Liberati dalle catene!

Spesso le catene che ti legano sono nella tua testa ma solo il tuo corpo ti può liberare.

Articoli correlati

Quando l’obiettivo di correre forte incontra i 30 anni

La passione e il rapporto "d'amore" con la corsa ti fanno andare oltre i tuoi limiti. Ecco cosa significa essere velocisti a trent'anni.

I motivi per assumere un runner

Un bel contributo di Giulia Panna che, oltre a essere una runner, si occupa di risorse umane. È una bella riflessione - scritta in linguaggio "tecnico" - sulle caratteristiche che hanno molti runner e che sono utili nel lavoro e nella vita.

Il ritiro in gara. Guida – semiseria – per accettazione e superamento

Può succedere di ritirarsi durante una gara e non è un gran problema. Capita a tutti, anche a Sara che però, in questo caso, ci scrive la sua guadi per superare l'evento.

Come un giorno ho cominciato a respirare, correndo

L'asma può impedirti di correre? Per lei non è stato così.
RunLovers
Ognuno corre come vuole, semplicemente, naturalmente. Semplicemente, naturalmente, Runlovers parla di cosa si parla quando si parla di corsa.

Tempo di lettura: 2 minuti

RATTLE THAT LOCK AND LOSE THOSE CHAINS!!!!

Così canta David Gilmour: Scuoti quella serratura e perdi quelle catene!!! 

Io ho la mia particolare interpretazione: apri la mente e sciogli le catene che ti tengono fermo! O perlomeno provaci! 

Un giorno ti svegli e decidi che bisogna fare qualcosa, rompere le catene, specie quelle mentali, che ti lasciano inattivo, che ti tengono legato a terra, che ti relegano alla passività, che ti fanno pensare “È inutile che vai, tanto non ce la fai!”. Quelle catene solo le peggiori, perché non le vedi e sono subdole, perché giocano con le tue debolezze. Sono catene e tu vuoi essere una persona libera. Non c’è nulla che tu non possa fare.

E poi gli stessi gesti, che ormai ripeti da qualche mese: allacci bene quelle scarpe che hai comprato con tanti sacrifici, indossi la canottiera rosa fluo anche se, diciamocelo, non ti sta poi così bene e poi infili le cuffiette alle orecchie, che iniziano sempre e solo con Born to Run del Boss.

Corri…un passo dopo l’altro. All’inizio il passo è malfermo, i muscoli ci mettono un po’ ad abituarsi ma i primi minuti sono facili perché sono in leggera discesa. E corri…corri ancora…il sole del mattino in agosto è caldo… troppo caldo… l’asfalto della statale non ti aiuta ma svolti subito l’angolo, inizi a metterti sotto le suole quella provinciale dove non circola mai un’anima, dove il silenzio è rotto solo dai passi cadenzati che fai in strada e da qualche tortorella che tuba.

Corri ancora… alla fine di quel lungo rettilineo inizia la salita, il fiato si fa corto, rallenti, il respiro è affaticato… inizi a sudare… le gambe ti fanno male e quei maledetti chili in più si sentono tutti!!! Il primo pensiero “Ora mi fermo e torno indietro!” e di colpo tornano le catene…la salita non aiuta, le gambe si alzano a fatica, le catene sembrano arpionarti le caviglie al suolo e tentano di farti desistere… la salita è lunga e quelle catene sono così pesanti… dalla fronte il sudore scende negli occhi che bruciano… la vista si appanna un po’… senti quel sibilo in fondo alla gola e il cuore che ti martella nel petto: booboom, booboom! Lento. Inesorabile. Fa casino. Troppo casino quel cuore che martella e al quale non sei abituato. E  c’è ancora un po’ di salita da fare ma inizi ad abituarti a quel battito: un battito, un passo., un battito, un passo. Quell’andatura rallentata inizia a prendere forza e ogni passo si intona lentamente al ritmo del tuo cuore e continui a correre!

Le gambe ora rispondono bene e la mente anche, i pensieri sono più lucidi, gli obiettivi più concreti, riesci addirittura a sentire la musica che esce dal tuo iPod, e che su quella salita non hai minimamente considerato, il respiro si fa regolare, la salita ha dato posto a un sentiero leggermente in ombra che ti dà subito sollievo, respiri di nuovo dopo l’apnea della salita, senti ogni muscolo tendersi e battere la strada, una strada tutta nuova che si srotola davanti alla tua nuova vita da “quasi runner” e non ti fermi perché ormai la serratura è aperta e quelle catene le hai perse per strada!

Baiocco Gabriella

(Photo credits Ryan Moreno)

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe

Nike Air Zoom Tempo NEXT%: ammortizzazione e propulsione

La famiglia NEXT% di Nike si allarga con l'arrivo delle tempo. Pensate per allenamenti veloci e gare, nascono per essere veloci, propulsive e ammortizzate.

Le donne sono sempre più veloci e resistenti

La biologia ci insegna che il corpo maschile prevale su quello femminile. Ma fino a un certo punto (o a una certa distanza)

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

I test per misurare le prestazioni

In questa puntata di Fuorisoglia parliamo di quali test fare per capire le tue prestazioni nella corsa. Come sta il tuoi fisico? Come puoi migliorarti? Dal più semplice al più complesso, saprai tutto!

I test per conoscere meglio il tuo corpo

Una serie di test per conoscere meglio la tua condizione fisica

La prova dei 10 chilometri “tranquilli”

Un test molto interessante da svolgere su 10 Km - distanza che unisce velocità e resistenza - per misurare il risultato dei tuoi allenamenti senza caricare troppo.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.