Wild Tee: vai là fuori e inseguiti

Ispirate alla natura ma adatte alle corse più impegnative. E con grafiche stupende!

Leggendo la storia del trail runner Filippo Canetta si provano due sensazioni molto nette: immedesimazione e aspirazione.
Filippo ha iniziato a correre, come racconta lui stesso, dopo una grande arrabbiatura. Fumava, lavorava troppo, aveva spesso problemi gastrointestinali e si ammalava frequentemente.
Vedo già annuire qualcuno, come a dire “Ho ben presente”.
Ma la seconda parte della sua vita, quella che l’ha reso migliore dopo la scoperta della corsa e soprattutto del trail, è quella che motiva di più, che fa sorridere di speranza.

In equilibrio con la natura

Filippo inizia a correre sempre più spesso: fa gare, fa trail perché “È in quell’istante che mi sento in perfetta unione con la natura che mi circonda. Sono solo, ma potrei rimanere lì per giorni, settimane, per sempre“.
La passione per il trail lo porta a sviluppare assieme ad altri fortissimi (e fortissime) trail runner Wild Tee, una linea di tee studiate per questa disciplina: estremamente leggere (sono in Micromesh), con grafiche bellissime (ehi, ne hai mai viste di così belle? Il teschio di un toro, un serpente, la carpa, l’aquila: hai bisogno di altro?), super-resistenti e a un prezzo contenuto (ogni modello costa 39€).

A ogni personalità il proprio modello

Per farsi notare sui sentieri più estremi ma anche per dimostrare la propria personalità, scegli quella che dice meglio chi sei e come affronti la sfida.

Sullo stesso argomento:
Perché il runner deve mangiare i legumi?

Eagle – Il predatore

eagle

Skull Bull – Senza ostacoliskull-bull-motion

Snake – Silenzioso e in controllo anche col caldo più estremo

snake

Scarab – Corazzato e con un portafortuna

scarab

Carp – Spirito giapponesecarp

Ghepard – Scompari nella naturaGhepard

Feather – Leggera e silenziosaFeather

Tee ispirate alla natura per esservi ancora più immersi, quasi mimetizzandovisi.

Perché, come dice Filippo, “La corsa non é un fine ma il mezzo per entrare, con la fatica, in comunione con l’ambiente, un viaggio fisico, mentale e spirituale nel quale bisogna essere pronti a sapersi sorprendere di fronte alla magnificenza del paesaggio che si scopre lungo il cammino“.

Niente di più adatto ad uno spirito avventuroso alla ricerca di se stesso. Come dice il motto di Wild Tee: vai là fuori e inseguiti!

Foto-chi-siamo

 

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.