Le Spezie salvano la vita

Tempo di lettura: 2 minuti

run1

Abbiamo parlato in maniera approfondita della curcuma per via della preparazione del Golden Milk tra le migliaia di cose che c’erano da dire. La frase “le spezie salvano la vita” non è a effetto. Non è buttata lì giusto per destare clamore. Le spezie salvano davvero la vita. Conoscerle, saperle adoperare, mixare e inserire correttamente in una dieta sana e bilanciata è quanto di più importante si possa fare. Pensare di amarsi e di prendersi cura del proprio corpo correndo giusto per mangiare tre hamburger e bere qualche boccale di birra in più è semplicemente stupido, senza girarci tanto intorno.

Correre è una filosofia e come tale non è così semplicistica: corro=magno e bevo di più quello che voglio.

Le spezie sono alla base della medicina naturale, che non va mai dimenticato non è una fesseria ;-). Non parlo di curare i tumori con l’aloe o con i centrifugati per carità. Non mi sono ancora rincretinita del tutto insomma. E sottolineo che questa è e rimane la mia personalissima e incontestabile opinione. Ognuno può credere quello che certamente vuole. La medicina naturale che fonda tutto sulla medicina cinese però di certo ha un suo inconfutabile peso e verità.

Studi epidemiologici che esplorano il legame tra alimentazione e salute dimostrano che le popolazioni che adottano una dieta ricca di spezie registrano tassi di incidenza inferiori per quanto riguarda determinate patologie (mi permetto di consigliarti il libro “Spezie che salvano la vita” di Bharat A. Aggarwal. Una rivelazione). Le spezie combattono i microbi, i batteri e i virus. Aiutano a debellare il colesterolo e mantengono i nervi saldi. Le spezie alleviano il dolore, controllano l’insulina ed equilibrano gli ormoni. Stimolano il metabolismo e aiutano a bruciare e rilassano la muscolatura. Questi sono alcuni degli infiniti benefici che si possono apportare al nostro corpo. Tutto sta nel conoscerle, saperle dosare e abbinare ed è per questo che nasce la Rubrichetta delle Spezie qui su RunLovers. Seguiranno infatti molti consigli, ricette indicate per i Runner e tanti abbinamenti.

Sullo stesso argomento:
Holishkes: Involtini di Verza

Oggi cominciamo con le prime sei che non dovrebbero mai mancare.

Curcuma, Prezzemolo, Rafano, Menta e Cumino.

Photo Credits Testata Doddytank

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.