E se fa freddo? Si corre lo stesso!

Se fa freddo si corre lo stesso, non ci sono scuse. Basta seguire qualche consiglio ;)

CONDIVIDI

Quando leggi che fuori ci sono 2°C è giunto il momento di dare il benvenuto al generale Inverno. E di adeguare il tuo abbigliamento! Non ti farai mica intimidire da qualche tempesta glaciale o dal familiare panorama che fa da cornice alle tue corse che improvvisamente è diventaro bianco e ghiacciato, no?
Basta vestirsi un po’ di più – un po’ tanto di più – e andare. Anche la mamma è d’accordo, perché basta coprirsi un po’ di più e la mamma è sempre felice. Allora ascoltiamola, ancora una volta.

La regola base

L’unica cosa da considerare prima di uscire è la Regola dei 10°C: la temperatura percepita quando corri è circa 10°C più alta di quella reale. Se fuori ci sono 0°C comunque ne percepirai 10 in più dopo un po’ che corri. Non impaurirti se appena uscito batterai i denti perché andrà sempre meglio. Basta che ti metti addosso tutti gli strati che servono per arrivare a una temperatura di esercizio confortevole (che è sempre 10°C in più di quella esterna, ok?).

Copri ogni cm

Più il tempo è inclemente, meglio devi coprirti. Sì, lo so che sembro la mamma, però è così: non lasciare scoperte parti sensibili del corpo come il collo. Ma partiamo con il rito della vestizione:

Gambe: pants lunghi, ovviamente. Puoi sceglierne di più o meno termici, quasi ogni brand ne offre di diversi a seconda delle temperature esterne. Adattali alla tua resistenza al gelo e non pensarci più.

Busto: primo strato traspirante (usando una maglia a manica lunga invece di quella corta), secondo strato termico e un terzo strato antivento o impermeabile, anche tutti e due assieme. Puoi anche usare solo una maglia lunga come primo strato perché è sufficiente avere gli avambracci al caldo per stare bene. Infine: infila la maglia nei pants per evitare di scoprire la schiena mentre ti muovi, perché poi potresti avere più dolori di un 135enne.

Testa: berretto tecnico di tessuto traspirante che ti tenga caldo ma che permetta anche al sudore di evaporare in modo da non raffreddarsi. Se ci sudi dentro non toglierlo finché non hai finito perché rischi di abbassare troppo la temperatura della testa. No, non ti si congela il cervello ma bene non fa.

Occhi: se corri con il sole non trascurare di usare degli occhiali da sole. Il sole in inverno è molto più basso all’orizzonte e quindi la sua luce, quando la giornata è soleggiata, ti arriva più direttamente negli occhi.

Naso/bocca/collo: scaldacollo o tubolare: protegge il collo e se l’aria è molto fredda puoi alzarlo fino a coprirti bocca e naso. Non trascurare infatti di coprire  le vie respiratorie: non solo la gola ma anche la bocca e il naso perché l’aria fredda inspirata con forza durante la corsa può metterle a dura prova.

Piedi: calzini lunghi o corti, poco importa, tanto i pants coprono le caviglie

Mani: guanti, tecnici o anche normali guanti, tanto sulle mani non sudi e quindi l’importante è tenerle al caldo se non altro per non pensare in continuazione a quanto hai freddo alle mani, evitando di distrarti per una cosa facilmente evitabile.

Piedi: ah già, ci sono anche quelli. Puoi usare le scarpe che usi di solito, meglio ancora se hanno un mesh meno traspirante di quelle che usi d’estate in modo da non fare entrare troppa aria gelida dentro.

Pronti? Via!

Ma non dimenticare prima di fare un po’ di riscaldamento che dica al tuo corpo che stai per muoverti. Ricorda che, specie quando c’è molto freddo, i muscoli non caldi possono soffrire ancora di più di un uso troppo repentino e non preparato.

Senti quest’aria gelida? Senti la natura che ti sfida? Se le dimostrerai il tuo coraggio saprà ricompensarti con un’adeguata dose di endorfine, fidati ;)

(Photo credits Joshua Earle)

CONDIVIDI

Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L’importante è che siano barefoot.
Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l’accortezza di annunciarlo su twitter.
Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l’altra faccia della stessa medaglia.

4 COMMENTI

  1. è il mio primo inverno da runner e sono a caccia di tutti i consigli utili per resistere alla stagione. Io aggiungerei uno stick solare da usare – all’occorrenza – quando si corre nelle giornate soleggiate, per proteggere soprattutto labbra, naso e guance.

    • Ciao Elisabetta, spero che tu ne abbia trovati abbastanza. In caso contrario non esitare a chiedere. Ottimo anche il tuo consiglio: verissimo e valido anche per proteggere le labbra e la pelle dal vento e dal gelo. Grazie e buone corse!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here