Perché lo yogurt greco ti fa più sano, più bello, più tutto?

Articoli correlati

Centrifugato, mon amour!

Cetriolo, Sedano e lime ma anche Anguria, fragole e pomodoro. Due centrifugati buonissimi!

U pani cunzatu (il pane condito siciliano)

U pani cunzatu, il pane condito della tradizione siciliana incredibilmente buono. Una preparazione povera diventata un'istituzione.

Josh Amberger: il triathlon? Fallo a modo tuo!

Josh Amberger - triatleta vittorioso in 11 Ironman 70.3 - ci racconta la sua esperienza con allenamento, alimentazione e integrazione

Non hai il lievito? Facciamo il pane, dai!

Abbiamo parlato del lievito la scorsa settimana e dell'importanza sociale che ha assunto in questo determinato periodo storico. Oggi prepariamo insieme del pane ma...
Iaia Guardohttp://www.maghetta.it
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

Tempo di lettura: 4 minutiChe lo yogurt, grazie alla presenza dei fermenti lattici vivi, rivitalizzi la microflora intestinale e che sia un ottimo modo per fare “le pulizie di primavera” all’interno del nostro organismo non è un segreto per nessuno. Mangiare una porzione (indicativamente stabilita in 130 grammi giornalieri) di yogurt è una buona e sana abitudine.
Da un po’ di tempo lo yogurt greco impazza in ogni dove e viene indicato molto più spesso come il preferito degli sportivi.

Ma perché?

Ci sono alcune differenze rispetto a quello normale che abbiamo sempre consumato; innanzitutto viene filtrato più delle due volte classiche e quindi contiene meno siero apparendo più cremoso e consistente. Questo fa sì che sia più digeribile e che con la consistenza corposa appaia maggiore come quantità. Si ha insomma la sensazione quasi di “masticare” e non semplicemente “bere” come con lo yogurt normale a cui siamo abituati.
Contiene molto meno lattosio e anche questo ne facilita la digeribilità. Contenendo meno zucchero diventa poi perfetto sia per le ricette salate che dolci. In un attimo crei una crema al cioccolato morbidissima e setosa ma puoi farci pure un condimento niente male per un secondo di carne. A voler fare un pasto completo adoperandolo potresti senza alcun problema dall’antipasto al dolce. Anzi dalla mattina alla sera.

Un esempio?

Yogurt greco e cereali al mattino con frutta secca e fresca, Antipasto fatto di tzatziki con gallette e petto di pollo con salsa di yogurt greco ed erbette, al pomeriggio un dolcino di crema con yogurt e cioccolato e semi di chia e la sera un bel piatto di pasta al pesto alleggerito dallo yogurt greco. No. Non sono impazzita (non del tutto perlomeno) e non dico che questa dieta sia fattibile in un unico giorno ma davvero è talmente versatile che ci si potrebbe costruire un mese di preparazione adoperandolo ad ogni pasto e non basterebbe. Le ricette infatti sono infinite.
Se non lo hai provato con le verdure grigliate o non hai mai provato delle salsette (anche con il burro di arachidi) ti sei perso davvero qualcosa di pazzesco. Lo yogurt greco dovrebbe essere sempre nel tuo frigo (e dovresti pure adoperarlo sul corpo perché dopo la prima maschera facciale con questo yogurt non ne potrai mai più fare a meno).
Accelera il metabolismo e c’è una versione total zero buonissima con zero grassi, tante proteine e praticamente zero zuccheri. Per questo motivo è consigliatissimo anche nelle diete povere di carboidrati.
Attivando il metabolismo, contenendo meno zuccheri e migliorando la funzionalità intestinale grazie ai fermenti lattici diciamo che se non sei ancora corso a comprarlo c’è qualcosa che non va :-P

Ti confesso che è in assoluto uno dei pochissimi alimenti che “mi manca”.
Se eliminare la carne, le uova e il pesce -che non mangio da più di 20 anni ormai- non è mai stata una forzatura ma una scelta naturale, farlo lato derivati (oltre che è una conseguenza) diciamo è stato quasi “dovuto” essendo io intollerante ai latticini e avendo sviluppato nel corso degli anni magagne che non sto qui ad elencare. A prescindere però ricordo perfettamente che lo digerivo molto meglio di quello naturale: leggi non mi contorcevo come Linda Blair nella sua magistrale interpretazione.
Diciamo che in tutta onestà se potessi mangiare (e non fossi così emotivamente coinvolta ormai dalla mia scelta che non rinnego) un alimento che non viene proprio compreso nella dieta vegana sarebbe solo ed esclusivamente questo.
Non parliamo poi di quanto siano buoni i gelati a base di yogurt greco.

Alcune idee?

Giovedì poi ti preparo una ricetta con lo yogurt greco che ti farà impazzire. Ogni volta che la propongo ne rimangono tutti stupiti (e pure allibiti per la semplicità e bontà).

  1. Lavora lo yogurt greco con del sale grosso macinato sul momento e olio extra vergine d’oliva. Taglia l’erba cipollina e gira per bene. Fai dei pancake salati a base di avocado ancora meglio e poi versa la crema di yogurt sopra e chiudi con salmone affumicato.

Senza titolo-2

2. Adoperalo nelle cheesecake al posto del mascarpone o roba grassa. Otterrai una cheesecake più leggera e ugualmente buona se non più. Quella che vedi in foto è la kie lime pie, che è diventata negli anni una delle mie specialità. Se vuoi la ricetta chiedimela pure nei commenti perché sarà un piacere per me scrivertela.

(Ma la RunLovers Cheesecake poi l’hai provata?)

DSC_4006

3. Spalma lo yogurt greco al posto del formaggio spalmabile e arricchisci come ti piace di più. Buonissimo con il cetriolo nel classico sandwich londinese che si accompagna al tè delle cinque. Del resto yogurt e cetriolo sono alla base dello tzatziki, no?

DSC_7633

3. Mettilo negli impasti dei dolci. Non occorre mica tutto quel latte, uova e burro per dare consistenza a dei muffin. Parola di giovane marmotta!

DSC_5805

Ci vediamo Giovedì per una ricetta con lo yogurt greco davvero sorprendente che riprende il concetto del Golden Milk! Buona settimana RunLovers!

Altri articoli

6 COMMENTS

  1. Siii a me piacerebbe la ricetta di una key lime pie per cui non devo sottrarre metà delle calorie giornaliere totali per potermene godere una fetta :D Anche io adoro lo yogurt greco, se non fosse che è così caro rispetto all’altro lo comprerei anche molto più spesso!
    Ottimo anche come dici tu, per il salato, sulle tartine di pane di segale con una fetta ci cetriolo, o con miele e…basilico! :D

  2. E niente, poi arriva quella foto dei muffins a fine articolo, un po’ così, e… catastrofe.
    #neprendodiecigrazie .

    Lode all’ottimo articolo!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Nike Alphafly NEXT%: le scarpe dell’uomo più veloce del mondo sono in vendita

Dai piedi dell'uomo più veloce del mondo alla strada: le Nike Alphafly Next% del record di velocità sono in vendita

I vostri fuori soglia

Nella precedente puntata ti avevamo chiesto di raccontarci i tuoi fuorisoglia, quando cioè ti sei trovato in territorio sconosciuto, in tutti i sensi. Ecco sei dei vostri racconti.

Centrifugato, mon amour!

Cetriolo, Sedano e lime ma anche Anguria, fragole e pomodoro. Due centrifugati buonissimi!

Economia di corsa: l’importanza del gesto e della tecnica

È il modo migliore per andare più veloce e con meno fatica e si riassume in un solo concetto: migliorare l'economia di corsa.

Quando sei andato fuorisoglia?

Andare fuorisoglia significa uscire dalla tua zona comfort. In questa puntata raccontiamo quando ci è capitato e ti chiediamo di raccontarci quando è successo a te

La corsa fa male alle ginocchia?

Hai male alle ginocchia? Colpa tua che corri! E invece no: non è detto e la corsa potrebbe essere l'ultimo problema

Il nuovo spot Nike per dirci che ci rialzeremo

Nike ha fatto un nuovo spot in cui non parla dei suoi prodotti ma della sua visione del mondo. E dice che i campioni sono quelli che non smettono mai di sperarci. E tu sei così?

Scelti dalla redazione

Le app per allenarsi bene

App ce ne sono moltissime ma quali scegliere per rendere il nostro allenamento più facile ed efficace? Ecco la selezione delle nostre preferite.

Come scegliere il portacellulare per correre

Il cellulare è ormai un accessorio indispensabile per i runner: da chi lo utilizza per monitorare i propri progressi a chi non rinuncerebbe mai...

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.