

Quando sei andato fuorisoglia?

Andare fuorisoglia significa uscire dalla tua zona comfort. In questa puntata raccontiamo quando ci è capitato e ti chiediamo di raccontarci quando è successo a te

La corsa fa male alle ginocchia?

Hai male alle ginocchia? Colpa tua che corri! E invece no: non è detto e la corsa potrebbe essere l'ultimo problema

Il nuovo spot Nike per dirci che ci rialzeremo

Nike ha fatto un nuovo spot in cui non parla dei suoi prodotti ma della sua visione del mondo. E dice che i campioni sono quelli che non smettono mai di sperarci. E tu sei così?

Scelti dalla redazione

Le app per allenarsi bene

App ce ne sono moltissime ma quali scegliere per rendere il nostro allenamento più facile ed efficace? Ecco la selezione delle nostre preferite.

Come scegliere il portacellulare per correre

Il cellulare è ormai un accessorio indispensabile per i runner: da chi lo utilizza per monitorare i propri progressi a chi non rinuncerebbe mai...

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.