Ma i Runner mangiano i pop corn?

Tempo di lettura: 3 minuti

Se metti barrette nel campo cerca di RunLovers ce ne sono davvero tante e ancora tantissime saranno pubblicate. Quelle che ti propongo oggi sono un po’ particolari perché hanno al loro interno i pop corn; sì, hai capito bene, i pop corn. Sai che con i pop corn si possono fare tantissimi piatti sia dolci che salati? Non sono solo uno snack scadente da comprare per infastidire i vicini di poltrona al cinema ma hanno un potere nutritivo importante e soprattutto sono sani. A differenza di moltissimi snack, se scelti nel modo opportuno o ancor meglio preparati in casa, diventano interessanti non soltanto da un punto di vista nutrizionale ma proprio come ricompensa. Del resto i chicchi di mais sono degli scrigni salutari di tutto rispetto. A me piacciono tantissimo nelle vellutate di verdura, soprattutto quelle verdi. Hai mai provato a mettere sopra le vellutate o zuppe qualche pop corn per dare la nota croccante? E soprattutto li hai mai messi in insalata? So che stai fissando il monitor -con altissima percentuale- con sguardo vitreo e sei basito ma davvero i pop corn non fanno parte del junk food, anzi.

Procurati prima di tutto dei buoni chicchi di mais e datti alla pazza gioia. Aromatizzali questo Natale con spezie e cuocilo senza olio o burro perché scoppiettano anche grazie all’ausilio dell’aria oppure regalati a poco prezzo delle ottime macchinette che fanno i pop corn. Incredibile come con 40 euro si torna bambini. Gusto, bontà e soprattutto salute. Se scegli i pop corn in busta assicurati che siano scoppiati ad aria perché sono chiaramente più leggeri. Ci sono confezioni anche senza sale in modo che tu possa regolarti e soprattutto non essere leggero nella scelta eventualmente dell’olio in cui sono cotti. Insomma, come sempre, è la qualità -oltre la quantità- e non solo il prodotto in sé. Ci sono tantissimi alimenti che vengono snobbati credendo “facciano ingrassare”. Ma noi cosa abbiamo imparato quest’anno?

Sullo stesso argomento:
I 10 Comandamenti per sopravvivere al Natale

Che “fa ingrassare” è una delle frasi più stra-stra-stra ripetute senza cognizione di causa. Fa ingrassare l’ignoranza ;-).

Un bacio e che sia un week end pieno di meraviglia e pop corn per te. Come nuvolette di felicità.

dsc_1668

Ingredienti per 12 barrette di media grandezza, circa

  • 60 grammi di pop corn già pronti
  • 130 grammi di mandorle spellate
  • 230 ml di sciroppo d’acero
  • 180 grammi di zucchero di canna
  • 1 pizzico di cannella
  • burro per ungere (in alternativa olio, che personalmente preferisco a prescindere)

Ungi una teglia con burro o olio. Nel frattempo in un pentolino scalda lo sciroppo d’acero e lo zucchero di canna e la cannella aggiungendo 50/60 ml di acqua. A fuoco molto debole mescola continuamente e fai sciogliere lo zucchero. Unisci pop corn e mandorle leggermente spezzate in un recipiente bello capiente. Quando lo zucchero raggiunge una temperatura di 112 gradi circa (se non hai il termometro non spaventarti. Deve naturalmente bollire. E molto, formando tante bolle e il colore apparirà leggermente più scuro) versa sui pop corn e le mandorle. Mescola per bene in modo che sia i pop corn che le mandorle siano completamente impregnati dello sciroppo e con movimenti rapidi (dipende dalla temperatura che c’è in casa e da diversi fattori ma cementa ben presto) versa tutto in teglia. Livella per bene e poi, quando avrai un monoblocco ben rigido, con l’aiuto di un coltello ricava le barrette secondo la dimensione che preferisci. Si conservano benissimo per giorni (anche per una settimana) se opportunamente conservate in un ambiente asciutto (nella scatola di latta sarebbe il massimo).

Sullo stesso argomento:
I buoni propositi

dsc_1700

  • 50 grammi di pop corn già pronti
  • 1 cucchiaino generoso di sale
  • 1/2 cucchiaino di wasabi in polvere (ma anche uno abbondante, dipende da quanto si regge)
  • 1/2 cucchiaino di pepe nero in polvere (o bianco, va benissimo)
  • 15 grammi di burro

Mescola sale, wasabi e pepe in una ciotolina. Fai sciogliere il burro. Raccogli i pop corn in un recipiente. Versa il burro sciolto e cospargi con le spezie e il wasabi. Gira per bene. Caldi sono buonissimi (ma puoi anche farli in casa -ancora meglio- mettendo un pochino di polvere di wasabi direttamente sui chicchi di mais e girare per bene. Cuocere in olio extra vergine di oliva oppure senza, come preferisci)

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

4 COMMENTI

  1. Adoro i pop corn…mi fanno tornare bambino…posso mangiarne a tonnellate e il giorno dopo una bella corsetta la faccio ugualmente..?

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.