Il Runner non compra le merendine

Il Lunedì è un giorno difficile per tutti. Pure per le merendine.

Tempo di lettura: 4 minuti

Capisco che a qualcuno in questo momento possano prudere le mani e vorrebbe urlarmi “oh! Ma io non sono una Food Blogger che ha tempo per cucinare, impiattare un set, mettere i merletti della nonna, scegliere l’obiettivo giusto, sistemare le luci, scattare e poi se tutto va bene mangiare le cose fredde!” Lo so lo so. Comprensibile. Ma sta di fatto che un Runner o uno sportivo in genere non compra le merendine come sta di fatto che la stragrande maggioranza delle Food Blogger -e ne conosco davvero tantissime e molte sono anche amiche preziose- non lo fa per lavoro ma per diletto e passione. Sono mamme e hanno figli. Sono grandi lavoratrici stakanoviste che inseguono sogni e passioni, ergo ce la possiamo fare tutti se c’è un solo ingrediente:

la volontà.

L’ho conosciuta quando ho perso ottanta chili senza operarmi per scelta (non che l’operazione sia una passeggiata, anzi), quando perdendo mio papà mi sono trasformata da bimba viziata a donna con responsabilità e molte altre volte. Fare una torta, programmarmi il cibo per la settimana, organizzare la spesa per rendere migliore la vita di chi amo non mi spaventa. A me spaventa il contrario: l’ozio, la monotonia e il voler rimanere legati alle certezze. Perché quando ti alzi e capisci che proprio quelle sono le prime a non dover mai essere prese in considerazione succede che hai un’epifania improvvisa. Ti sembra che il terreno ti manchi sotto i piedi, inizialmente. Poi credi di non farcela perché è oggettivamente -a tuo avviso- impossibile. Infine ti si aprono due strade davanti e hai la possibilità di dimostrare solo una cosa:

Sullo stesso argomento:
RunLovers a Londra? Prendiamoci un tè insieme allora

quello che sei.

Segui la strada della volontà o dell’ozio, tu?

In questi due anni che scrivo regolarmente su RunLovers sono stata così fastidiosamente ripetitiva da sembrare quella vecchia zia antipatica che ti infastidisce pure vedere solo alla Vigilia di Natale. Quella che vorresti stesse zitta, non si impicciasse e che -a dirla tutta- non ti regalasse neanche più quegli stupidi pigiami di flanella (zie se mi state leggendo, giuro, non sto parlando con voi. Siete stupende voi! Scusate la comunicazione di servizio ma mi leggono davvero e non vorrei far esplodere dinamiche familiari distruttive. A maggior ragione sotto Natale). Il fatto è che davvero -come infinite volte ho ribadito- dispiace vedere queste due fazioni distinte e aggressive:

Healthy VS Junk Food

Non c’è più una via di mezzo. O fai parte della fazione che a tutti i costi tutela l’unto o infili bacche di goji pure nel cappuccino di soia non zuccherato con la farina di carrube al posto del cacao amaro. Ma santapizzettaglutenfree esiste pure una via di mezzo. Non è che dire “non bisogna mangiare merendine confezionate” significa tirare un destro alla Balboa se qualcuno ti offre timidamente un tegolino. Come non significa neanche che una madre sia pessima se infila nel cestino quattro fette biscottate con l’olio di palma a sua figlia. Già le vedo le altre mamme su whatsapp: “ma ti rendi conto?! Ha messo le fette biscottate con l’olio di palma!!! E pure spalmate di nutella!! ORRRORREE!!!” (andate a fare una ciambella, chiacchierone!).

Sullo stesso argomento:
Il vero segreto per depurarsi dopo i bagordi delle feste

Certo è che però fare una ciambella al mese non è neanche questo gesto eroico che richiede applausi dai familiari e vicini di casa. Semplicemente è una ciambella. E se viene conservata bene può servire anche per 3-4 giorni a far fare merenda o colazione. Quando ho delirato circa il diario alimentare e l’organizzazione della spesa non mi sono voluta mettere sopra un palcoscenico alla Bree Van De Kamp (sì ho visto la prima serie di Desperate Housewife ed era quella gne gne gne perfettina che preparava i muffin al marito, i figli e tutto il quartiere) e con microfono a palla insegnare come si fa bene. IO ODIO LE MAESTRINE (scusa, avevo bisogno di urlarlo). Io amo il confronto però e ti assicuro che se ce la faccio io può davvero farcela chiunque. Perché ero una di quelle donne talmente impedite ma talmente impedite (tuttora, sia chiaro) che solo nominare “ciambella” entravo in coma neuronale.

Senza organizzazione però non arrivi da nessuna parte. Senza una lista precisa della spesa -che non comprenda MAI sempre le stesse cose ma che vari e sia in eterna rotazione- non potrai mai e dico mai entrare in questa mentalità. Quale mentalità?

Che sei un/una Runner. E un Runner non mangia merendine e junk food di default. Un Runner non beve birra per reintegrare (Dottoressa che il cielo la benedica!). Può capitare? Ma ci mancherebbe! La quotidianità è altro. Non sempre una bella lasagnazza è il giusto premio. Come neanche un pezzo di tofu può renderti felice come una Pasqua, ben intesi.

Sullo stesso argomento:
5 Cose da infilare nel carrello della spesa

La torta che ho preparato e che vedi nella testata dell’articolo richiede 15 minuti -non di più- di preparazione e potrei proportene ancora molte altre (l’ho già fatto) in minor tempo. Essendo per 8-10 persone può esserti un’amica fidata per 2-3 giorni. Un quarto d’ora contro 2-3 giorni e hai la certezza assoluta di aver adoperato materie prime incredibili. Non sono brava in matematica. Anzi diciamola giusta. Sono una schiappa in matematica ma non è incredibile? Perdi più tempo a crogiolarti al supermercato su quale prodotto scegliere. E no. Non è una robaccia vegana come puoi pensare. Ha le uova, il burro, la farina e santocielo ho messo pure lo zucchero bianco, che ho eliminato dalla mia dieta da ben sei anni perché sono una psicopatica d’accordo, ma che in moderate quantità non ha mai ucciso nessuno. Solo che magari vicino allo zucchero bianco in dispensa potresti tenere che ne so pure lo sciroppo di dattero, no?

(mi odi lo so ma io no e “lo dico per il tuo bene” *voce della zia antipatica*)

Volontà sempre e comunque.

A scuola dovrebbero insegnare l’alimentazione, altro che disegnare capitelli. Ben inciso: disegnare capitelli è una forzatura perché per quanto mi riguarda avevo 10 solo in questa materia quindi l’unico mio motivo per pavoneggiarmi. Avrei voluto dire altro ma il Lunedì sono politically correct. Visto che non l’hanno fatto con noi e che non lo fanno con i nostri figli e visto che siamo Runner, e sai benissimo quanto la filosofia di corsa rispetti fondamentalmente l’amor proprio e la sfida con se stessi, beh.

Sullo stesso argomento:
Corri veloce ma cucina lento

I Runner non mangiano le merendine. Così è deciso. L’udienza è tolta.

(Ah se me lo chiedi nei commenti ti lascio la ricetta della torta con l’arancia. Ma devi chiedermelo perché mi piace chiacchierare con te ;-) ).

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

34 COMMENTI

    • Ciao Deborah!
      Grazie infinite per essere qui e per avermi scritto!

      La ricetta l’ho copiata e incollata all’interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l’impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

    • Ciao Elena!
      Grazie prima di tutto di essere qui e di avermi scritto.

      La ricetta l’ho copiata e incollata all’interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l’impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

  1. Dai Iaia, daccela questa ricetta!!!
    Ho due figli e mi piacerebbe dare una fetta a loro per la merenda scolastica.
    Grazie

    • Merenda scolastica? Musica per le mie orecchie! sììììììììììì!!!
      Grazie. Grazie infinite a te.

      La ricetta l’ho copiata e incollata all’interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l’impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

  2. Io voglio la ricetta, la esigo proprio.
    E no, non mi piacciono quelli della fazione tuttosano né quelli della fazione untoforevah. E lo dico io che mi sto sbilanciando sempre più verso il mangiare sano, ma che svengo se mi dai una teglia da 12 di patatine fritte e che ogni tanto invece della cajita con zucchero di canna, nocciole e blablabla spalmata sulla galletta bio di riso&semi mi mangio la Nutella direttamente col cucchiaino.
    Ben venga la torta fatta in casa, in pochi minuti perché poi ci pensa il forno, che mette di buon umore anche solo spargendo in tutta casa quel profumo delizioso.
    E ti amo ciao.

    • Ti amo.
      E cominciamo così.
      Ma tu sei la più bravadelmondoeIOLOSO. Inutile che ti nascondi sai? Dovresti piuttosto tu consigliarci qualcosa di buonissimo qui. Perché sei in assoluto una di quelle poche e preziose amiche stakanoviste che inseguono passioni e sogni.
      La torta te la voglio preparare iooooooooooooooooooo!!! DEVI VENIRE QUI SUBITO!

      _____________

      La ricetta l’ho copiata e incollata all’interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l’impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

    • Pia!!!
      Grazie a te. Grazie perché donne speciali come te che ogni giorno si destreggiano tra figli, doveri e passioni rendono questo mondo migliore. Visto che mi hai scritto e mi hai fatto felice colgo anche l’occasione per ringraziarti di essere qui.

      La ricetta l’ho copiata e incollata all’interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l’impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

  3. Anch’io voglio la super ricetta,così vario un po’ la colazione dai soliti è solo cereali integrali..lo insegni te,variare fa bene! Se poi mi svelo anche il segreto di come fai ad organizzare i pasti x tutta la settimana,sarai d’aiuto alla mia dieta oltre che al portafoglio??

  4. Ciao!!
    Sono un principiante sia nella corsa che nella cucina, e riesco decisamente meglio nella seconda che nella prima!
    Ho letto tuuuutti gli articoli che hai scritto da quando seguo Runlovers (e pure buona parte di quelli vecchi), quindi a questo punto devo ASSOLUTAMENTE avere la ricetta di questa torta buonissima all’arancia per provarla e diffonderne il verbo.
    Mia sorella si è già innamorata delle barrette all’avena, ora devo stare attento a quando la invito a casa altrimenti me le finisce in un batter d’occhio!!
    Resto in trepidante attesa!!

    • Ciao Federico,
      il fatto che tu mi abbia letto fa di te un Runner Impavido ma che ti sia letto anche quelli vecchi fa di te un EROE!!! Date subito una coppa a Federico! No davvero. Perché poi mi emoziono e non dico cose intelligenti (quello mai in effetti). Grazie. GRAZIE infinite.
      Sono felicissima che le barrette all’avena siano state apprezzate e spero che anche questa ti possa piacere.
      Vado?
      Vado con il copia e incolla!!!

      La ricetta l’ho copiata e incollata all’interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l’impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

    • Tre arance biologiche?!?!? Martina eccomiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!!!

      La ricetta l’ho copiata e incollata all’interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l’impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

  5. Ciao! Ed invece se io dovessi preparare per mia moglie un bella torta? Ti sfido! Lei non può mangiare a causa di una forte intolleranza i seguenti ingredienti:
    – uova
    – farine 0 e 00
    – latte
    Sorprendimi!!!
    :-))) é sempre un piacere leggerti

    • Ciao Marco,
      SFIDA?!?!?!
      Sfida accettata!!! Raccolgo il guanto! Seguendo un’alimentazione vegana da 5 anni (e non essendo molto tollerante al glutine) ti stupirò e te ne dirò ben più di una. Non te l’aspettavi eh? (santocielosperiamochetipiaccia o vengo da voi a cucinare per una settimana. Per punizione! Che ne dici? La vera punizione è avermi intorno).
      Grazie per avermi dedicato il tuo tempo e per essere qui. Il piacere è mio.
      Sfoglio il mio taccuino magico e te ne dico un po’, ecco.
      Vado a concentrarmi :-D !

    • Buonasera Lorena,
      grazie infinite a te e solo a te. Per dedicarmi il tuo tempo. Ne sono lusingata. Potessi verrei a portartela io appena sfornata per ringraziarti. Ma quando inventano il teletrasportoricettoso eh? Manca ancora molto?
      Un bacio!

      La ricetta l’ho copiata e incollata all’interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l’impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

    • Elena e io sono felicissima di scrivertela! Grazie infinite e a te per essere qui <3

      La ricetta l'ho copiata e incollata all'interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l'impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

    • Ma tu sei la mia IRENE!!!! <3
      Ti abbraccio forte. E grazie per essere qui. Grazie sempre per i tuoi abbracci. Che spero un giorno di poter ricambiare degnamente.

      La ricetta l'ho copiata e incollata all'interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l'impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

  6. Ho quasi terminato i miei saccottini alla ricotta (rigorosamente handmade) e la tua torta mi ispira moltissimo ……. attendo la ricetta ?

    • Simonetta!!!
      Saccottini alla ricotta handmade!!! Date una medaglia a Simonetta subito!
      Ispira molto anche a me la tua*disse prendendo block notes e penna.
      Grazie infinite per avermi dedicato e il tuo tempo.

      La ricetta l’ho copiata e incollata all’interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l’impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

  7. Buonasera Iaia, questo non è solo una ricetta, questo è un trattato su come dovrebbe essere intesa la vita, su come va affrontata, sull’atteggiamento da tenere per navigare in questo mare tempestoso.
    Grazie per quello che scrivi, se poi vuoi anche condividere la ricetta…

    • Buonasera a te gentilissimo Henry il grigio (un nickname meraviglioso degno di un ricco e indimenticabile romanzo inglese)
      Ti ringrazio infinitamente per le tue parole. Ne sono lusingata.
      Grazie infinite a te per essere qui e per avermi dedicato il tuo tempo.
      Spero a presto.

      La ricetta l’ho copiata e incollata all’interno dei commenti ma magari ti arriva la risposta per email e quindi per me è un piacere rifarlo anche qui in questo spazio.
      Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
      fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l’impasto e via. Pronta!

      (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

      Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

      Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

      __________

      Prepara le arance caramellate.
      Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
      Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

      Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
      Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

      Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

      Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
      Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
      Spennella con lo sciroppo e via.
      Se hai tempo e voglia e dovessi provarla io -insieme a Sandro e Martino- saremo felici di sapere se è stata di tuo gradimento.

  8. OHHHHHHHHHHH finalmente posso chiacchierare!!!!!
    Prima di farlo però ecco la Ricetta.

    ______________________

    Ti scrivo la versione passo passo lentamente ma la verità è che:
    fai cuocere arance con acqua e zucchero. Lavori tutti gli ingredienti insieme. Prendi una teglia. Metti le arance. Versa l’impasto e via. Pronta!

    (qui ho fatto la videoricetta. Se togli il volume così non senti la mia voce fastidiosa vedrai che è semplicissima: https://youtu.be/ZEHSe4jn00U . Per qualsiasi dubbio sono a tua disposizione)

    Ingredienti per una torta di 24-26 centimetri di diametro circa: 4 uova, 220 grammi di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo abbondante di estratto di vaniglia, 1 bustina scarsa di lievito, 150 grammi di farina, 130 grammi di farina di mandorle (riduci sostanzialmente in polvere le mandorle con l’aiuto del frullatore), 150 grammi di burro fuso. Per la copertura di arance caramellate occorrono: 125 ml di acqua, 1 baccello di vaniglia (o vaniglia in polvere) e 2 arance grandi tagliate sottili (la scorza non deve essere trattata altrimenti rimuovila), 230 grammi di zucchero semolato.

    Se la spezi aggiungendo cannella, fiori di garofano, anice stellato o quello che preferisci viene ancora più buona!

    __________

    Prepara le arance caramellate.
    Metti l’acqua e la vaniglia in una padella insieme allo zucchero e lascia che si sciolga. Aggiungile fette di arancia.
    Ti sembrerà che il liquido faccia difficoltà ad assorbirsi ma quando spegnerai il fuoco ti renderai conto che tutto si è caramellato davvero per bene). Ti serviranno solo le fette in un primo momento. Perché metterai da parte lo sciroppo che hai ottenuto con acqua e zucchero e spennellerai la torta sul finale.

    Lavora tutti gli ingredienti senza un ordine preciso perché non ha importanza ma se vuoi fare le cose come un vero foodie fai così:
    Lavora dentro il robot da cucina o aiutandoti con un frustino elettrico prima le uova con lo zucchero e poi aggiungi la vaniglia. Lavora per 8-10 minuti (con il robot sarebbe meglio ma con lo sbattitore elettrico alleni pure i bicipiti! :-D ). Quando il composto è chiaro e denso e si è triplicato di volume (gli ultimi minuti falli a velocità massima) setaccia la farina (se usi quella di mandorla inseriscila pure setacciata) e versala sul composto con le uova ben amalgamate. Incorpora quindi il burro e lascia lavorare un altro po’.

    Prendi la teglia. Metti le fette di arancia sul fondo (si chiama torta rovesciata proprio per questo. Perché poi la rovescerei quando sarà cotta e le arance saranno sopra). Versa l’impasto.

    Fai cuocere per 40-45 minuti circa a 160 in forno già caldo. Controlla sempre con uno stecchino di legno. Quando è asciutto sforna e aspetta che si freddi.
    Capovolgila e voitlà la torta rovesciata è pronta.
    Spennella con lo sciroppo e via.

  9. Grazie per la ricetta! Copio da quelli che sono arrivati prima di me a chiedertela ;)
    Va bene farsi battere sul tempo dai runners, ma dai golosi è un’onta incredibile :((

    • Buonasera Donata,
      grazie infinite a te per essere qui e per avermi scritto.
      ahhahaha <3 e grazie per il sorriso che mi hai strappato. Sono a letto con la febbre e mi ci voleva proprio!
      Se hai tempo e voglia e provi la torta mi dici come è andata?
      Spero a presto!

  10. Ma se io, che coi latticini ho un po’ un brutto rapporto “intestinale”, metto olio di semi al posto del burro… cosa succede?

    • Buonasera Silvia,
      puoi provare senza problema alcuno magari stando un pochino attenta alla consistenza e regolandoti tu con le dosi. Non avrai alcun problema. Se hai tempo e voglia mi dici come è andata?
      Spero tanto che ti piaccia.

  11. Semplicemente fantastica!
    La proverò, magari affiderò la lavorazione a mani più esperte ;-)
    Grazie!

  12. Lo sai che io adoro le tuo infografiche ricette m!
    Comunque oggi mentre preparavo i chocobanana muffin che saranno la colazione per me e il mio compagno almeno per le prossime 3 mattine e come dici tu ci ho messo 15 minuti a prepararli + cottura…. approfittando del forno caldo mentre cuoceva una torta rustica per pranzo… ho pensato vorrei fare una torta all’arancia… magari con qualche mandorla, cannella e qualche goccia di cioccolata? ;)

    Grazie!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.