Che verdure comprare? E come berle? Sì, berle.

CONDIVIDI

Abbiamo parlato delle incredibili proprietà degli asparagi, dei carciofi e delle fave non a caso perché con l’arrivo della primavera si risveglia anche la natura, dopo un dovuto riposo, portando in tavola meraviglie dell’orto. Asparagi, bietole, carciofi, cavoli, piselli, spinaci, sedano e tantissimo altro. Ma cosa hanno in comune quelle che ho elencato? Sono verdi. Verdi come le foglie verdi, che aiutano noi runner a prevenire le fratture da stress e a rendere la nostra macchina -che ci permette di vivere, divertirci e correre- in grado di dare il massimo. Come espressione di salute -la cosa più importante tra tutte- e nelle prestazioni.

Il colore verde non è affatto un caso, lo sapevi?

Rinforzano le ossa, prevengono i tumori e le malattie, aiutano il sistema immunitario rinforzandolo e sono una mano santa per il sistema cardiocircolatorio. Sì, le foglie verdi. Consumate crude -per non disperdere nessun potere nutritivo- e ogni giorno aiutano non solo la tua pelle a invecchiare lentamente (in soldoni a renderti senza rughe, luminoso e in salute ;-) ) ma a garantirti la salute futura. L’alimentazione non si cambia soltanto quando c’è un problema. Mi spiego meglio, o perlomeno ci provo. Conosco tantissime persone che ha radicalmente cambiato alimentazione inserendo le foglie verdi, diminuendo la carne e così via a fronte di un problema di salute anche molto grave. Purtroppo non è così che dovrebbe essere.

Prevenire è meglio che curare.

Mai sintesi fu così esplicativa e vera. L’alimentazione è una prevenzione per la tua salute e il tuo futuro. Cambiare alimentazione non è una moda come non lo è interessarsene. L’attenzione quasi maniacale che ne è derivata nell’ultimo decennio è anche questo sì, moda. Ma non solo. Si è presa coscienza, finalmente, che davvero incide in modo incontestabile sulla nostra salute e di conseguenza sul nostro percorso di vita attuale e futura. E ahimé passata.

Foglie verdi. Comincia con le foglie verdi.

Comincia adesso che è Primavera. Davvero: è il momento giusto. Puoi sbizzarrirti con quello che ti offre questa meravigliosa stagione. Fai incetta di cavoli, broccoli, rucola, spinaci, fave, asparagi e carciofi. Depurati per una settimana prendendo almeno tre porzioni al giorno di ortaggi verdi e foglie verdi. Regalati una remise en forme che non c’entra nulla con la prova costume. Fesserie! Non ci sono solo bibitoni, finti intrugli miracolosi che ti spacciano come naturali e tè miracolosi. Sii furbo e non lasciarti abbindolare dal packaging, dalle modelle-instagrammer-star-youtuber-varie ed eventuali che ti propongono prodotti mirati a detossinarti, disintossicarti, rimetterti in forma e un imbarazzante etcetera.

Per fare questo basta affidarsi a quello che la natura ci offre.

Nel cavolo trovi la vitamina K e la C e ha potenti proprietà antinfiammatorie, come ribadito più volte. Il succo di cavolo (il centrifugato e l’estratto in particolar modo) aiuta il tuo stomaco, il fegato e il pancreas. Aiuta a depurarti, davvero. Nei broccoli puoi trovare vitamine necessarie per il tuo corpo e fibre che aiutano il transito intestinale. Il peperone verde oltre a essere una fonte di potassio contribuisce al tuo equilibrio minerale ed idrico e regola la pressione. Il sedano, altro verde indispensabile come il prezzemolo e il basilico, ti aiuta a riattivare il metabolismo e a rendere la tua pelle sana e giovane.

Non ci sono tanti segreti per stare bene e in forma. Per avere una bella pelle e un corpo in armonia con la mente. Ce ne è solo uno di segreto:

il cibo.

Sei quello che mangi. Basta solo non dimenticarlo mai.

Non hai tempo per cuocerle? Centrifugale! Estraile!

Non hai tempo per centrifugare, estrarre o fare succhi? Beh. Allora c’è qualcosa che non va. Non sono wonder woman e non sono una mamma e so che sono due categorie sacre e intoccabili ma nel mio piccolo sono proprietaria di un’azienda e ho una passione per il disegno e il food in genere. Lavoro diciotto ore al giorno ininterrotte (a volte di più. Sono seria. Anche di più) e pur essendo anche molto aiutata mi impongo -letteralmente impongo- di centrifugare, estrarre e prendermi cura di quel corpo che per troppo tempo ho abbandonato. La volontà unita alla passione fa magie.

Vuoi dinsintossicarti?

  • Centrifuga la rucola, allunga con un po’ di acqua di cocco e zucchera con una mela se vuoi.
  • Centrifuga del cavolo e aggiungi del limone.
  • Centrifuga del cavolo e metti della radice di zenzero grattugiata e limone.
  • Centrifuga sedano, cavolo e spinaci. Metti del succo di limone (e anche un cetriolo ;-) ).
  • Centrifuga peperone verde, rucola, cavolo e zucchera con mezza mela.
  • Centrifuga tante foglie di spinaci senza paura e mettici dentro pure un po’ di sedano e peperone verde. Succo di limone e sale.
  • Sono infinite le combinazioni e presto ti svelerò dei combinati che ti lasceranno a bocca aperta. Ti sgonfierai e avrai la pelle meravigliosa.

L’unico elisir di lunga di vita? Dicevamo?

Fare la scelta giusta. Scegliere il cibo giusto. Avere volontà e passione.

 

 

CONDIVIDI

Si dice che, all’inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell’ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell’Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un’ora, poteva essere altrimenti?
Ha pubblicato per Mondadori “Le ricette di Maghetta Streghetta”, best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo – seriamente: è in cima alla classifica “cucina per le feste” – e di leggerla; il ricavato andrà all’AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

5 COMMENTI

  1. …….. “Avere volontà e passione.”
    …..dimenticatevi di Jeremy Clarkson perché avete una santa in casa…..Santa Iaia!
    Baci.
    Matteo

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here