6 prodotti per la tua colazione

CONDIVIDI

 

In questo periodo storico sul web è importante prima di cominciare sottolineare la totale estraneità di RunLovers a product placement, collaborazioni ed eventuali. Runlovers e la sottoscritta, giusto per mettere le cose in chiaro sempre. Non sono mai stata legata a nessun marchio e ci tengo a ribadirlo perché è fondamentale che il lettore sappia. Non ho mai accettato alcun tipo di legame con le aziende che si occupano di food proprio per apparire il più trasparente possibile. Infine: questa è e rimane la mia (inutile) opinione riguardo prodotti che ho personalmente acquistato e che sono entrati a far parte della mia dieta (e di quella dei grandi capi di RunLovers). “Policy e privacy” che varranno per tutti gli articoli a seguire simili a questo.

La spesa seppur virtualmente l’abbiamo fatta un paio di volte insieme e di seguito ti lascio dei link che potrebbero interessarti (Cinque cose da non infilare nel carrello, La lista della spesa perfetta per i runner, Vieni a fare la spesa con noi). Quello che non abbiamo fatto è andare nello specifico e fare degli esempi concreti. Parlando di colazione mi permetto di farti conoscere, qualora non dovessero far parte del tuo carrello, dei prodotti “alternativi” ma neanche troppo a quello che generalmente trova spazio nelle nostre dispense. Mi sono voluta focalizzare più su prodotti “golosi” che possano sostituire in qualche modo creme e cremine ben più famose ma che troppo spesso contengono più grasso/zucchero/alimenti raffinati/varie ed eventuali che golosità. Non che queste non siano “ad alto rischio grasso/glicemia a go go“, ma contengono perlomeno ingredienti controllati e di ottima qualità. Sta poi a noi saperli inserire correttamente e mangiarli con parsimonia. Anche se io in questo momento vorrei poter stare stravaccata sul divano con un mega cucchiaione a far fuori la crema di Nocciole che mi ha rubato il cuore. Vediamo un po’ da vicino questi prodotti e impariamo a leggere, come sempre, anche le etichette e il contenuto.

(Sarò la solita antipatica ma comunque rimango ferma sostenitrice del: Se lo fai in casa è meglio. Ecco l’ho detto. Insultami)

Malto di Nocciola

Malto di mais (mais, orzo, acqua) 65%, crema di nocciole 35%.

Perfetto per preparare dolci e creme ma anche da spalmare, è un sostituto dello zucchero a tutti gli effetti. Del malto come sostituto dello zucchero vorrei parlarne in separata sede ma cominciare ad avere a che fare con il malto è un’ottima idea.

Crema di Nocciole

Zucchero di canna, nocciole 30%, olio di semi di girasole, semi di cacao.

Il fatto che lo zucchero di canna sia messo al primo posto non è un buon segno. Non lo è perché è uno zucchero e poco importa se è di canna, alla fine. Non c’è scritta la percentuale perché ci potrebbe fare spaventare e se le nocciole stanno al trenta per cento è chiaro che lo zucchero sia superiore a questa percentuale. L’azienda ha il dovere chiaramente di specificare tutti gli ingredienti, ma non la percentuale. Per questo motivo il consumatore distratto leggendo semplicemente zucchero di canna e trenta per cento di nocciole viene chiaramente più invogliato all’acquisto. Bada bene, questa crema è talmente buona che dopo averla assaggiata io per prima avrei potuto sapere che lo zucchero era 65% e l’avrei ricomprata ugualmente, ma leggere l’ordine degli ingredienti è cosa buona, giusta e soprattutto doverosa. Non sarà zucchero semolato d’accordo, ma “zucchero di canna” in soldoni non significa chissà quale buona notizia se si trova comunque al primo posto.

Detto questo, ribadisco che tra i prodotti è quello che reputo in assoluto il più buono e che appaga la voglia di dolce al mattino battendo qualsiasi altra voglia di crema di nocciole in generale. Si può fare anche in casa, mettiamola così. Con una dose di zucchero inferiore magari e perché no con il malto. ;-)

Nocciolata Rigoni

Zucchero di canna, pasta di nocciole 18%, olio di girasole, cacao 11%, burro di cacao, emulsionante: lecitina di girasole, estratto di vaniglia.

Buonissima e completamente vegana, quindi perfetta per chi non si nutre di derivati animali e chi ha intolleranza ai latticini, non fa rimpiangere assolutamente la crema più famosa che comunque rimane sempre nei nostri cuori. Anche qui però al primo posto troviamo lo zucchero di canna senza avere alcun tipo di specifica riguardo la percentuale. Campeggia “no olio di palma” ma francamente non sarebbe neanche quello il vero e unico problema. Rimane comunque un prodotto un po’ più conosciuto (sottotitolo: grazie al cielo) che in quantità limitata appaga la voglia di crema (io ti consiglio anche il Gianduioso della Pastiglie Leone ma di quello parliamo la prossima volta, che ne dici?).

Crema di Mandorla

Miele 55%, mandorle 45%.

Come ingredienti questa crema batte tutti. Non c’è zucchero ma miele -anche se in grande quantità- e poi farina di mandorle. Facilmente riproducibile in casa (come le precedenti del resto) è ottima per i Runner e per il reintegro. Da spalmare sulle fette biscottate o sul pane tostato al mattino. Energia allo stato puro.

Sciroppo d’acero

Non tutti sanno che lo sciroppo d’acero non è quel liquido marroncino che viene dal Canada e che si mette sui pancake. Possiede un’infinità di antiossidanti ed è stato identificato come un ingrediente antitumorale d’eccellenza. Può essere utilizzato come sostituto dello zucchero. Lo hai mai provato nel latte? Nello yogurt greco zero grassi bianco? Una bontà! Io lo preferisco all’agave ma è davvero questione di gusti. Se non ti piace il miele o semplicemente vuoi provare a zuccherare la tua vita di sano e buono puoi cominciare proprio dallo sciroppo d’acero. Anche fare i biscotti, i brownies e i muffin con lo sciroppo d’acero è un bel modo per apprezzare questo prodotto.

Farina di Carruba

Amo la farina di carruba perché è un ottimo sostituto del cacao. Per carità il cacao resta cacao e nessuno lo vuole vietare, anzi. Fa anche benissimo il cacao e il cioccolato ma. L’alternativa se vuoi esiste ed è buonissima. Inoltre fa anche bene alla salute. Perché non approfittarne?

Può essere usata anche come sostituto dello zucchero in virtù del suo sapore, ricca di antiossidanti, combatte il colesterolo cattivo (tra l’altro la farina di carruba è esente da grassi), ricca di ferro, magnesio, potassio e calcio può essere una valida alternativa al caffè qualora tu non potessi berlo. Puoi farci bevande deliziose, condirci porridge o farci dolcetti. Versatile e ricchissima di benefici, la farina di carruba non dovrebbe mai mancare nella tua dispensa.

CONDIVIDI

Si dice che, all’inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell’ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell’Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un’ora, poteva essere altrimenti?
Ha pubblicato per Mondadori “Le ricette di Maghetta Streghetta”, best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo – seriamente: è in cima alla classifica “cucina per le feste” – e di leggerla; il ricavato andrà all’AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

4 COMMENTI

    • Ciao Antonella,
      mi piace molto quello della Probios ma sono davvero tutti eccezionali. Anche quello della fior di loto che è un marchio eccezionale.
      Provalo perché è davvero eccezionale anche per la preparazione dei dolci. Magari ne faccio presto qualcuno anche qui.
      Un bacio e grazie a te.

  1. “Se lo fai in casa è meglio” è una delle frasi preferite di mia mamma…e per fortuna!!! Come sempre articolo molto interessante, grazie

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here