Correre in Portogallo

Una corsa lungo il porto di Lisbona e poi verso l'Atlantico. Perché c'è il mare e poi c'è l'Oceano.

Articoli correlati

Correre a Miami

Non c'è posto dove Cristina non sia stata. Questa volta la troviamo a Miami. Che scriva guide di viaggio per lavoro?

Correre sul Monte Fuji

Dopo le prime due tappe a Kyoto e Tokyo, Cristina è arrivata sul Monte Fuji. Per correrlo, ovviamente!

Correre a Tokyo

Secondo episodio della trasferta di Cristina in Giappone: e questa volta siamo a Tokyo

Correre a Kyoto

Correre fra vecchie case di legno fino al palazzo dell'imperatore. Non è una favola: questo succede quando corri a Kyoto
RunLovers
Ognuno corre come vuole, semplicemente, naturalmente. Semplicemente, naturalmente, Runlovers parla di cosa si parla quando si parla di corsa.

Tempo di lettura: 3 minuti

Lisbona, 7.30

Sono in vacanza, non c’è motivo di alzarsi troppo presto. Bevo un po’ d’acqua, indosso i vestiti da corsa, allaccio le scarpe e scendo a rotta di collo le ripidissime scale di casa (qualsiasi movimento vale come stretching!), Percorro mentalmente il tracciato di Google Maps e punto verso il lungofiume. Sono indecisa se andare a destra verso il centro cittadino o a sinistra verso il porto. Nessun runner da entrambe le parti ad aiutarmi nella scelta. A caso punto verso destra e inizio a correre sul ciotolato del lungofiume. L’aria é frizzante e il cielo è di un bel blu terso appena velato da alcune nuvole.

Il fiume Tejo è talmente largo alla foce che sembra di correre su un lungomare. Le colline al di là del fiume e il ponte 25 de Abril sullo sfondo mi ricordano che ciò che scorre accanto non è mare aperto, ma un gran bel fiume che dona a Lisbona un tocco di libertà e ampie vedute. Verso il centro cittadino il lungofiume si popola un po’ di più: passo in mezzo alla folla di pendolari che usano il traghetto per raggiungere Lisbona ogni giorno, supero la Praça do Comercio stranamente immobile e calma in questa luce mattutina pre-brulichio di turisti, e proseguo verso il vecchio porto. Davanti a me scorgo un’altra runner e la seguo a distanza mentre attraversiamo insieme i docks semi deserti e corriamo tra magazzini con saracinesche semichiuse, tavolini e sedie di dehors coperti da goccioline di rugiada e un locale che lotta contro la luce di un nuovo giorno sparando musica house a tutto volume. Il ponte 25 de Abril non sembra poi tanto lontano: non dev’essere male attraversarlo di corsa e osservare da lontano Lisbona durante l’amanhecer, ma lo lascio alla prossima volta. Punto dritta a un grande ormeggio di barche un po’ più avanti, faccio dietrofront e rientro verso casa assaporando la calma e vivace atmosfera di questa città al risveglio.

Costa atlantica, 8.00

Scoraggiata dal tempo, dopo una colazione a base di caffè, mandorle e uova, sono tornata a letto. Il vento ulula al di là delle persiane di legno azzurro di questa graziosa pensione di un paesino di 300 anime sulla costa atlantica e rovina i miei piani per il trail running di questa mattina. Sbuffo, indecisa sul da farsi. Guardo le previsioni meteo sperando di trovare un’ora della giornata senza vento, ma nulla: il vento continuerà a soffiare a 20 km/h per tutto il giorno… indi per cui uscire ora o dopo non fa alcuna differenza! E sia! Mi preparo, esco, prendo la strada sterrata a sinistra della pensione e mi inerpico su per le collinette lungo la costa. Folate di sabbia e terra picchiano contro le gambe: noncurante, continuo a macinare km su e giù tra le rocce di questa strada polverosa. Il paesaggio è spettacolare, la giusta ricompensa per aver deciso di uscire nonostante il vento. La terra giallo chiaro su cui corro lascia posto ai lati a sassi grigio-bianchi tra cui spuntano arbusti colorati di foglie e bacche. Qua e là qualche cespuglio più verde ospita secchi fiori gialli che risaltano sulle striature rosse delle rocce. E sullo sfondo, a pochi passi, magnifico, l’oceano blu con le sue onde tumultuose che si infrangono bianche sui faraglioni e le rocce a picco. Due lacrime sugli zigomi mi suggeriscono di offrire al vento meno attrito possibile: tengo la testa un po’ bassa e guardo le punte delle scarpe spingere sulla strada in salita e sollevare polvere ad ogni passo. Chissà quanto tempo ci è voluto ai pescatori portoghesi per tracciare queste stradine lungo la costa atlantica che oggi sono conosciute come Rota vicentina e sono battute da hikers da tutto il mondo. Difficile che avessero previsto il trail running tra i possibili usi di questi percorsi, ma come resistere quando è così facile? Bastano un paio di scarpe e un po’ di forza di volontà per soddisfare la passione per la corsa ovunque si vada, con o senza vento!
Cristina Lussiana


Gli altri viaggi di Cristina:

AFRICA
– Angola
– Benin
– Città del Capo
– Congo
– Lesotho
– Mali
– Madagascar
– Mozambico
– Nairobi
– Rwanda
– Senegal
– Sudafrica

AMERICA
– Guatemala
– Hawaii
– New Orleans
– Washington

ASIA
– Bangkok
– Cambogia
– Kathmandu
– Kyoto
– Myanmar
– Tokyo

EUROPA
– Amsterdam
– Cambridge
– Ginevra
– Oslo


Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Corri con un pacer virtuale

Ghost Pacer è un prodotto che sfrutta degli occhiali a realtà aumentata per farti correre con un pacer virtuale

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Attenzione: questo articolo vuole solamente fornirti delle indicazioni generali per introdurre un argomento su cui riceviamo molte domande. Poiché siamo tutte diverse, il consiglio...