10 Motivi per mangiare il Carciofo

CONDIVIDI

Cacocciuli. In siciliano si chiamano cacocciuli. Sono molto affezionata a questa parola oltre che a praticamente tutte le ricette: cacocciuli ca muddica (a Catania si usa arrostirli nel barbecue con dentro un trito di mollica e prezzemolo), crudi in insalata, bolliti con tantissimo sale, con la pasta e anche fatti “a caponata”. Oltre che buonissimi nei più svariati modi, i carciofi però sono perfetti per la dieta (di chiunque) di ogni Runlovers che si rispetti. Il periodo è quello giusto. Perché non approfittarne? Ecco dieci motivi per mangiare i carciofi, anche se ce ne sarebbero almeno un centinaio in più.

  1. Il carciofo depura il fegato, proprio come il cavolo di cui abbiamo parlato tante volte.
  2. Aiuta la diuresi e quindi l’eliminazione delle tossine.
  3. Il carciofo ha un effetto positivo sul sistema cardiocircolatorio.
  4. Il carciofo contiene tantissime vitamine (A,B, B1, B3, B5, B6, B12, C, E).
  5. Ha proprietà antiossidanti.
  6. Abbassa il colesterolo.
  7. Potassio, fosforo, magnesio e zinco sono solo alcuni dei minerali contenuti.
  8. Inserito nella dieta apporta tantissimi benefici alla pelle.
  9. Regola la pressione sanguigna.
  10. Fortifica il cuore.

Ogni punto di questo elenco andrebbe approfondito ma è ben più importante segnarsi il necessario in mente e correre a comprare carciofi. Gustoso a dir poco nei risotti, incredibile se crudo e servito semplicemente con olio extra vergine di oliva, limone (un pizzico) e dell’ottimo aceto balsamico. La frittata di carciofi o le lasagne con i carciofi (fai i cuori bolliti e frulli. Il gioco è fatto pure facendo un pesto), polpette di carciofo e tantissimo altro. Buonissimo anche con il porridge salato. Ecco l’ho detto. ;-)

Mangiare qualche carciofo crudo prima di pranzare aiuta tantissimo la digestione e i processi metabolici. Io li metto spesso -i cuori tagliati piccoli- in insalata e li trovo gustosissimi.

I carciofi sono tutta salute e Runlovers ci tiene più di qualunque cosa. Altrimenti come fai a fare il tuo personal best?

CONDIVIDI

Si dice che, all’inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell’ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell’Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un’ora, poteva essere altrimenti?
Ha pubblicato per Mondadori “Le ricette di Maghetta Streghetta”, best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo – seriamente: è in cima alla classifica “cucina per le feste” – e di leggerla; il ricavato andrà all’AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here