Sia chiaro: il Cocco fa bene al Runner

Una torta soffice e incredibilmente morbida

Articoli correlati

Cosa c’è per cena? Il banana bread

Inizia una nuova rubrica che parla di cibo non solamente dal punto di vista nutritivo ma anche come appagamento dopo un allenamento, e risponde alla domanda "cosa c'è per cena?"

L’insalata di ananas e tacchino

Un'insalata con tacchino, ananas e tante delizie servite in modo semplice ma sorprendente.

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione
Iaia Guardohttp://www.maghetta.it
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla ad Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? È figlia di un grande maratoneta. Ha pubblicato per Mondadori scalando le classifiche e donando alla Ricerca per il Cancro il suo ricavato. Continua a scrivere, disegnare, cucinare, fotografare inarrestabilmente.

Tempo di lettura: 2 minutiIl cocco, come l’Avocado, è un frutto bistrattato e messo alla gogna. Non parliamo poi dei fichi e delle banane, per carità. Leggende metropolitane terribili (come accade con la patata, che invece dovrebbe essere onnipresente nella dieta di ogni Runner) aleggiano su di loro. “Sono grassi”, “fanno ingrassare”, “sono il male!”. La cosa divertente della vicenda è che poi a dirlo sono quelli che pochi minuti prima hanno mangiato del buonissimo junk food. C’è del sarcasmo, sì.

La parola Detox è alle porte

L’acqua di cocco -moda dilagante a parte- ha diversi benefici per i Runner se integrata correttamente all’interno della propria dieta. Più idratante dell’acqua stessa, è anche isotonica e aiuta a reidratarci ancor più velocemente. Visto che sulle tavole difficilmente mancherà la melagrana in questi giorni direi proprio che sia arrivato il momento per provare: Acqua di cocco e succo di melagrana (meglio se centrifugata/estratta ma anche solo il succo andrà benissimo. Alla vecchia maniera, insomma).

Il mix di benefici di questi due ingredienti è sorprendente. Per non parlare del gusto, perché già di per sé l’acqua di cocco è davvero deliziosa. Finalmente poi si trova in commercio senza particolari problemi. L’acqua di cocco è una vera e propria bibita energetica che contiene magnesio, zinco, calcio, fosforo e una gran bella varietà di vitamine. Basta dare un’occhiata fugace alla tabella nutrizionale per capire che potrebbe diventare una sana abitudine quella di adoperarla.

Sul cocco e i derivati –oltre l’acqua è giusto citare l’olio- ce ne sono tantissime di cose da dire ma siamo tutti in standby e proiettati alle sacrosante feste, ergo si può sempre rimandare no? La terribile parola detox si abbatterà su di noi tra capo e collo tra qualche giorno. Continuiamo a sognare un altro po’? Mi sembra giusto.

Per questo motivo il cocco rimane protagonista ma inserito in un contesto soffice e dolcissimo. Una torta morbida, che neanche la Chiffon Cake è arrivata a tanto. Una preparazione semplicissima (butto tutto dentro il robot o un recipiente capiente, giro e via. In forno. Per capirci) che farà gridare al miracolo. Certo leggermente più calorica dell’acqua di cocco e succo di melagrana ma è un momento di festa anche per il nostro palato.

Magari per non sentirsi proprio tanto il colpa ci beviamo su un bicchiere di acqua di cocco e qualche simpaticissima ripetuta, suvvia :-D !
cop2

La Ricetta

Per 8-10 persone

  • 250 grammi di farina
  • 130 grammi di farina di cocco
  • 240 grammi di zucchero di canna
  • 120 grammi di olio di semi di arachidi
  • 3 uova intere
  • 120 grammi di yogurt bianco (o latte)
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di lievito
  • 40 grammi di miele (sciolto a bagnomaria)

Tieni da parte 30 grammi di farina di cocco che serviranno per la decorazione.  Lavora tutti quanti gli ingredienti senza un ordine preciso e amalgama per bene. Olia uno stampo dal diametro di 26 centimetri (anche 24 va bene) e cuoci a 180 già caldo per 35-40 minuti. Fai la prova con lo stecchino. Quando vien fuori asciutto è pronta. Lascia raffreddare e cospargi la superficie con il miele spennellando per bene. Poi spolverizza con il cocco.

 

- Advertisement -
- Advertisement -

Altri articoli

8 COMMENTS

  1. Testata oggi la tua torta al cocco: è di un morbido spettacolare e buonissimissima!!!? Durerà ben poco…? Ottima ricetta, grazie!?

    • Giuliana!!! Sono felicissima che tu l’abbia provata (grazie per la fiducia) ma che soprattutto ti sia piaciuta.
      Grazie infinite per avermelo detto. Mi hai fatto felice.
      Spero a presto! Un bacio

  2. Fatta, ottima!
    Con un errore ma lo scrivo perché non ne ha nuociuto :)
    Ho letto male la ricetta e il miele l’ho messo nell’impasto…poco male, appunto, è strabuona!

    • Giulia sono felicissima che ti sia piaciuta!
      (una volta l’ho messo anche io nell’impasto. Anzi adesso controllo pure cosa ho scritto perché svampita come sono non mi stupirei se avessi sbagliato pure)
      Grazie per avermelo detto. Mi hai fatto davvero felice!

      • Eheh ma sono io che a leggere “mescolare senza ordine preciso” mi sono emozionata tutta per la facilità e non ho riguardato!
        Grazie ancora!

  3. Iaia ho appena fatto il dolce… È buonissimissimo! Non riuscirò mai a farci colazione fino a giovedì come avevo programmato, il Marito gli sta girando intorno come un avvoltoio, ne ha già prese due fette!!! Ho diminuito un po’ lo zucchero di canna e messo metà farina integrale, giusto per info, è meraviglio!!! Grazie tesoro❤️

  4. Davvero ottima…ottima….e ancora ottima… anche io fatti piccola modifica aggiungendo farina integrale e meno farina 00. Una delizia da divorare una fetta dietro l’altra..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Iniziare a correre da zero

Iniziamo un progetto in 6 "puntate" che ci accompagnerà alla My Deejay Ten di ottobre. E iniziamo dall'inizio: come iniziare a correre. Iniziamo? ;)

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

I test per misurare le prestazioni

In questa puntata di Fuorisoglia parliamo di quali test fare per capire le tue prestazioni nella corsa. Come sta il tuoi fisico? Come puoi migliorarti? Dal più semplice al più complesso, saprai tutto!

I test per conoscere meglio il tuo corpo

Una serie di test per conoscere meglio la tua condizione fisica

La prova dei 10 chilometri “tranquilli”

Un test molto interessante da svolgere su 10 Km - distanza che unisce velocità e resistenza - per misurare il risultato dei tuoi allenamenti senza caricare troppo.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.