Sweat dreams

Questa volta ci metto la faccia e mi racconto in prima persona. In un viaggio fatto di sudore e gioia, acqua, asfalto e tutto quello che incontrerò per strada.

Articoli correlati

Siamo soli, facciamocene una ragione

La corsa è una metafora della vita, lo sappiamo bene. La fatica è nostra, i pensieri sono nostri, e la solitudine ne è una parte integrante. Che aiuta.

La musica di un’isola e il campione

Il racconto di Maiorca, visitata con una colonna sonora stupenda e l'incontro con Mario Mola, Campione Mondiale ITU World Triathlon Series.

Garmin Forerunner 935: qualche dispetto iniziale e poi grandissimo amore

L'orologio "top di gamma" per il triathlon della casa statunitense che, come al solito, porta l'asticella ancora più su con un dispositivo pressoché perfetto.

L’allenamento che odio di più è quello più utile (dannazione!)

Spingersi oltre, fino a quando sei al limite, è allenante non solo per il fisico ma anche per la mente. Nella corsa, nel triathlon e in ogni disciplina.
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 2 minutiEsistono dei momenti in cui hai voglia di metterti in gioco per vedere fino a dove riesci ad arrivare. Momenti in cui sai che parti ma non sai ancora quando, come e dove arriverai perché hai così tanta strada davanti che tu pensi solo che – per ora – devi solo andare avanti. E, proprio in quei momenti, viene naturale esporsi, in prima persona; perché sai che raccontandoti potrai trovare forza anche nel sostegno degli altri, perché sai che potrebbe essere una bella storia da raccontare.

Questa volta parlo di me stesso e a me stesso in una rubrica nuova – differente – in cui ti racconterò la mia vita tra allenamenti per il triathlon, scrittura, impegni e (ancora) allenamenti per il triathlon. Perché se ce la faccio io – che sono un cialtrone, incostante, lunatico – ce la puoi fare anche tu. E ci metto la faccia (anche nella foto spaventosa qui sopra).

Una rubrica che ho deciso di chiamare Sweat Dreams, sogni sudati (togliti quell’espressione maliziosa: in inglese lo sweat dream è l’incubo che ti fa svegliare sudato, cosa credevi?), perché se la vita mi ha insegnato qualcosa è che il sudore è l’unico mezzo che ti avvicina alla realizzazione dei sogni.
Sudore significa caparbietà, stanchezza, fatica ma – se ci pensi – ogni singola goccia di sudore (quando è versata bene) diventa gioia distillata.

Un viaggio fatto di tantissima strada che mi porterà un giorno – quando sarà il momento giusto – a partecipare a un Ironman 70.3. E poi chissà. Perché come si dice da queste parti “le vie del dolore sono infinite”, no?!

Un viaggio che mi vedrà in meravigliosa compagnia: Fabio Vedana, il mio coach, che mi ha mostrato la lunghezza di questa strada senza fine; Marco Rossi, il coach di nuoto che mi segue 3 volte alla settimana in piscina e che mi sta aiutando a galleggiare un po’ meglio di un sasso (ed Elena e Mattia che mi hanno sopportato nei mesi scorsi). Nelle prossime settimane mi accompagnerà anche una nutrizionista che mi aiuterà ad avere la “benzina” giusta per arrivare in fondo a questo percorso (in aggiunta a Iaia che, con la pacatezza che la contraddistingue, continua a ripetermi quotidianamente che “ogni triatleta che si rispetti fa colazione con il porridge” e ventimila altre ricette spettacolari).
E poi c’è pure Martino che mi guarda scuotendo la testa sconsolato.

Si aggiungeranno tantissimi amici in questo viaggio. “Lovers” che già praticano questo sport e lo fanno con risultati migliori di quanto io potrò mai aspirare a raggiungere.

Ma la persona che vorrei avere più al mio fianco sei tu. In questo racconto che ci renderà tutti uguali – perché ci sono poche cose democratiche come i sogni e la fatica – e vicini.

Si parte.

Altri articoli

24 COMMENTS

  1. Si, eccomi, ci sono, sono un paio di anni che vi seguo e che mi fate compagnia. Adesso ancora di più! Sono mesi che giro intorno alla folle idea di iniziare..provare il triathlon.
    Stesse motivazioni stesso sogno arrivare a fare un 70.3, adesso sò che nei momenti più difficili come in quelli più esaltanti avrò un amico vicino.
    Grazie!

  2. Grande Big!!!!
    Ce la farai sicuramente, se sei riuscito a farmi alzare dal divano e indossare le scarpe per correre in strada puoi superare sicuramente un Ironaman.

  3. Grande, non vedo l’ora quindi di leggere i tuoi racconti che saranno motivanti sicuramente. Anch’io nel 2017 esordirò con il 70.3. Daje! Buon Allenamento ;)

  4. Perché non seguirti? Tu che (solo) 2 mesi fa mi hai fatto scendere dal torpore della sedentarietà per iniziare a fare una cosa che mai pensavo di poter riuscire a fare….correre.
    Lo so, sono in novellino che sta terminando la tua tabella (facile facile). Sono alla 9ª settimana.
    La prossima, il mio primo traguardo….1 ora o 10km
    Fantascienza solo 2 mesi fa.
    Forza e ….in bocca al lupo ?

  5. Grande! avanti tutta! il sogno ironman è anche il mio sogno pertanto…è il Nostro sogno!!

  6. Ti seguo con curiosità e con la speranza di carpirti qualche utile sfaccettatura della tua avventura per risorgere dal mio infortunio che mi sta impedendo di correre (oramai sono passati 32 giorni) e sicuramente ci vorrà l’arrivo di carnevale con i coriandoli per poter a provare a fare qualche chilometro di corsa………..Auguroni e aspetto di leggere tue notizie .

  7. ….mia moglie mi definisce cosi’:……”che sono un cialtrone, incostante, lunatico”……
    ….Ti voglio bene!
    P.S. Facciamone un club con magliette,tessere e portachiavi!

  8. Bravo Big! Stai cominciando un viaggio meraviglioso!! Io mi sono imbarcato l’anno scorso in questo stesso mese e ho celebrato la finish line a Pescara in giugno….ne vale la pena!!! E non torni più indietro!!!
    Have fun!!!

  9. Speachless. Cosi come quando sei devastato dagli allenamenti. Così come quando ti svegli e sei ancora stanco. Così come quando gioisci per un miglioramento sui 100mt. Così come quando parteciperai al tuo sogno dopo tutto questo lungo viaggio. Buon viaggio super Big! ❤️

    • Così come quando sei già stanco anche solo a pensare che domani hai un doppio corsa – bici e, contemporaneamente non vedi l’ora di farlo. E il viaggio, a volte, sembra più un pellegrinaggio. ?❤️??

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il nuovo spot Nike per dirci che ci rialzeremo

Nike ha fatto un nuovo spot in cui non parla dei suoi prodotti ma della sua visione del mondo. E dice che i campioni sono quelli che non smettono mai di sperarci. E tu sei così?

Brooks Adrenaline GTS 20, la stabilità è comodissima

La ricerca dell'equlibrio e della leggerezza in un tutto armonico: ecco le Brooks Adrenaline GTS 20

Si farà la maratona di New York?

Il sindaco Bill de Blasio, comprensibilmente, dà risposte evasive

Forse non tutti sanno che, running edition

Una serie di notizie e curiosità gustose e spassosissime tanto quanto inutili, ma non si può mica essere sempre seri, no?

U pani cunzatu (il pane condito siciliano)

U pani cunzatu, il pane condito della tradizione siciliana incredibilmente buono. Una preparazione povera diventata un'istituzione.

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Scarpe per tutti

Una vostra domanda, magari anche tua che stai leggendo, ci ha dato lo spunto per questa puntata. Un ascoltatore ci ha chiesto di parlare...

Scelti dalla redazione

Le app per allenarsi bene

App ce ne sono moltissime ma quali scegliere per rendere il nostro allenamento più facile ed efficace? Ecco la selezione delle nostre preferite.

Come scegliere il portacellulare per correre

Il cellulare è ormai un accessorio indispensabile per i runner: da chi lo utilizza per monitorare i propri progressi a chi non rinuncerebbe mai...

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.