Supertrail, la playlist che ti porta sempre più in alto

Le discese ardite e le risalite, diceva qualcuno. E la musica perfetta per affrontare un eroico, stupendo, indimenticabile trail.

Sali, scendi, risali, ridiscendi. Quando non ne puoi più e le gambe non ti reggono pensi di mollare. Ti fermi, ti giri e ti si apre di fronte uno spettacolo naturale che ti fa mancare un bel po’ di respiri. Questo è il trail: una continua montagna russa di fatica mostruosa, di discese che ti lasciano credere di essere facili e poi ti spezzano le gambe e poi le ricompense: la magia della natura e quella della vita. Perché se la corsa è la metafora della vita, il trail è un romanzo intero. È la messa in bella copia di quella metafora e della vita.

Ma ci vuole la colonna sonora più adatta, no? E quindi eccola: i Sigur Rós per muovere i primi passi e poi i Pink Floyd a ridarti letteralmente il fiato con “Breathe”. Poi una pausa con Mount Kimbie e la ripresa con Romare. Il ritmo del trail è spezzato, fatto di strappi e accelerate e pause. Come l’andamento di questa playlist, studiata accuratamente nei nostri laboratori segretissimi.

E se ci sei fino alla fine ti aspettano prima Nick Cave e poi Thom Yorke e i suoi Radiohead con una delle canzoni più belle del mondo: “Everything in Its Right Place”. Perché quando sei arrivato in cima potrai pensare solo una cosa: “Finalmente è tutto al suo posto”.

Sullo stesso argomento:
La playlist più cool dell'universo

Corri e ascolta questa playlist non in ordine casuale anche su Spotify. Eccola!


(Photo credits Larisa Birta)

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.