Un’insalata gustosa proteica. Con proteine animali e vegetali.

Tempo di lettura: 2 minuti

Nelle cucine di RunLovers si preparano molto spesso i ceci e i motivi sono molteplici, oltre al fatto che sono incredibilmente buoni. Tantissime proprietà nei nostri fidi alleati per la salute: Vitamina C, E, B1, B2, B3, proteine vegetali e tanto calcio, ferro, potassio, fosforo e magnesio. Acquistali già pronti a patto che siano bio e di ottima qualità. Non farti mai mancare i legumi anche nella stagione estiva. Nelle insalate, con la quinoa e i vari cereali integrali. Saziano e fanno bene; più li mangerai in piccole quantità sempre più spesso e più li digerirai facilmente.

Abbiamo fatto gli hamburger e la zuppa con la burrata senza contare che l’hummus è la passione anche dei Top Runner più famosi.  Quella che ti propongo oggi è un’insalata velocissima ma ricca che può diventare un piatto unico e che riprende il golden milk. Perché i benefici della curcuma non si devono mai dimenticare come neanche quelli dello yogurt greco che è più digeribile rispetto al nostro tradizionale e ha un carico proteico maggiore.
I ceci con lo yogurt fanno parte della cucina tradizionale mediorientale. Con il cumino? L’idillio. Oggi una piccola variazione ma se vuoi aggiungerglielo il cumino fai pure. Ti stupirà e anche tanto.

i1

La Ricetta

Prendi 3-4 generose cucchiaiate di yogurt greco zero grassi e lavoralo con 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva e una generosa quantità di curcuma. Quanto lo decidi tu. Aggiungi assaggiando se ne hai voglia. Aggiungi il sale grosso macinato sul momento. Aggiungi i ceci e gira per bene. Aggiusta eventualmente di sale.
Su di un piatto disponi iceberg, rucola o l’insalata della varietà che preferisci. Aggiungi i ceci con lo yogurt e se vuoi noci o mandorle. Mangiane una ricchissima porzione e per rendere il tutto un pranzo bilanciato e sano accompagna a del pane o del riso basmati (anche semplicissimo alle erbe).

Sullo stesso argomento:
100 minuti alla settimana e le 6 regole d'oro per sfiammare l'organismo
CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.