Un dolce sano, leggero e perfetto per il Runner? Eccolo!

Avenotti RunLovers! Li chiamiamo così?

Tempo di lettura: 3 minuti

I Blondies vegani li abbiamo sfornati -e se ti sei perso la ricetta puoi sempre recuperare cliccando quicinque tipi di barrette da fare in casa perfette per il runner pure e per non farci mancare proprio niente anche quelle semplicissime senza glutine con il riso e il cioccolato. Sai cosa mancava? Di urgente intendo, perché quest’autunno sarà un tripudio di barrette di ogni genere. Mancavano quelle all’avena. Ti propongo una versione vegana anche perché sinceramente tutto questo bisogno di metterci il burro dentro non c’è! Che noi RunLovers alla nostra bellissima aorta principale ci teniamo e non vogliamo che faccia BOOOOM come uno strepitoso fuoco d’artificio nel cielo.

Questa ricetta è fantastica perché butti giù dentro una ciotola gli ingredienti. Giri con il cucchiaio e inforni. Finita! Si può declinare in infinite variazioni e poi con un po’ di esperienza preparerai tutto senza tener conto neanche della bilancia. Potrai abbondare un po’ di più con la marmellata e diminuire l’olio. Potrai aggiungere le scaglie di cocco e non adoperare la farina. Trovare insomma la tua barretta del cuore. La cosa straordinaria di queste barrette-rettangolini-quadrotti è che si conservano davvero benissimo e che quindi puoi prepararne una quantità industriale da distribuire poi nell’arco delle giornate. Non portarla in ufficio però perché i tuoi colleghi saranno disposti a tutto pur di averla, una volta che l’avranno assaggiata.

Sullo stesso argomento:
Una colazione leggera e buonissima per te, RunLover!

(beh come merce di scambio però torna utile. “Tu scambi il turno con me quel Sabato che mi interessa e io ti preparo le Barrette di Avena di RunLovers”. Furbo no? :-D! )

tit2

La Ricetta

Per 14 rettangoli circa

  • 300 grammi di fiocchi di avena
  • 130 grammi di farina (meglio se non raffinata)
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci (polvere lievitante)
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 170 grammi di sciroppo di riso
  • 130 ml di olio di semi di girasole
  • 5 cucchiai abbondanti di marmellata di frutta senza zuccheri aggiunti (ho adoperato una marmellata biologica di ciliegia)
  • 1/2 cucchiaino di vaniglia in polvere
  • 1/2 cucchiaino di cannella

Adopera le spezie che preferisci. Prova anche con creme spalmabili al cioccolato. Al biologico trovi prodotti che non contengono olio di palma, zuccheri raffinati e schifezzuole assortite. Nel caso in cui ti piacesse molto il sapore del cioccolato aggiungi anche 1 cucchiaino di cacao amaro all’impasto.

In una ciotola metti fiocchi di avena, farina, vaniglia, cannella, polvere lievitante e sale. Aggiungi poi lo sciroppo e l’olio. Mescola con un cucchiaio di legno. Versa metà del composto nella teglia leggermente oliata e poi distribuisci sopra la marmellata pian pianino. I cucchiai che servono. Versa poi sopra la marmellata l’altro metà dell’impasto. E con l’aiuto di una spatola livella bene il tutto. Cuoci in forno per 20 minuti a forno già caldo 180. Lascia che tutto si raffreddi. Taglia e servi. Si conservano benissimo anche per 20 giorni in frigorifero (d’estate) e nelle scatole di latta (d’inverno). Ma non preoccuparti perché una volta che li avrai provati questi dolcetti se arriveranno a sera sarà già un miracolo :-D !

Sullo stesso argomento:
Le cose più assurde che ti hanno chiesto sulla corsa

La teglia perfetta? Indicativamente 30×20.

tit3

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

2 COMMENTI

  1. Io conosco (e ADORO) una versione simile, 160 gr di fiocchi d’avena, 200 gr farina di farro, 100 gg farina di mandorle (in origine, poi io uso quella di grano integrale), 60 gr di zucchero di canna, 150 ml di olio di semi, marmellata. Squisita e come dici tu, si fa in un attimo!

  2. La ricetta mi pare ottima e senza dubbio la proverò!
    …mi sa che nel titolo manca un “per”
    Un dolce sano, leggero e perfetto PER il Runner? Eccolo!
    bacioni!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.