La magia della Zucca. Nelle corse e nella vita.

La sacra zucca contenitore di magia, bontà e leggenda

Tempo di lettura: 4 minuti

Abbiamo già elencato i primi cinque alimenti autunnali che fanno bene alla salute e alle corse ed elogiato la zucca come è giusto che sia preparando una zuppa deliziosa con i ceci e facendo un panino -nella Rubrica 3 Minutes Sandwich- delizioso con del pane di zucca profumato all’arancia e l’hamburger di tacchino con semi di chia e curcuma (che non dovrebbe mai mancare nella dieta di ogni runlover o sportivo in genere).
Sono di parte lo confesso e voglio mettere sin da subito le cose in chiaro. Chi ticchetta freneticamente è una zucchivora (l’ho coniato, sì) convinta. Raramente sono felice per un determinato alimento legato alla stagione, ma alla fine dell’estate sono già lì che saltello urlando “zucca! zucca! zucca!”. Nell’Antica Grecia -e non solo- era considerata sacra e veniva seccata dopo essere stata svuotata per servire da contenitore. Il sale veniva addirittura trasportato così, ma anche cereali e latte. Ho letto su un libro che addirittura -in quelle più grandi- si trasportavano ciotole, cucchiai e posate per lunghi tragitti. Sul fatto che abbia un significato inscindibile tra vita e morte neanche ci metto becco – Halloween per dire- perché cadrei nella mia gravissima forma di prolessitudine (il lunedì conio idiozie, sì. Prolissità esiste lo so), raramente apprezzata (e lo capisco). La zucca legata indissolubilmente e in modo allegorico alla testa -cocuzza- senza dimenticare modi di dire e proverbi (Sei fuori di zucca, Zucca vuota e molto altro) con il suo cervello aggrovigliato di semi terapeutici dimostra quanto sia fondamentale.

Sullo stesso argomento:
I 10 articoli più letti su RunLovers nel 2017

Le prime notizie fondamentali che bisognerebbe sempre ricordare riguardo alla zucca sono che innanzitutto pur essendo ipocalorica è molto dolce e che sazia tantissimo; questo la rende amica delle diete ipocaloriche. Avercene di amiche così! Dal dolce al salato non delude mai e qualsivoglia preparazione diventa particolare e gustosa. Speziandola per bene e abbinandola nel modo corretto non “impasta” il palato eccessivamente di dolcezza. Molti non la gradiscono proprio per questo motivo ma miscelando sapientemente spezie, condimenti leggeri e sani con la zucca, dal latte al mattino (Pumpkin Spice Latte giusto per dirne una) al dolcetto alla sera che ci tornerà utile per la corsetta dell’indomani mattina, non delude mai.

dsc_4451

Tra proprietà, benefici e cultura popolare

Ricchissima di acqua (è l’anguria dell’autunno in pratica. Che bella cosa ho detto? Se vuoi lasciarmi dei complimenti anche finti te ne sarei grata) è dolce sì ma la sua polpa in realtà è povera di zuccheri. Depurativa, ricca di antiossidanti, vitamina A, contiene fibre ed è perfetta per ridurre lo stress. Io davvero faccio una fatica immane a sintetizzare oggi sull’argomento perché seriamente ne sono innamorata. Ho tantissimi libri sulla zucca e credo di averci fatto qualsiasi cosa. Pure impacchi sulla pelle, giusto per dirne una. Con la carne, il pesce e le alghe. Le torte e le crostate senza dimenticare il gelato. Fritta è qualcosa di incredibilmente buono e non voglio neanche pensare alla zuppa (altrimenti corro in cucina e me la mangio adesso che sono le otto del mattino). Sui semi di zucca poi noi siciliani siamo proprio fissati. La chiamiamo calia (sai che quando non andiamo a scuola noi non la bigiamo? Noi LA CALIAMO! E viene esattamente dai semi di zucca -calia appunto- perché li reputiamo un momento di festa. Infatti alle feste di paese e alle sagre i semi di zucca tostati non mancano mai. La calia non manca mai perché significa solo una cosa: Festa!).
Vengo da una cultura -e in effetti sono ancora nella Magna Grecia- dove la zucca e i semi sono appunto segni di festa e salute. Nel nord Italia ce ne sono tantissime varietà preziose. Seguiranno tantissime preparazioni con la zucca qui su RunLovers perché le potenzialità di questo incredibile alimento sono infinite e guardando libri di triatleti, sportivi e runner professionisti non trovare la zucca significa: utopia. C’è sempre come sempre dovrebbe essere sulle tavole.

Sullo stesso argomento:
Hai bisogno di nuove idee? Fatti una passeggiata (o corri)

dsc_8692

Zucca al vapore con semi di zucca, sesamo e mandorle con olio extra vergine d’oliva e succo di limone

Dove metterla?

Aggiungila al ragù. Metti meno carne e più zucca; del resto la salsiccia con la zucca è un connubio perfetto, no?

Metti la polpa nel latte e spezia. Conosci il Pumpkin Spice Latte di Starbucks? Farlo in casa è meglio ed è buonissimo. Giovedì qui su Runlovers ci sarà la ricetta.

Hai mai provato a fare il purè classico ma diminuendo la quota di patate e aggiungendo la zucca? Bene. Vai di salvia e leccati i baffi.

A colazione? E perché no? A colazione diventa perfetta se spalmata sul formaggio. Per non parlare abbinata al parmigiano.

Sai che si può fare anche la torta di zucca al microonde proprio come quella al cioccolato? Un’idea dolce e velocissima che ti stupirà.

Hai mai mangiato la zucca candita? E quella candita al cioccolato? Facilissima da fare come le frittelle, ti renderà la vita dolce e salutare. E i pancake di zucca?

Biscotti alla zucca, barrette con la zucca e abbinamenti speziati e con i semi di papavero (accostamento grandioso da grandi gourmand).

E nel tè? No. Non sono impazzita ma nel Chai latte diventa una cosa talmente succulenta che non so neanche descriverla.

E qualcuno mi tolga la tastiera perché potrei continuare fino all’infinito. Ma è lunedì e devo smetterla.

Sullo stesso argomento:
Yuri Faccetti: una vita da pacer

Ah. Io la metto pure nel porridge :-P

dsc_5403

Piselli gialli spezzati con zucca, mandorle e avena

Foto RUNLOVERS

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

3 COMMENTI

  1. ciao, ogni sera faccio la zucca al vapore da circa un anno. pensa la mangiano anche i ragazzi. e non solo d’inverno ma anche d’estate. é un piacere mangiarla con quel suo gusto e delicato e zuccherino. vedró di utilizzarla anche con altre pietanze come hai suggerito. grazie

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.