Barrette energetiche senza zucchero al cacao buonissime? Eccole! (Raw e Vegan)

Articoli correlati

Cosa c’è per cena? Il banana bread

Inizia una nuova rubrica che parla di cibo non solamente dal punto di vista nutritivo ma anche come appagamento dopo un allenamento, e risponde alla domanda "cosa c'è per cena?"

L’insalata di ananas e tacchino

Un'insalata con tacchino, ananas e tante delizie servite in modo semplice ma sorprendente.

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione
Iaia Guardohttp://www.maghetta.it
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla ad Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? È figlia di un grande maratoneta. Ha pubblicato per Mondadori scalando le classifiche e donando alla Ricerca per il Cancro il suo ricavato. Continua a scrivere, disegnare, cucinare, fotografare inarrestabilmente.

Tempo di lettura: 3 minutiBarrette ne abbiamo fatte tantissime –anche con i pop corn, sì– insieme e il bello sai qual è? Che siamo solo all’inizio! Se non hai provato queste delizie all’avena ti prego corri ai ripari e non dimenticare che qui ne trovi ben quattro in un’unica soluzione (una più buona dell’altra). Sei pigro? Solo due ingredienti! Non ti vanno le barrette croccanti e hai voglia di morbido? Beh pure i blondies, sì.

Queste che ti propongo oggi non richiedono cottura, si preparano velocissimamente e sono anche totalmente vegan perché se guardi bene gli ingredienti vedrai che molto spesso se ne trovano dentro anche altri di origine animale che in questo contesto francamente non hanno ragione di esistere ;-) Poi pucciale pure nel latte o nello yogurt, ci mancherebbe, ma sono barrette energetiche e quindi come ingrediente cosa mettiamo? Energia pura! Lo zucchero? Perché mai? Abbiamo i datteri che ci aiutano e anche altre delizie. L’olio di cocco non deve spaventarti (scegline uno di ottima qualità) perché sono 60 ml ma ricordati pure che sono 16-18 barrette. Devi tenere sempre conto di questo. Molte volte leggo: “umamma ma 60 ml di olio di cocco sono tantissimi!”. Beh certo. Se mangi 60 ml di olio di cocco in un’unica soluzione ti scoppia l’aorta ma non è questo il caso.

Se sei un vero Runlovers devi nutrirti di zucchero buono e non nocivo. Ne abbiamo già parlato diverse volte ma in soldoni preferisci sempre i glucidi complessi ovvero la frutta, verdura, latticini e cereali integrali. Si assimilano lentamente e vengono trasformati in energia. Diventano carburante per le funzioni dell’organismo e per la nostra attività fisica preferita, la corsa.

Lo zucchero nocivo presente negli alimenti raffinati come la pasta e il pane bianco viene assimilato velocemente e non ha NESSUN VALORE NUTRIZIONALE. Che poi si ripercuota su ipertensione, cardiopatie, stimoli la fame e molto altro neanche ne parliamo perché ribadisco l’argomento è stato già abbondantemente discusso su RunLovers da persone ben più competenti di me.

Il dattero è un ingrediente importante che dovrebbe far parte della nostra dieta ed è un ottimo sostituto dello zucchero. Io adopero anche lo sciroppo di dattero che trovi facilmente nei biologici e che puoi sostituire nelle preparazioni di ogni dolcetto che riesci a immaginare. Il dattero inoltre è ricco di ferro, vitamine e sali minerali. Abbassa i valori del colesterolo e riesce a donarti un’energia immediata che puoi sfruttare.

La Ricetta

Per 18 barrette circa

  • 400 gr datteri freschi senza nocciolo
  • 2 cucchiaini belli pieni di estratto di vaniglia
  • 60 ml di olio di cocco
  • 45 grammi di cacao amaro in polvere
  • 130 grammi di mandorle in polvere (frullate)
  • 1 cucchiaio di semi di lino
  • 40 grammi di pistacchi tritati (o frutta secca che preferisci)
  • 40 grammi di noci
  • 50 grammi di frutta essiccata (mirtilli rossi, uva passa o quello che preferisci)
  • 50 grammi di semi di girasole (semi di chia in alternativa o quelli che preferisci perché anche i semi di zucca starebbero benissimo)
  • un pizzico di sale (che serve sempre)
  • 1 cucchiaio abbondante di cocco disidratato per chiudere la barretta (ma se vuoi un pochino lo potresti mettere anche dentro l’impasto)

Cosa fare? Semplice. Tutto nel frullatore, tranne il cocco che spargerai in superficie, in modo da ottenere un impasto molto compatto. Versa in una teglia e con il dorso di un cucchiaio livella. Taglia e in frigo per 2 ore.

Pronte!

Sono deliziose. Se le provi mi raccomando faccelo sapere perché siamo sempre felici di vedere le foto e ricorda l’hashtag #runloversfood!

- Advertisement -
- Advertisement -

Altri articoli

7 COMMENTS

  1. Sarà un refuso, Adalberto…un dattero pesa 15/20 grammi. sarebbero 6/8 kg di datteri.
    Più che altro..come sostituire l’estratto di vaniglia? a me proprio non piace…

    • Buonasera Eug,
      grazie per aver aiutato Adalberto. Te ne sono grata.
      La vaniglia puoi sostituirla con la cannella o con qualsiasi spezia preferisci. Potresti anche mettere la scorza di arancia ad esempio o essenza di mandorla. Dà molto sapore.
      Grazie e buone corse!
      Spero tanto che ti piacciano.

  2. Appena preparate! purtroppo i datteri grazie agli assaggi dei miei figli sono diventati 300 gr. Ho lasciato inalterate le altre dosi, ho sostituito la vaniglia con la cannella perché la prima non l’avevo (adoro entrambe!!!) e inserito nell’impasto un po’ di farina di cocco. Domani le userò per il reintegro dopo un lungo, sono sicura che saranno una bomba di energia buonissima! Grazie Iaia, sei adorabile, ti abbraccio forte forte

    • Ciao Chiara,
      bisogna conservarle in frigo queste, sì.
      A differenza delle altre che vanno in forno o sono più secche è meglio riporle in frigo o in un luogo molto fresco.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Iniziare a correre da zero

Iniziamo un progetto in 6 "puntate" che ci accompagnerà alla My Deejay Ten di ottobre. E iniziamo dall'inizio: come iniziare a correre. Iniziamo? ;)

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

I test per misurare le prestazioni

In questa puntata di Fuorisoglia parliamo di quali test fare per capire le tue prestazioni nella corsa. Come sta il tuoi fisico? Come puoi migliorarti? Dal più semplice al più complesso, saprai tutto!

I test per conoscere meglio il tuo corpo

Una serie di test per conoscere meglio la tua condizione fisica

La prova dei 10 chilometri “tranquilli”

Un test molto interessante da svolgere su 10 Km - distanza che unisce velocità e resistenza - per misurare il risultato dei tuoi allenamenti senza caricare troppo.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.